Headlines

Traduci

CENTRO DI SPERIMENTAZIONE DELL’ESERCITO – TEST AND EVALUATION PER LA DIFESA

Sotto le discrete ed esclusive volte dell’accogliente Auditorium del Ce.Poli.Spe. sabino, si sono ritrovati circa novanta delegati rappresentanti di ben 14 diversi Paesi europei. Organizzata in collaborazione con il Segretariato Generale della Difesa e Direzione Nazionale degli Armamenti in sinergia con la European Defence Agency (EDA), la preannunciata conferenza European Test and Evaluation Community Days, ha centrato tutti gli obiettivi.

cms_1520/Min_Difesa_Rossi_Cepolispe.jpg

Aperta dal Sottosegretario di Stato alla Difesa Gen. C.di A.On. Domenico Rossi che, salutando i convenuti a nome del Ministro Pinotti, ha sottolineato come la cooperazione europea sia l’unica strada perseguibile per uno strumento militare forte, competitivo ed efficace anche in situazioni di limitate risorse finanziarie, l’iniziativa (prima del genere in Italia) ha proposto autentici e nuovi percorsi di cooperazione. Sviluppato su diversi momenti operativi, tramite le presentazioni in sala e la mostra espositiva delle attività istituzionali, l’evento ha permesso ai singoli centri di test and evaluation (T&E) di porre le basi per la realizzazione di una rete europea che li unisca in maniera sinergica. Nel corso dei lavori, inoltre, l’EDA ha presentato nel dettaglio i lineamenti di policy nel defence T&E per la realizzazione della rete dei centri di T&E, con particolare riferimento al Defence T&E Base (DTEB) Database: piattaforma realizzata per facilitare la cooperazione tra i centri di T&E.

cms_1520/Conferenza_Difesa_Europa.jpg

Altrettanto interessante e cogente il dibattito conclusivo delle attività. Presenziato dal Brigadier Generale Giampaolo Lillo, direttore del Cooperatinon Planning & Support (CPS) di EDA, l’incontro ha consentito ai presenti di tracciare decise linee guida per il futuro dell’attività. Nel contesto: si è convenuto di mantenere un livello adeguato di capacità, di identificare nuove funzionalità di T&E, discutere gli standard e i loro effetti sulle prove, promuovere l’uso degli strumenti come il nuovo DTEB o altri database preesistenti, instaurare una concreta collaborazione in scala ridotta per incoraggiare la fiducia, esplorare connessioni tra le attività di T&E e la Research & Developement (R&D), lavorare sulla comunicazione tra i paesi membri e programmare altri incontri per condividere e aggiornare le informazioni. A sintesi, possiamo dire che si è trattato di una gran bella iniziativa. Tant’è che durante la due giorni non c’è stato momento per distrarsi e tutto è filati via liscio come… l’olio. Ottima anche l’accoglienza, squisito il lunch. La delegazione italiana, oltre che dal Centro Polifunzionale di Sperimentazione, sede dell’evento e deputato al T&E delle piattaforme terrestri, è stata costituita dal Centro di Supporto e Sperimentazione Navale di La Spezia, deputato a quelle navali; dal Centro Sperimentale di Volo di Pratica di Mare (RM) per il settore avionico; dal Centro Tecnico Interforze NBC di Civitavecchia (RM), per gli aspetti nucleari-biologici-chimici; dal Centro Interforze Studi ed Applicazioni Militari di San Piero a Grado (PI), per le attività fisico-elettromagnetiche, dal Centro Studi Sanità e Veterinaria di Roma competente in ambito sanitario e dal Poligono dell’Ufficio Tecnico Territoriale Armamenti Terrestri di Nettuno (RM) per le attività a fuoco. Il coordinamento nazionale dei citati enti è compito del V Reparto Innovazione Tecnologica del Segretariato Generale della Difesa/DNA. Bene. E che dire ancora, se non che il Ce.Poli.Spe. ed il suo staff dirigenziale, ha offerto il meglio della sua ampia e conclamata affidabilità.

Data:

3 Dicembre 2014