Traduci

Bloomberg annuncia candidatura per la Casa Bianca

Bloomberg annuncia candidatura per la Casa Bianca

cms_15045/bloomberg_afp_2411.jpg

Michael Bloomberg annuncia la sua candidatura alla nomination democratica per la Casa Bianca. Il 77enne ex sindaco di New York, magnate dei media, si propone come un’alternativa centrista a Joe Biden, in un campo di candidati democratici già molto affollato.

Bloomberg ha lanciato la sua candidatura in un video diffuso online, nel quale in parte ha riproposto la sua storia personale, in parte ha attaccato il presidente Donald Trump.

“Mi candido alla presidenza per sconfiggere Donald Trump e ricostruire l’America. Non possiamo permetterci altri quattro anni di azioni spericolate e non etiche da parte del presidente Trump. Lui rappresenta una minaccia esistenziale per il nostro Paese e i nostri valori”, ha detto Bloomberg. “Se vincerà un altro mandato – ha aggiunto – potremmo non riprenderci più dai danni”.

Hong Kong al voto tra tensioni e proteste

cms_15045/Hong_kong_elezioni_afp.jpg

Hong Kong al voto per le elezioni amministrative nel mezzo della più grave crisi politica dal ritorno della città-Stato sotto la sovranità cinese nel 1997. Tra le tensioni degli ultimi mesi, lunghe code sono state segnalate in tutta la città sui social media. Oltre 1,2 milioni di persone si sono recate alle urne nelle prime ore di apertura dei seggi: un’affluenza che alle 12:30 (ora locale) sembra essere più del doppio rispetto allo stesso periodo delle elezioni del consiglio distrettuale del 2014 e del 2011. La cifra rappresenta oltre il 30% dei 4 milioni di elettori ammissibili di Hong Kong, secondo le statistiche elettorali.

Secondo gli osservatori, le elezioni sono in sintesi un referendum sulle proteste che scuotono l’ex colonia britannica da giugno innescate dalla contestata legge sull’estradizione in Cina. Oltre 1.100 candidati si contenderanno i 452 seggi dei 18 consigli distrettuali. La scena politica è fortemente polarizzata tra i partiti che sostengono le ragioni dei manifestanti e quelli, invece, che contestano le violenze.

Secondo quanto ha scritto il South China Morning Post, reparti antisommossa sono stati schierati ai seggi. La situazione in queste ore a Hong Kong, tuttavia, appare tranquilla.

Esplode la rivolta in Colombia, morti e feriti

cms_15045/colombia_proteste_scontri_afp_(3).jpg

Un giovane è rimasto gravemente ferito a Bogotà nel corso di scontri fra manifestanti e forze di sicurezza scoppiati durante le proteste contro il governo del presidente colombiano Ivan Duque. Identificato come Dylan Cruz, il giovane è stato colpito alla testa, secondo diversi media locali, da un ordigno stordente o un lacrimogeno lanciato dall’Escuadrón Móvil Antidisturbios (Esmad), la polizia antisommossa. Il procuratore generale ha avviato un’indagine per determinare i fatti. In precedenza, Duque aveva ordinato un’indagine “urgente” per chiarire il caso “rapidamente” e “determinare le responsabilità”.

“Siamo molto dispiaciuti che il giovane Dylan Cruz sia rimasto ferito durante gli eventi che hanno avuto luogo oggi nel centro di Bogotá. La nostra solidarietà con la sua famiglia”, ha scritto il presidente su Twitter. dello stesso tenore un tweet del sindaco della capitale colombiana, Enrique Peñalosa: “Mi dispiace molto che un giovane sia stato gravemente ferito”, mentre difendeva il suo “diritto di protestare”.

Duque ha poi annunciato che lo svolgimento di un dialogo nazionale per “rafforzare” l’agenda sociale nel Paese si apre oggi e non mercoledì come precedentemente comunicato. “Con sindaci e governatori eletti da tutto il paese inizieremo un dialogo nazionale”, ha scritto nel suo account Twitter, aggiungendo che un “tavolo di lavoro con la Commissione nazionale per l’accordo sul lavoro” si svolgerà lunedì e che il dialogo con i diversi settori sociali continuerà per tutta la settimana successiva. Il presidente ha già spiegato che intende lavorare per “colmare le lacune sociali, combattere la corruzione in modo più efficace e costruire una pace con tutti noi insieme”. Inoltre, ha sottolineato che “tutti i settori sociali e politici” parteciperanno al dialogo e che “mezzi elettronici e meccanismi partecipativi” saranno utilizzati per tutti i colombiani.

Anche la vicepresidente della Colombia, Marta Lucía Ramírez, si è espressa in questa linea e ha affermato che il dialogo è aperto a tutti i cittadini. A questo proposito, ha affermato che le “piattaforme tecnologiche” saranno utilizzate per “raccogliere tutte le preoccupazioni che i colombiani hanno, definire un programma di soluzioni e attuarlo con i tempi precisi e adeguati interventi”.

Tre persone sono già state uccise da quando l’ondata di protesta è iniziata giovedì. La Defensoría del Pueblo della Colombia, organo costituzionale per la promozione e la difesa dei diritti umani, ha espresso “preoccupazione” per l’”uso eccessivo” della forza da parte dell’Esmad, chiedendo “alla forza pubblica di valutare le proprie azioni al fine di rispettare i diritti umani”. Nella giornata, inoltre, una marcia nelle immediate vicinanze del Parco Nazionale della capitale si è conclusa con scontri tra manifestanti e truppe Esmad. Inoltre, la stampa colombiana riporta disordini e incarcerazioni in altre parti del centro di Bogotà e l’intervento di agenti di polizia per disperdere i partecipanti.

La violenza delle proteste ha costretto le autorità di Bogotà a dichiarare il coprifuoco per la notte di sabato. La capitale è sembrata quindi tornare alla normalità, ma numerosi manifestanti hanno sfidato il provvedimento riunendosi davanti all’abitazione di Duque. Proteste sono state riportate anche nelle città di Cali e Bucaramanga.

Nel frattempo, un attentato dinamitardo a una stazione di polizia a Santander de Quilichao, nel dipartimento di Cauca ha ucciso tre agenti e ferito altre 10 persone. L’attacco, che le autorità regionali attribuiscono ai dissidenti dell’ex movimento di guerriglia delle FARC, non si ritiene sia direttamente correlato alle proteste.

Autore:

Data:

25 Novembre 2019