‘NOUVELLE VAGUE’, ADIEU!

Jean Luc Godard, il grande regista e sceneggiatore franco-svizzero, ci lascia ricorrendo al suicidio assistito

1663097801copertina.jpeg

Fra il dolore e il nulla io scelgo il dolore." E tu, cosa sceglieresti? Il dolore è idiota, io scelgo il nulla. Non è meglio, ma il dolore è un compromesso. O tutto o niente...”, è uno stralcio di uno scambio di battute tra Patricia Franchini (Jean Seberg) e Michel Poiccard, alias Lazlo Kovacs (Jean-Paul Belmondo) tratto dal film Fino all’ultimo respiro (1960) di Jean Luc Godard, con la sceneggiatura di Francoise Truffaut. La pellicola, una pietra miliare della Nouvelle Vague e precursore di un nuovo modo di interpretare la cinematografia, seppur raccogliendo molte critiche negative in patria, valse l’Orso d’Argento per la migliore regia al Festival di Berlino. Facendo un parallelo con il personaggio di questo primo lungometraggio, Lazlo Kovacs un criminale che vive una vita “fino all’ultimo respiro” sfidando la morte, anche Godard alla fine ha voluto andare incontro alla morte anziché attenderla. Una fonte vicina al regista, citata da Libération, rivela che è ricorso al suicidio assistito in Svizzera: «non era malato, era soltanto esausto».

cms_27505/foto_1.jpeg

Nato a Parigi nel 1930 da una famiglia di origini svizzere, si avvicina all’arte come critico cinematografico, scrivendo per le riviste Arts e Cahiers du cinéma. Agli inizi degli anni 50’ comincia a mettere in opera le prime esperienze da regista con alcuni cortometraggi come Charlotte et son Jules (1958), in cui doppia la voce di Jean Paul Belmondo e Une histoire d’eau (sempre del 1958) co-diretto con Truffaut. Dopo il primo lungometraggio Fino all’ultimo Respiro, tra il 1960 e il 1967 realizza 22 film, tra cui Il disprezo, con Brigitte Bardot e Michel Piccoli, ’Pierrot le fou’ (Il bandito delle 11), sempre con Jean-Paul Belmondo. Nel 1969 fonda con altri cineasti il Gruppo Dziga Vertov, un collettivo autori francesi con l’intento di perseguire una linea artistica rivoluzionare per i canoni di quegli anni.

cms_27505/foto_2.jpeg

Di questa fase va ricordato Vento dell’est, con l’attore italiano Gian Maria Volontè. L’approdo della tecnologia elettronica nel Cinema, segna una nuova fase artistica per Godard e nuove pellicole: Numéro deux (1975), Passion (1982) e Prenom Carmen del 1983, un’opera in cui prevalgono le sequenze delle immagini sul testo abbinata alla ricorrente musica classica come motivo, che lo porta a vincere il Leone d’Oro a Venezia. La sua lunghissima carriera di regista, si conclude nel 2018 con Le livre d’image con il quale esamina (fonte Wikipedia) la storia del Cinema e la sua incapacità di riconoscere le atrocità del 20° e XXI secolo (in particolare l’Olocausto e il conflitto israelo-palestinese). Nel 2021, per la cronaca, bisogna ricordare il suo appoggio all’appello (pubblicato su Libération) della regista e attrice italiana Valeria Bruni Tedeschi e di altri intellettuali al Presidente Emmanuel Macron in difesa dei terroristi italiani riparati oltralpe. «Nel cinema francese, fu come un’apparizione. Poi, ne divenne un maestro», così in un tweet, Macron, ricorda Jean-Luc Godard, il regista della Nouvelle Vague, scomparso a 91 anni.

Nicòl De Giosa

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram