Traduci

CHARLES WILLIAM MITCHEL E IPAZIA

Charles William Mitchell (Newcastle upon Tyne, 1854 – 1903) è stato un pittore inglese preraffaellita.

cms_27763/1.jpg

Charles William Mitchell

L’opera Ipazia (1885, olio su tela 244,5×152,5 cm, Laing Art Gallery, Newcastle upon Tyne (UK) realizzata da Charles William Mitchell è dedicata alla scienziata e filosofa Ipazia (Alessandria d’Egitto, 350/370 – Alessandria d’Egitto, marzo 415).

cms_27763/2_1665017776.jpg

Chi conosce la storia di questa incredibile e formidabile donna, assume Ipazia come simbolo e martire della libertà di pensiero.

Nata intorno all’anno 360, era scienziata, filosofa, matematica e astronoma, figlia del filosofo Teone, aveva studiato nell’enorme biblioteca di Alessandria d’Egitto (tempio della cultura mondiale del tempo) e con la sua enorme cultura era arrivata a formulare ipotesi sul movimento della terra, a inventare l’astrolabio, il planisfero e l’idroscopio.

Con originalità aveva aderito alla scuola neoplatonica, anche se secondo fonti storiche lo aveva fatto in modo originale ed eclettico, non convertendosi mai al cristianesimo.

Purtroppo il fanatismo e l’ignoranza sono dei brutti demoni e per questo, in un clima di cieco ripudio della cultura e della scienza, in nome della crescente religione cristiana, Ipazia venne trucidata nel marzo del 415, lapidata in una chiesa da una folla di fanatici.

A suo nome è stato dedicato nel 2004, il Centro Internazionale Donne e Scienza, creato dall’UNESCO a Torino per sostenere lo studio, la ricerca e la formazione in particolare delle donne scienziate del Mediterraneo.

Una storia, quella di Ipazia, che dovrebbe far riflettere su come, l’ignoranza e i dogmi in generale, di tipo religioso, ma anche ideologico, siano troppe volte, nemici della libertà di pensiero e della sete di conoscenza del genere umano, oltre che fonte di assurde discriminazioni del genere femminile.

Data:

6 Ottobre 2022