Traduci

Caso Acea. Se il marketing dimentica il know-how

Che l’autostima sia il segreto del successo, è opinione condivisa da molti strateghi della comunicazione, le cui tesi continuano a conquistare il mondo politico. In un’epoca segnata da una forte incidenza dell’immagine, le strategie di marketing, sicuramente utili, rischiano di soppiantare il sapere, creando lacune spesso dannose. Se un tempo il far politica era affare di sezione, dove si cresceva a suon d’idee e cultura, ora è questione di social e piattaforma dove l’apparire conta più dell’essere, la metacomunicazione più del dibattito e gli slogan ad effetto più del know-how. È giusto che una politica efficiente si avvalga di una comunicazione efficace per esprimere le sue tesi, ma è assolutamente necessario che esse trovino fondamento in quella cultura strategico economica che oggi appare essenziale per sostenere la crescita di una Nazione.

cms_3651/foto_3_.jpg

L’amministrazione locale non deve essere da meno, soprattutto se si parla della Capitale. Apprendere della perdita del 4,73% di Acea, per il 51% di proprietà del Comune di Roma, a causa delle improvvide dichiarazioni rilasciate da un candidato in corsa per la poltrona di sindaco, fa riflettere.

Affermare: “Dobbiamo valutare come agire sul versante Acea, una cosa che faremo di sicuro è cambiare il management”, ha portato all’immediato declassamento del livello di affidabilità del titolo della multiutility, determinando la perdita, in 48 ore, di 142 milioni di euro, 71 dei quali del Campidoglio.

Non è mia intenzione soffermarmi sulle accuse mosse dal principale avversario politico, né sui tentativi di giustificazione della parte in causa. Il fine di questo articolo vuole essere quello di portare a conoscenza del lettore alcuni concetti base del mercato azionario italiano, al fine di capirne il funzionamento e l’interazione con l’ambiente nel quale opera. Ciò faciliterà la comprensione di quanto sia determinante la conoscenza tecnica della politica nel buon funzionamento della realtà che amministra.

cms_3651/foto_4.jpg

Tutti sanno che le azioni, quali principali strumenti di investimento, sono frazioni acquistabili di capitale societario, il cui prezzo dipende dal contesto in cui la società è collocata e dai risultati economici che riesce a conseguire. All’andamento positivo congiunturale, correlato alla capacità di produrre utili, consegue un “apprezzamento” del titolo. A una situazione di incertezza segue un “deprezzamento”. Al registrarsi di una variazione presente o possibile seguono accurate analisi volte a stabilire, in termini percentuali, le possibilità di crescita, rivalutazione, invariabilità, calo o contrazione.

cms_3651/foto_4_.jpgNel caso di Acea gli analisti di Equita, società di intermediazione finanziaria, sono passati allo stato di invariabilità del titolo (hold), ravvisando nelle affermazioni del Movimento 5 Stelle la causa di una situazione di instabilità: “considerate le affermazioni di voler cambiare il management di Acea, riteniamo che il rischio elezioni stia aumentando e quindi passiamo ad hold”. La borsa è un terreno delicato e quando la politica gioca con la comunicazione, toccando il mercato, è necessario che sappia farlo. Nell’era moderna, la cognizione economico-finanziaria è da annoverarsi tra i requisiti essenziali di un city manager, al quale è affidato il compito di condurre, con trasparenza e legalità, un’azione di valorizzazione del territorio amministrato, volta al raggiungimento di standard qualitativi che includano il profitto per le realtà, quali le municipalizzate, in grado di conseguirlo. Ciò a beneficio della collettività.

cms_3651/foto_5.jpg

Ben saperlo dovrebbero gli Inglesi dell’Economist e del Guardian, essendo stati i primi ad attuare con successo il market oriented. La visione nella politica contempla la capacità di costruire il futuro, attraverso la progettazione fattibile e condivisa. Un progetto fattibile può nascere solo dalla conoscenza.

Data:

28 Marzo 2016