"NIGHT OF THE WARRIORS”

A Carosino in provincia di Taranto, i Grandi del MUAY THAI

foto_presentazione.jpg

La Muay Thai, ’’suprema arte della difesa personale’’ un’arte che dipana, oggi come ieri, effetti di grande ed entusiastico coinvolgimento, considerata una filosofia di vita, una scienza ed un arte, sostanziandosi, in un validissimo metodo di auto-educazione ed auto-miglioramento. È il risultato di un lunghissimo lavoro compiuto sempre con diligenza, perseveranza e sincerità. I vecchi maestri thailandesi, ammoniscono ancora oggi, i giovani interessati esclusivamente all’aspetto agnostico e spettacolare della Muay Thai con un detto: ’’non limitatevi a guardare la pagliuzza di riso che galleggia sull’acqua, altrimenti non potrete scorgere la perla che giace sul fondo’’. (da Fight accademy Este) Tra gli sport di combattimento, la Muay Thai e’ senza dubbio la piu’ dura ed impegnativa specialita’, una delle più micidiali forme di combattimento mai create al mondo. Le sue origini sono antichissime e si perdono nella leggenda dello stesso popolo Thai. E’ lo sport nazionale Thailandese, praticato, cosi come nelle grandi città, anche nei piccoli villaggi, introdotto con successo in numerosi altri paesi dell’estremo Oriente e negli ultimi anni abbiamo assistito ad una rapida diffusione anche negli Usa ed in Europa. In Inghilterra e’ nota anche come “The science of the eight limbs” perche’ impiega otto punti del corpo per colpire l’avversario.

cms_552/Prima.jpg
I combattimenti sono suddivisi per categorie di peso ed a seconda dell’abilità, gli avversari si affrontano sulla distanza di 3 o 5 riprese da tre minuti. È consentito colpire l’avversario con tecniche di pugno, calcio, gomito, ginocchio e proiezioni di lotta. Un momento carismatico e coinvolgente è rappresentato dal cerimoniale della Muay Thai attraverso il ’’Ram Muay’’ una sorta di danza rituale che i combattenti eseguono prima di ogni combattimento.

cms_552/Seconda.jpg

Essa è accompagnata da una musica caratteristica ed inizia quasi sempre con lo ’’ Wai Kruh’’ : omaggio al maestro nel quale il combattente si inginocchia in direzione della sua scuola e della città natale e compie 3 profondi inchini in segno di rispetto e devozione.

cms_552/Terza.jpg

L’allenamento di thai-boxer e’ uno dei più completi e rigorosi: tutti i muscoli del corpo vengono esercitati in modo incessante per ottenere delle prestazioni sempre migliori, infatti, le caratteristiche di un buon combattente sono: forza, resistenza, agilità , coordinazione, equilibrio, scioltezza articolare e rapidità di riflessi. Attraverso un serio e costante allenamento, vengono perfezionate altre doti ancor più importanti :coraggio, determinazione, sopportazione, forza di volontà, dedizione, umiltà, spirito di sacrificio. La Muay Thay in Italia vede attualmente il coinvolgimento di circa 80.000 atleti che in ogni parte del Paese organizza straordinarie e puntuali manifestazioni. Nei giorni scorsi, nella stupenda cornice del Palasport di Carosino (TA) in Puglia e’ stata sede privilegiata di una importantissima competizione: ” NIGHT OF THE WARRIORS” . Evento organizzato da Stasi Luciano (responsabile eventi Puglia FIMT) con il valido supporto di Cinefra Spettacoli e dei responsabili Puglia “FIMT”, Ottavio Panunzio, Gigi Grimaldi e Claudio Annicchiarico (responsabile tecnico).Di rilievo la presenza del Presidente Nazionale della FIMT (FEDERAZIONE ITALIANA MUAY THAI) e osservatore Carlot Davide con i giudici Franco Loseto e Giuseppe Lavermicocca e nella doppia veste di giudice ed arbitro: Paride Vergine, Biagio Grimaldi e Ottavio Panunzio.

cms_552/Quarta.jpg

Sacrificio, adrenalina e forza sono stati i protagonisti principali di questa domenica, ricca di emozioni, grazie alla presenza di molti team provenienti da gran parte d’Italia. Attori della competizione sono stati gli allievi del team: Michele Valentini, Antonio Albo, Gianluca Buccoliero, Ottavio Panunzio (Kendro Sport), Masi Ivano Cosimo, Desiati Fabio, Giovanni Pisanello, Donato Cotrufo, Piero D’Amico, Michele Maiullari, Berserker Pit Gym, Muay Thai Pisano, Raffaele Vitale, Agostino De Rosa, Life Planet Fit, Domenico De Santis, Team Morgante – Valetudo Manduria, Hanuman-Stasi . Manifestazione in grande stile, con una risposta da parte del pubblico davvero entusiasmante, ricca di intense emozioni, immortalate dal fantastico “occhio creativo” del fotoreporter Roberto Pedron.

cms_552/Quinta.jpg

La straordinaria serata ha visto la competizione in 40 match di professionisti e non, all’insegna di Muay Thai Light, Muay Thai classe c, k1, fight code e professionisti. La categoria Muay Thai Light ha visto come fighters non solo uomini ma anche donne, sempre più presenti in questa disciplina, che oramai da anni vede i propri confini in tutto il mondo.

cms_552/Sesta.jpg

Nella categoria Muay Thai classe C si sono misurati numerosi atleti a livello nazionale a 3 riprese da 2 minuti manifestando particolare tecnicità e tenacia. L’atmosfera diviene esplosiva, quando in campo arrivano i 6 professionisti alcuni dei quali nel loro percorso sportivo, sono stati combattenti a livello mondiale:

cms_552/Settima.jpg

Alessandro Balestra (team D’Elia) ha disputato contro Lello Picchi (team Buccoliero), un match in cui i due fighters hanno dimostrato al grande pubblico la loro preparazione affrontando, un incontro ricco di combinazioni attuate con grande tecnicità. Vincitore Lello Picchi.

cms_552/Ottava.jpg

Urgesi Giuseppe (team D’Elia) ha disputato contro Alessandro Liuzzi ( team Buccoliero) , un combattimento difficile e conflittuale, che ha visto come vincitore l’allievo del team Buccoliero.

cms_552/Nona.jpg

Dario Perrone (team Pisanò) e Donato Contaldo ( team Annicchiarico-San Michele Arcangelo) entrambi combattenti di livello internazionale , hanno disputato un incontro durato quasi 2 riprese a causa del TKO conferito da Contaldo.

cms_552/Decima.jpg

Raffaele Vitale ( team Vitale) rappresentante della Nazionale Italiana e partecipante ai mondiali in Russia ha disputato contro Eros Serio (team Berserker) professionista di grande livello, un incontro vinto per TKO a metà della prima ripresa dal combattente Vitale.

cms_552/Undicesima.jpg

Donato Cotrufo ( team Cotrufo) pluricampione europeo di Full Contact e Vincenzo Merico ( team Hanuman- Stasi) al suo secondo esordio da professionista, hanno disputato un incontro di K1 quasi in exequatur ed ha visto come vincitore il neo professionista Vincenzo Merico.

cms_552/Docicesima.jpg

Stasi Luciano ( team Hanuman-Stasi) pluricampione italiano, partecipante agli europei svoltesi in Germania, Portogallo ed in altre competizioni a carattere mondiale, ha disputato un particolare match contro Siviero Ivano (team De Santis) anche lui con precedenti competizioni in Thailandia. Un incontro elevato dal punto di vista tecnico e non solo, che ha determinato una straordinaria esplosione partecipativa da parte del pubblico. Vince la competizione il maestro Luciano Stasi.

cms_552/Tredicesima.jpg

Non e’ mancata l’attiva partecipazione di Vincenzo Massaro, maestro di Luciano Stasi, nonché uno tra i più anziani praticanti di Muay Thai in Italia. La sua provata esperienza nella disciplina è stata perfezionata durante i soggiorni in Thailandia, nei quali, egli ha potuto confrontarsi con la vera arte della Muay Thai permettendogli di esportare le conoscenze acquisite in Italia, alla sua figura sono attribuibili moltissimi successi tra i quali la vittoria ai campionati europei.Quella del 16 marzo 2014 non è stata solo una serata che ha offerto al pubblico grandi emozioni, ma è stata sfoggio di uno dei più grandi valori della vita: la solidarietà.

cms_552/foto_n_14.jpgDurante l’evento sono stati raccolti fondi destinati all’acquisto di materiale sportivo donati ad un giovane meno abbiente. Si tratta di Mansour Seck, un ragazzo di 18 anni nato in Senegal trasferitosi a Carosino (TA) Puglia da circa un anno, al quale e’ stato, altresì consentito di frequentare gratuitamente un mese di corso della disciplina presso la palestra “Elios” di Carosino. Nell’occasione, Luciano Stasi organizzatore dell’evento, intervistato da Chiara Antonucci alla domanda: quale importanza riveste questo sport nel contesto sociale, risponde: La Muay Thay e’ uno sport che poggia la sua essenza in una filosofia di vita, e’ educazione ai valori ed al comportamento sociale, rende i giovani piu’ forti dentro e fuori, potenziando la fiducia in se stessi . Come Maestro assumo l’impegno di far comprendere loro che chi vive approssimativamente i propri valori all’esterno della palestra, non potra’ mai portare quei valori dentro. L’impatto, quindi, nel contesto sociale e’ evidentemente di grande rilievo.

(Il servizio fotografico è di Roberto Pedron, è vietata la riproduzione parziale e totale delle immagini)

Chiara Antonucci

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App