Traduci

Bombardiere russo sorvola nave Usa in Norvegia

Bombardiere russo sorvola nave Usa in Norvegia

cms_10735/tupolev_russo_afp.jpg

Un bombardiere Tu-142 russo ha sorvolato un’ammiraglia statunitense al largo della Norvegia dove si svolge la massiccia esercitazione della Nato Trident Juncture. Lo riferisce il sito RussiaToday. L’aereo è apparso in cielo proprio nel momento in cui i marines a bordo della USS Mount Whitney, l’ammiraglia della sesta flotta americana, si stavano riunendo sul ponte per una foto di gruppo. Il sorvolo ha permesso alle truppe americane la rara opportunità di osservare il Tu-142, che la Nato chiama in codice ’Bear-F’.

Il ministero della Difesa russo ha confermato che due velivoli anti-sottomarini Tu-142 hanno effettuato venerdì un volo programmato sulle acque neutrali del Mare di Norvegia. Gli aerei hanno trascorso 12 ore in aria e sono poi tornati con successo alla base nella regione russa centro-settentrionale di Vologda. “Tutti i voli degli aerei della Marina Militare Russa sono effettuati in stretta conformità con le regole internazionali per l’uso dello spazio aereo senza violare i confini di altri paesi”, ha detto il ministero.

Trident Juncture è la più imponente esercitazione militare della Nato dai tempi della Guerra Fredda. I militari coinvolti sono circa 50mila, con l’impiego di 10mila mezzi terresti e oltre 300 tra aerei e navi da guerra. L’esercitazione serve a testare le capacità di risposta dell’Alleanza atlantica ad un eventuale attacco contro un Paese membro. Tutti i 29 Paesi membri della Nato, insieme ai partner Svezia e Finlandia, prendono parte alle manovre, che proseguiranno fino al 7 novembre.

Twitter cancella 10mila account fake

cms_10735/twitter_ipa_fg.jpg

In vista delle elezioni di midterm negli Stati Uniti, Twitter ha eliminato 10mila falsi account che esortavano i cittadini a non andare a votare. Lo riferisce il portale tecnologico TechCrunch, precisando che i profili eliminati erano falsamente attribuiti al partito democratico. Abbiamo eliminato una serie di account “perché cercavano di condividere disinformazione in maniera organizzata”, ha detto un portavoce di Twitter, citato dal portale. Twitter non ha però mostrato esempi dei falsi account o fornito indicazioni su chi ne è responsabile, sottolinea TechCrunch.

Spari in centro yoga in Florida, 2 morti

cms_10735/poliziausa_AFP.jpg

Un uomo armato ha ucciso due persone e ne ha ferite altre cinque prima di togliersi la vita in un centro yoga in Florida. Quattro dei feriti sono stati colpiti da pallottole, mentre il quinto è stato picchiato col calcio della pistola, ha riferito Michael DeLeo, capo della polizia di Tallahassee, capitale della Florida, dove è avvenuta la sparatoria.

“Diverse persone hanno reagito e cercato di salvare non solo loro stessi, ma anche gli altri, il che sottolinea il loro coraggio”, ha rimarcato DeLeo. La polizia ritiene che lo sparatore abbia agito da solo. L’uomo è stato identificato, ma il suo nome non è stato ancora reso noto in attesa di capire le sue motivazioni.

Litiga per un parcheggio, fermato Alec Baldwin

cms_10735/alec_baldwin_2018_ipa_fg.jpg

L’attore americano Alec Baldwin è stato fermato dalla polizia dopo una lite per un parcheggio a New York. Successivamente rilasciato, dovrà presentarsi in tribunale il 26 novembre per rispondere dell’accusa di aggressione. Secondo la polizia, riferiscono i media americani, la lite è scoppiata in un parcheggio del West Village a Manhattan dove un uomo di 49 anni al volante di una Saab station wagon si è infilato in un posteggio che un familiare di Baldwin stava tenendo occupato per parcheggiare la Cadillac Escalade dell’attore. Il 49enne si recato in ospedale per un dolore alla mascella, ma il 60enne Baldwin ha negato di averlo preso a pugni.

Molto apprezzato per la riuscita imitazione di Donald Trump nel Saturday Night Live, Baldwin è anche conosciuto per il suo caratteraccio. Già nel 2014 fu arrestato per una lite con la polizia, che l’aveva fermato mentre andava in bicicletta contromano a New York. “Gli auguro buona fortuna“, ha detto il presidente americano quando i giornalisti gli hanno chiesto di commentare l’arresto del suo imitatore.

Autore:

Data:

4 Novembre 2018