Traduci

BOMBA SPORCA,RUSSIA:”MINACCIA REALE. USA:”FALSO”

cms_28015/John_Kirby.jpgGli Stati Uniti hanno respinto al mittente le accuse della Russia secondo cui l’Ucraina starebbe progettando una bomba sporca.

’’Semplicemente non è vero, si tratta di un’accusa falsa. Sappiamo che non è vero’’, ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, John Kirby.

Allo stesso modo “continuiamo a non vedere nulla in termini di preparativi da parte russa per l’uso di armi nucleari, nulla rispetto al potenziale utilizzo di una bomba sporca”, ha affermato Kirby.

“Abbiamo visto in passato che i russi, a volte, hanno incolpato altri per cose che stavano pianificando di fare”, ha avvertito, anche se al momento non ci sono prove che fanno pensare che questa sia la situazione attuale. “Ma è un gioco che abbiamo già visto”, ha aggiunto.

In precedenza il portavoce del Dipartimento di Stato americano Ned Price ha prospettato “conseguenze per la Russia’’ in caso di utilizzo una bomba sporca o un ordigno nucleare nella guerra in Ucraina.

cms_28015/Dmitry_Peskov.jpgUn monito interpretabile come una replica ai ripetuti allarmi lanciati da Mosca che anche oggi attraverso il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha ribadito le accuse a Kiev sul possibile utilizzo da parte ucraina di una bomba sporca, e criticato l’Occidente per il fatto di non credere all’allarme russo. “La loro sfiducia nei confronti delle informazioni trasmesse dalla parte russa – ha detto Peskov – non significa che la minaccia di utilizzo di una tale ’bomba sporca’ cessi di esistere. La minaccia è reale”.

Peskov ha poi sottolineato che “queste informazioni sono state portate all’attenzione degli interlocutori del ministro della Difesa” Sergei Shoigu. “Allora tocca a loro credere o non credere”, ha aggiunto Peskov, secondo quanto riporta la Tass.

Anche il generale Igor Kirillov, a capo delle forze di protezione chimica e biologica, afferma che due enti ucraini, in possesso dei materiali radioattivi prodotti da tre centrali del Paese, hanno ricevuto le istruzioni per sviluppare ordigni radiologici e stanno completando l’opera. Kirillov ha citato anche i magazzini di combustibili radioattivi di Cernobyl.

Già ieri il dipartimento di Stato Usa aveva diffuso una dichiarazione – insieme ai ministri degli Esteri di Francia e Regno Unito – in cui si affermava “con chiarezza che rifiutiamo tutte le accuse trasparentemente false sul fatto che l’Ucraina si starebbe preparando all’uso di una bomba sporca sul suo stesso territorio”. La dichiarazione – che fa riferimento ai colloqui che i ministri della Difesa dei tre Paesi hanno avuto con Shoigu – conclude sottolineando che “il mondo deve vedere il tentativo di usare queste accuse come pretesto per un’escalation”.

LA REAZIONE UCRAINA

cms_28015/Dmytro_Kuleba.jpgUn rigetto netto delle accuse russe è arrivato dal ministro degli Esteri ucraina Dmytro Kuleba che su Twitter ha fatto sapere: “Nel mio colloquio telefonico con Rafael Grossi ho invitato formalmente l’Aiea a inviare con urgenza esperti presso le strutture pacifiche in Ucraina che la Russia sostiene in modo ingannevole stiano sviluppando una bomba sporca”.

Kuleba aggiunge quindi che “a differenza della Russia, l’Ucraina è stata sempre e rimane trasparente.

Non abbiamo nulla da nascondere”, ha concluso.

E il consigliere del presidente ucraino Mikhailo Podolyak ha rilanciato: “Le telefonate di Shoigu e Gerasimov, le dichiarazioni di Lavrov e Peskov, la Russia ha avviato una campagna informativa organizzata sulla ’bomba sporca’ per legalizzare i suoi crimini. Le azioni sono più importanti delle parole. L’Ucraina tiene sempre le porte aperte alle ispezioni dell’Aiea. Mosca è pronta per le ispezioni?”.

LA NATO

cms_28015/Jens_Stoltenberg.jpgLe accuse russe all’Ucraina sulla bomba sporca sono “assurde”, secondo il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. “L’accusa che l’Ucraina si stia preparando a usare bombe sporche contro il suo stesso territorio – ha affermato in un’intervista a Politico Europe – per la cui liberazione Kiev sta combattendo duramente, è assurda. Ciò che ci preoccupa è che questo fa parte di uno schema che abbiamo già visto in passato da parte della Russia, in Siria, ma anche all’inizio della guerra, o poco prima dell’inizio della guerra a febbraio – ha ricordato il numero uno della Nato – E cioè che la Russia accusa altri di fare ciò che intende fare lei stessa”. Ma, ha avvertito, Mosca “non dovrebbe usare queste false accuse come pretesto per un’ulteriore escalation della guerra in Ucraina”.

COLLOQUIO TAJANI-BLINKEN

cms_28015/000.jpgIntanto il neo-ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani e il Segretario di Stato americano Antony Blinken hanno confermato in un colloquio telefonico di voler ’’continuare a lavorare insieme per assicurare pace e giustizia in Ucraina, garantendo continuo sostegno a Kiev e mantenendo un atteggiamento di massima fermezza nei confronti della Federazione Russa’’, riferisce la Farnesina in una nota spiegando che entrambi hanno ’’convenuto sull’importanza’’ di questa collaborazione.

Data:

25 Ottobre 2022