Traduci

CINA CONTRO STATI UNITI:“CAMBINO ATTEGGIAMENTO O SI RISCHIA UN CONFLITTO”

In una conferenza stampa durante una riunione annuale del parlamento a Pechino, Qin Gang, il ministro degli Esteri cinese, ha dichiarato che gli Stati Uniti dovrebbero cambiare il loro atteggiamento “distorto” nei confronti della Cina o ne seguiranno “conflitti e scontri”.

Secondo il ministro, gli Stati Uniti si sono impegnati nella repressione e nel contenimento della Cina piuttosto che in una concorrenza leale e basata sulle regole.

Le relazioni tra le due superpotenze sono state tese per anni su una serie di questioni tra cui Taiwan, il commercio e più recentemente la guerra in Ucraina, ma sono peggiorate il mese scorso dopo che gli Stati Uniti hanno abbattuto un pallone al largo della costa orientale americana identificato come un velivolo cinese da spionaggio.

Gli Stati Uniti, dal canto loro, affermano di star fissando reti per favorire le relazioni e non stanno cercando affatto un conflitto con la Cina. I funzionari statunitensi, infatti, parlano spesso di stabilire barriere di sicurezza nelle relazioni bilaterali per evitare che le tensioni degenerino in crisi.

Seguendo lo stesso tono duro del suo predecessore, Qin ha commentato ribadendo che “se gli Stati Uniti non frenano e continuano ad accelerare sulla strada sbagliata, nessuna rete potrà impedire il deragliamento, che diventerà conflitto e scontro, e chi ne sopporterà poi le conseguenze catastrofiche?”

La Cina ha stretto una partnership “senza limiti” con la Russia lo scorso anno, settimane prima della sua invasione dell’Ucraina. La potenza cinese ha rifiutato di condannare il gesto barbaro difendendo ferocemente la sua posizione sull’Ucraina, nonostante le critiche occidentali per il suo fallimento nell’individuare la Russia come aggressore.

Da quando la Russia ha invaso il suo vicino sud-occidentale un anno fa, Xi Jinping ha avuto più volte colloqui con Putin, ma non con la sua controparte ucraina. Ciò mina la pretesa di neutralità della Cina nel conflitto, ha affermato il mese scorso il massimo diplomatico di Kiev a Pechino.

Qin ha reso noto che la Cina deve portare avanti le sue relazioni con la Russia man mano che il mondo diventa più turbolento e le strette interazioni tra il presidente Xi e il suo omologo russo hanno ancorato le relazioni dei vicini.

Inoltre la Cina ha cercato di internazionalizzare la sua valuta, lo yuan, che ha guadagnato popolarità in Russia lo scorso anno dopo che le sanzioni occidentali hanno escluso le banche russe e molte delle sue società dai sistemi di pagamento in dollari ed euro.

“Le valute non dovrebbero essere la carta vincente per le sanzioni unilaterali, tantomeno un travestimento per il bullismo o la coercizione”, ha detto Qin.

Data:

7 Marzo 2023