“Non fu stupro, aveva bevuto ma era lucida”

La ragazza oggetto di violenza sessuale filmata con un cellulare a Ravenna

Non_fu_stupro__aveva_bevuto_ma_era_lucida_approfondimento_A_D_F.jpg

Sono state pubblicate le motivazioni decise dal Tribunale della Libertà di Bologna che, nel mese di novembre, aveva disposto la scarcerazione del senegalese 27enne e del rumeno 26enne, arrestati con l’accusa di violenza sessuale.

Pare che la presunta vittima, seppur in preda ai fumi dell’alcol e in stato confusionale, fosse pienamente in grado di esprimere un valido consenso al rapporto sessuale. Questo il fulcro delle motivazioni che sono state depositate e che hanno consentito al Tribunale della libertà di Bologna la clamorosa scarcerazione del 26enne romeno e del 27enne senegalese, il primo con l’accusa di aver violentato la 18enne di Ravenna completamente ubriaca, l’altro di averli ripresi con il cellulare durante la consumazione dell’atto sessuale. Sembra che, proprio grazie all’attenta analisi di quei tre video, i giudici bolognesi abbiamo tratto elementi importanti, secondo i quali la ragazza sarebbe in realtà consenziente.

cms_7900/2.jpg

Il fatto, avvenuto a Ravenna, risale alla notte tra il 5 e il 6 ottobre, precisamente intorno all’01:30, quando una giovane donna, adescata in un locale del posto, fu portata fuori a spalla e condotta in una casa in centro. Pare che il rapporto sessuale si sia consumato poco prima delle 4:30, un lasso di tempo di circa tre ore in cui, secondo i giudici, dopo due docce gelate e un caffè amaro, la giovane avrebbe compiuto azioni alquanto incompatibili con lo stato di incoscienza totale o coma etilico. Secondo i giudici, infatti, la ragazza avrebbe avuto tutto il tempo di mandare un sms alla madre e di scendere i strada per aiutare i ragazzi a ripulire l’auto dal suo vomito. In base al contenuto della denuncia, presentata il 13 ottobre, i giudici hanno scritto che “non ci sono dubbi in merito al fatto che la 18enne abbia davvero dei ricordi confusi della serata e che probabilmente abbia anche maturato un sentimento di pentimento o addirittura di grande rammarico per il rapporto sessuale consumatosi in quel modo, con degli sconosciuti e in un momento di stato confusionale, dovuto all’eccessivo consumo di alcol e alla presenza di altri amici che hanno filmato l’accaduto, inconsapevole della fine che avrebbero fatto quei filmati”. Nonostante tutto, i suoi gesti appaiono oggettivamente consenzienti.

cms_7900/3.jpgA Ravenna, invece, altri due Gip avevano valutato la questione in modo diametralmente opposto, firmando addirittura, a fine ottobre, le ordinanze di carcerazione - poi annullate dallo stesso tribunale della Libertà - per il romeno e il senegalese, difesi dagli avvocati Carlo Benini e Raffaella Salsano. Nel frattempo le indagini stanno proseguendo: in procura è previsto per metà mese l’interrogatorio dell’amica della 18enne che era presente la notte del presunto stupro, di recente indagata per favoreggiamento. D’altro canto la 18enne, ascoltata alcuni giorni fa nel corso dell’incidente probatorio, ha ribadito, seguendo sbiadite reminiscenze, le sensazioni spiacevoli che hanno favorito l’accusa di stupro.

Anna Di Fonzo

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram