Traduci

CHISSA’ COME SI SENTE DIO ADESSO

Il mondo che vorrei è a misura di uomo. Parla, canta e balla in tante lingue diverse. E’ caratterizzato da uno sgorgare di consapevolezza interiore che illumina il sentiero di ognuno. E’ una confusione eccezionale di colori. Il nero dà la mano al bianco e viceversa. Si apre alla diversità e ricerca il perché delle cose. Non crea dissonanze distinguendo inutilmente tra il meglio e il peggio. Al contrario, è caratterizzato da una logica armoniosa in cui il forte aiuta il debole. Ci si inchina davanti alla grandezza della natura e la si onora meravigliosamente. E’ aperto al cambiamento perché lo considera possibilità di crescita e di miglioramento personale. Sapete, guardare oltre significa posare lo sguardo al di là delle nuvole, verso il sole. Notate come ciò che circonda l’uomo sia in perfetta armonia con il resto?

cms_3003/foto_2_.jpg

Alla luce dei fatti accaduti in questi giorni, sorprende incredibilmente l’incapacità di apprezzare l’esistenza. Dio ci ha dato questo mondo, ce lo ha consegnato come un dono prezioso. Ci ha dato una Terra e offerto abbondanza di risorse. E’ un regalo perfetto. Sapeva che non saremmo stati in grado di apprezzarlo. Però voleva comunque farci vedere la bellezza. Desiderava che la guardassimo in faccia e ne facessimo buon uso. Gli atei possono anche non credere in nessun Dio ma per forza di cose devono ammettere che questo sia un luogo bellissimo. Chissà come si sente Dio adesso. Credo che al momento della strage sia diventato cieco all’improvviso. Una fitta ha aperto il suo cuore in due parti. Quel dolore tipico dei genitori che perdono un figlio. Gli occhi devono essersi anneriti tutto d’un colpo. Una sofferenza atroce per lui. Dall’alto è abituato a vedere grandi nefandezze, tuttavia questa ha un sapore diverso.

cms_3003/foto_3_.jpg

Quando uccidono in suo nome, si sente colpevole. Mentre soffoca nelle sue stesse lacrime si chiede che tipo di essere ha creato. Lui è sicuro di avergli messo un cervello in testa in grado di compiere calcoli difficili, di costruire oggetti utili e tanto altro. Ricorda bene con quanta pazienza si è prodigato per inserire nella mente la capacità di ragionare. Ha pensato che sarebbe stata usata con ingegno. Si domanda se non avesse dovuto aggiungere più empatia e maggiore sensibilità. Sono caratteristiche importanti, ti consentono di toccare la realtà in modo dolce. Quando ha finito la sua creazione, gli ha dato una carezza e augurato il meglio. Poi lo ha mandato nel posto migliore che avesse mai creato. Piange lacrime amare Dio adesso. Scendono copiose dal suo viso, solcano l’anima. All’improvviso gli vengono in mente le parole di uno tra gli uomini più straordinari che abbia visto: “Quando dispero, io ricordo che nel corso di tutta la storia la via dell’amore e della verità ha sempre trionfato. Ci sono stati tiranni e macellai, e per un po’ possono sembrare invincibili, ma la conclusione è che cadono sempre. Riflettici. Sempre.” Allora si tranquillizza, poggia una mano sul cuore e pensa che niente è perduto finchè c’è l’amore.

Data:

18 Novembre 2015