‘PIEDI SPORCHI’: SUI PASSI DI DON TONINO BELLO

Uno spettacolo itinerante nel ricordo del percorso non solo spirituale del vescovo salentino

1630463746PIEDI_SPORCHI__SUI_PASSI_DI_DON_TONINO_BELLO.jpg

Raccontare gesta e opere di persone come Gino Strada, Don Pino Puglisi, Don Andrea Gallo, la cui vita è stata spesa nell’aiutare i più bisognosi e le persone fragili in contesti sociali martoriati da guerre, criminalità e povertà, non è facile. Si finirebbe con lo scadere in una retorica descrizione biografica del loro impegno sociale, non riuscendo a valorizzare le loro immagini agli occhi di quanti non hanno avuto modo di conoscerli da vicino o non ne hanno mai sentito parlare. Alle volte, però, l’arte e lo spettacolo riescono a trovare la maniera per costruire attorno a uno di questi “mitici” personaggi una solida struttura narrativa e/o scenica tale da renderli ancora baluardi promotori del cambiamento di una società piena di iniquità, discriminazione ed egocentrismo.

cms_23015/foto_1.jpg

La lotta a queste caratteristiche sociali negative, sono alla base degli insegnamenti di Don Tonino Bello, vescovo pugliese, morto nel 1993 un anno dopo la famosa Marcia della Pace a Sarajevo, durante la guerra dei Balcani. Il suo impegno, non solo religioso, mosse le coscienze di un’intera generazione con infaticabile fervore. La figura di questo uomo di chiesa, attivo nella diocesi di Molfetta, città in cui venne nominato vescovo nel 1982 da Papa Giovanni Paolo II, continua a vivere anche con una rappresentazione teatrale itinerante.

cms_23015/foto_2.jpg

Nell’ambito di «Culture in Cammino» Corrado la Grasta, fondatore della compagnia Teatro dei Cipis di Molfetta e da anni impegnato su tematiche riguardanti la Costituzione Italiana, il rispetto delle regole e la cittadinanza, presenta «Piedi sporchi», una «pièce in progress» articolata in sei parti che si svilupperà dal 5 al 10 settembre in altrettanti luoghi di Ruvo di Puglia. Lo spettacolo rientra nella più ampia iniziativa «Sui passi di don Tonino» inserita nella sezione «Cammini di Puglia» finanziata dal progetto TheRout_Net - Thematic Routes and Networks nell’ambito del Programma Interreg V/A Grecia-Italia 2014/2020 e viene eseguita dalla società cooperativa FeArt di Molfetta. Si tratta di sei performance, tutte in programma alle ore 20, con le quali Corrado la Grasta rievoca, lungo un ideale percorso spirituale, la forza rappresentata dall’indimenticato sacerdote salentino.

cms_23015/foto_3.jpg

La prima tappa di «Piedi sporchi» è in programma domenica 5 settembre nella frazione di Calendano, davanti al Santuario Madonna delle Grazie. Il racconto proseguirà lunedì 6 settembre nella comunità Casa don Tonino Bello, quindi, il 7 settembre l’iniziativa si sposterà nella piazza donatori di sangue, nei pressi della Scuola dell’Infanzia Andersen per poi approdare l’8 settembre nella Pineta comunale. Ultime due tappe, il 9 settembre sul sagrato della Concattedrale di Santa Maria Assunta e il 10 settembre in piazzetta Le Monache, dov’è previsto nei prossimi mesi sorga un ostello in grado di dare ricovero ai viandanti dei cammini di fede all’interno dei quali il progetto è pensato, il Cammino di Don Tonino e la Via Francigena. nel corso delle sei rappresentazioni gli spettatori verranno direttamente coinvolti attraverso personali testimonianze sulla figura di don Tonino. Oltre allo spettacolo, racconti, aneddoti ed esperienze verranno fissate in un docufilm realizzato dall’etichetta molfettese Digressione Music.

Umberto De Giosa

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos