Traduci

Catalogna al voto, cariche e spari: 760 feriti

cms_7350/catalogna_referendum_Afp.jpgViolenze, accuse e tensione alle stelle a Barcellona in una giornata caratterizzata dalle cariche della polizia nazionale nelle scuole per impedire il referendum sull’indipendenza della Catalogna. Dopo gli interventi delle forze dell’ordine, i servizi di emergenza catalani hanno reso noto che 761 persone so o rimaste ferite, due dei quali in condizioni gravi e ricoverati nell’Ospedale di Sant Pau e nel Vall d’Hebron. Il portavoce del governo catalano, Jordi Turull, ha invitato le persone rimaste coinvolte negli episodi a sporgere denuncia ai Mossos, la polizia locale catalana. Secondo Turull, non è stato possibile votare in 319 seggi, a causa dell’intervento della polizia spagnola. I voti espressi, ha detto, in ogni caso saranno ’’milioni’’.

“L’assoluta irresponsabilità del governo catalano è stata affrontata con professionalità delle forze dell’ordine. Con fermezza ed in modo proporzionato abbiamo sventato i piani della Generalitat”, ha detto invece la vice premier spagnola, Soraya Sáenz de Santamaría, difendendo l’azione delle forze dell’ordine spagnole. “Non c’e’ stato nessun referendum, neanche una sua parvenza. Continuare con questa farsa non porta da nessuna parte, bisogna immediatamente mettervi fine”, ha poi aggiunto.

Secondo il presidente del governo catalano, Carles Puigdemont, la polizia spagnola ha sparato proiettili di gomma contro la gente che cercava di votare, oltre a usare i manganelli. Questo, ha sottolineato, “è un esempio di azioni ingiustificate e ingiustificabili”. Una delle persone rimaste coinvolte nelle cariche della polizia spagnola è stata ferita a un occhio da una pallottola di gomma, scrive ’El Pais’ citando fonti sanitarie dell’ospedale di Sant Pau di Barcellona.

Fuori dai seggi si sono formate, sin dall’alba, lunghe code di persone. Ma la polizia nazionale ha iniziato a intervenire già qualche minuto prima dell’inizio della votazione per impedirla.

“La Guardia Civil resiste a provocazione e molestie esercitando in modo proporzionato le sue funzioni a difesa della legge”, ha scritto in un tweet il corpo di polizia nazionale spagnolo difendendosi dalle accuse di aver fatto ricorso a un eccessivo uso della forza. A Girona per impedire al presidente Puigdemont di votare, la Guardia civil è intervenuta sfondando l’ingresso di una scuola ed entrando.

Lo “Stato spagnolo” oggi si è reso responsabile di “un’aggressione indiscriminata” contro elettori che stavano “votando pacificamente”, ha detto Puigdemont parlando dal seggio di Sant Julià de Rami dove ha votato dopo che la Guardia Civil è intervenuta nel seggio di Girona dove doveva votare per il referendum sull’indipendenza.

Secondo i sondaggi, non c’è sostegno maggioritario per l’indipendenza, ma la partecipazione è considerata critica: un numero elevato consentirebbe ai secessionisti di dichiarare di avere un mandato di indipendenza, mentre un numero basso potrebbe compromettere seriamente i tentativi di essere presi seriamente.

Canada, camion contro la folla: 5 feriti

cms_7350/Poliziascozzese_xin.jpgLa polizia canadese ha arrestato un uomo di 30 anni che la notte scorsa ha aggredito un agente con un coltello e poi lanciato un camion contro la folla, ferendo 5 persone. “Noi crediamo che l’uomo abbia agito da solo”, ha dichiarato il capo della polizia di Edmonton, dove è avvenuta la notte scorsa l’attacco proprio nella zona dei bar e dei locali, affollata nel weekend.

L’attacco è iniziato quando l’uomo ha prima travolto e poi colpito con un coltello un agente addetto al traffico. E’ così iniziato un inseguimento, durante il quale l’uomo ha travolto quattro passanti. La sua fuga si è interrotta quando il camion che guidava è uscito fuori strada.

All’interno del veicolo la polizia ha trovato una bandiera dello Stato Islamico. “Sulla base delle prove raccolte sulla scena e le azioni del sospetto, è stato deciso che si tratterà di un’inchiesta di terrorismo”, ha aggiunto il poliziotto.

Marsiglia, accoltella a morte due donne: ’Urlava Allah Akbar’

cms_7350/marsiglia_afp_0110.jpgUn uomo oggi ha aggredito e accoltellato a morte due donne alla stazione Saint-Charles di Marsiglia. L’aggressore è stato ucciso dalle forze di polizia intervenute. Il quotidiano La Provence precisa che l’aggressore, descritto come un uomo di circa 30 anni, urlava “Allah Akbar” mentre assaliva le persone ferme ad un binario, prima di essere ucciso dagli agenti. Dopo l’attacco, è scattato l’allarme in tutta la stazione ed è stato interrotto il traffico dei treni.

Come riferisce La Provence, la pista privilegiata dagli inquirenti è quella del terrorismo. Smentita, nel frattempo, la presenza di un secondo aggressore.

Autore:

Data:

2 Ottobre 2017