“ANCHE SENZA DI TE”: ANTEPRIMA NAZIONALE A TARANTO

Per il nuovo film di Francesco Bonelli, il cast in sala al cine-teatro Orfeo il 5 marzo

1519453509ANCHE_SENZA_DI_TE.jpg

Francesco Bonelli, il regista, lo definisce una “commedia sentimentale”, in realtà “Anche senza di te” è un film poliedrico e complesso.

cms_8524/2.jpg

Sara, personaggio interpretato da Myriam Catania, è un’insegnante precaria di scuola primaria (il precariato è uno dei temi affrontati nel film), dall’indole fragile poiché affetta da autofobia, un disturbo della personalità consistente nella paura di restare soli con se stessi. A causa di questo malessere si è rassegnata al lungo fidanzamento con Andrea, personaggio interpretato da Matteo Branciamore, professionista affermato che antepone il suo lavoro di brillante medico, alla vita privata.

cms_8524/3.jpg

Determinante sarà l’incontro della giovane insegnante con il collega Nicola (Nicolas Vaporidis), il quale condividerà con Sara l’ambizioso progetto di introdurre nelle scuole Italiane il Reggio Emilia Approach, l’innovativo metodo del pedagogista emiliano Loris Malaguzzi inventato nel secondo dopoguerra e adottato soprattutto all’estero.

cms_8524/4.jpg

Questo punto è fondamentale in quanto affronta anche il tema riguardante “il talento” (N.d.R. leggasi “fuga di cervelli”), di estrema attualità nel nostro Paese. La trama si snoda tra la ricerca di autenticità di Sara, il progetto di introdurre la filosofia educativa del pedagogista emiliano, e le vicende private dei protagonisti. Alessio Sakara, Pietro de Silva, Valentina Ruggeri, Tatjana Nardone, Anna Ferruzzo, Paolo De Vita, Patrizia Loreti, Raffaele Vannoli, Antonella Bavaro e Carmine Recano completano il cast della pellicola, interamente girata a Taranto, prodotta da Hermes Film srl, Polifemo srl, e la Sun Film Group srl che si occupa anche della distribuzione.

cms_8524/5.jpg

Quest’opera di Bonelli fa da apripista a una serie di lungometraggi in fase di realizzazione a Taranto, necessari all’opinione pubblica italiana per guardare la città ionica con occhi diversi; attratti, fino a oggi, solo dalle tristi vicende legate all’Ilva e alla salute della popolazione. Non resta che attendere l’anteprima del film per capire qual è lo spessore culturale. Pertanto, diamo appuntamento ai nostri lettori nei prossimi giorni per conoscere alcuni aspetti salienti di questa commedia.

Lucia D’Amore - Roberto Pedron

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App