Traduci

Cina, accoltellati in un parco 4 docenti americani

(Adnkronos) –
Quattro docenti americani, impegnati in uno scambio universitario con la Cina, sono stati accoltellati in un parco pubblico a Jilin, nel nordest del Paese. Lo ha confermato il Cornell College, università dell’Iowa, secondo cui i quattro tutor sono stati feriti in un “incidente grave durante una visita in pieno giorno” al parco. “Siamo in contatto con i nostri quattro tutor e li stiamo assistendo”, ha detto il preside del college, Jonathan Brand, precisando che nel programma di scambio “non sono coinvolti studenti”.  Secondo quanto riferito dai media americani, i quattro stavano visitando un tempio nel parco Beishan, quando lo scorso fine settimana sono stati aggrediti da un uomo armato di coltello in circostanze che restano da chiarire. Il gruppo era accompagnato da un dipendente dell’università locale Beihua.  Dalle autorità ufficiali cinesi non è arrivato finora alcun commento all’incidente, del quale sono apparse sul social Weibo alcune foto delle vittime coperte di sangue mentre giacciono a terra, salvo poi essere rimosse.  Pechino parla di “incidente isolato”. “Dai primi rilievi la Polizia ha stabilito che si tratta di un incidente isolato e sono in corso ulteriori indagini”, ha fatto sapere il ministero degli Esteri cinese, riferendo di “quattro insegnanti stranieri della Beihua University attaccati” durante una visita al Beishan Park di Jilin. Secondo le notizie diffuse da Pechino, sono stati subito trasferiti in ospedale e non sono in pericolo di vita. Non sono chiari i motivi dell’attacco. “La Cina è ampiamente riconosciuta come uno dei Paesi più sicuri al mondo – ha detto il portavoce della diplomazia Lin Jian – La Cina ha sempre adottato misure efficaci e continuerà a farlo per proteggere in modo efficace la sicurezza di tutti gli stranieri in Cina”. E “portare avanti gli scambi culturali tra Cina e Stati Uniti è nell’interesse di entrambe le parti”. —internazionale/esteriwebinfo@adnkronos.com (Web Info)

Autore:

Data:

11 Giugno 2024

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *