Traduci

COLLOQUI ERDOGAN-PUTIN : POSSIBILITA` NEL RILANCIARE L’ACCORDO SUL GRANO

Questo lunedi` il presidente turco Tayyip Erdogan ha dichiarato, dopo i colloqui con il presidente russo Vladimir Putin, che sarebbe presto possibile rilanciare l’accordo sul grano che secondo le Nazioni Unite abbia aiutato ad alleviare una crisi alimentare portando il grano ucraino sul mercato.

La Russia ha chiuso l’accordo a luglio, lamentando che le sue esportazioni di cibo e fertilizzanti affrontavano seri ostacoli. Erdogan, che in precedenza ha svolto un ruolo significativo nel convincere Putin a mantenere l’accordo, e le Nazioni Unite stanno entrambi cercando di convincere Putin a tornare sui suoi passi.

Come Turchia, crediamo che raggiungeremo una soluzione che soddisferà le aspettative in breve tempo”, ha detto Erdogan nella località del Mar Nero di Sochi dopo il suo primo incontro faccia a faccia con Putin dal 2022.

Secondo il presidente turco le aspettative della Russia erano ben note a tutti e le carenze dovrebbero essere eliminate, aggiungendo che la Turchia e le Nazioni Unite hanno lavorato su un nuovo pacchetto di suggerimenti per alleviare le preoccupazioni russe. Inoltre ha affermato che l’Ucraina dovrebbe ammorbidire la sua posizione negoziale contro la Russia per rilanciare l’accordo ed esportare più grano in Africa piuttosto che in Europa.

cms_31695/1.jpg

In risposta, il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, ha detto che Kiev non avrebbe cambiato la sua posizione, ma avrebbe preso nota del resoconto della Turchia sui colloqui di Sochi. “Non dovremmo continuare ad essere ostaggi del ricatto russo, dove la Russia crea problemi e poi invita tutti a risolverli”.

Putin ha ribadito la posizione della Russia che potrebbe tornare all’accordo, solo se l’Occidente smettesse di limitare le esportazioni agricole russe dal raggiungere i mercati globali. “Saremo pronti a prendere in considerazione la possibilità di rilanciare l’accordo sul grano, lo faremo non appena tutti gli accordi sulla revoca delle restrizioni all’esportazione di prodotti agricoli russi saranno pienamente attuati”, ha detto Putin.

La Russia e l’Ucraina sono due dei principali produttori agricoli del mondo, e i principali attori nei mercati del grano, orzo, mais, colza, olio di colza, semi di girasole e olio di girasole.

cms_31695/2_1694154482.jpg

Putin ha detto che la Russia prevede un raccolto di grano di 130 milioni di tonnellate quest’anno di cui 60 milioni di tonnellate potrebbero essere esportate.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha detto giovedì di aver inviato al Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov “una serie di proposte concrete” volte a rilanciare l’accordo.

Una delle principali richieste di Mosca è che la Banca agricola russa sia ricollegata al sistema di pagamenti internazionali SWIFT. Tagliato dall’Unione Europea nel giugno 2022 come parte delle pesanti sanzioni imposte in risposta all’invasione.

Putin ha detto che un piano per fornire fino a 1 milione di tonnellate di grano russo alla Turchia a prezzi ridotti per la successiva lavorazione in stabilimenti turchi e la spedizione ai paesi più bisognosi non era un’alternativa all’accordo sul grano. Tuttavia la Russia sembra vicina ad un accordo con sei paesi africani su un piano per fornire gratuitamente fino a 50.000 tonnellate di grano a Burkina Faso, Zimbabwe, Mali, Somalia, Repubblica Centrafricana ed Eritrea.

Data:

8 Settembre 2023