3 DICEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE DEI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA’

Non restare chiuso qui, pensiero

16384963683-dicembre-giornata-internazionale-diritti-persone-disabilita.jpg

Istituita nel 1981 dall’ONU la Giornata Internazionale delle persone con disabilità viene celebrata ogni anno il 3 dicembre allo scopo di promuoverne i diritti e il benessere. Diritti che sono prioritari obiettivi anche delle politiche dell’Ue contenuti Agenda Europea sui Diritti delle Persone con Disabilità 2020-2030.

Penso che le parole migliori per riflettere su questa Giornata possa esprimerle chi della sua grave disabilità ha fatto motivo di impegno per abbattere le barriere culturali oltre che architettoniche. Abbiamo più volte pubblicato i suoi articoli. Claudio Imprudente, gravemente neuroleso dalla nascita, giornalista con laurea all’Alma Mater di Bologna, presidente del Centro Documentazione Handicap di Bologna e cofondatore di Maranà-tha, una comunità di famiglie per l’accoglienza, da anni, insieme alla sua équipe di lavoro, propone percorsi formativi sulla diversità e su una nuova cultura dell’handicap nel mondo della scuola e del lavoro.Scrittore e direttore della testata «HP-Accaparlante» è una persona straordinaria: le sue capacità di uso dell’ironia e dell’autocritica per combattere contro stereotipi e pregiudizi sono una dote “umana” ma che non tutti gli umani possiedono. (Antonella Giordano)

“Non restare chiuso qui, pensiero/Riempiti di sole e vai, nel cielo […] Sono un uomo strano ma sincero/ Cerca di spiegarlo a lei, pensiero “...così cantavano e continuano a farlo i Pooh.

cms_24015/Tonino_Urgesi.jpgUn incipit a cui ho pensato subito non appena, qualche tempo fa, sono inciampato nelle parole del collega Tonino Urgesi, classe 1963, esperto e formatore sui temi della diversità e della disabilità, a sua volta con tetraparesi spastica dalla nascita.

Tonino, riprendendo le suggestioni offertegli dai dipinti della pittrice messicana Fabiola Quezada, riflette oggi molto profondamente sul concetto di corpo e soprattutto di organismo, legandolo alla vita della persona con disabilità, in tutti in suoi aspetti, dalla gestione del quotidiano alla sessualità.

Una riflessione complessa, la sua, in cui a colpirmi è stata soprattutto una definizione, quella cioè di “corpo-pensiero”, o meglio, di “un corpo che si rende pensiero”.

Che cosa vuol dire? Non serve in realtà essere filosofi per comprendere appieno questo concetto e persino la canzone dei Pooh, se la leggiamo con attenzione, potrebbe venirci in aiuto. Ci parla infatti di un’apertura, di una strada possibile e non è un caso.

cms_24015/2_1638495741.jpg

Il corpo tanto per cominciare è un organismo fatto di carne e bisogni che sono legati al desiderio, un desiderio proprio di necessità fisiologiche e un desiderio che vive e si esplicita nella relazione tra sé e il mondo.

In entrambe queste zone fa capolino il nostro pensiero, ciò che pensiamo e che ci serve per mettere in atto delle azioni al cui centro c’è sempre il corpo. Quando mettiamo in atto un’azione infatti, anche la più semplice, come bere un bicchiere d’acqua, scegliamo o non scegliamo di far fare al nostro corpo qualcosa, di metterlo “nella condizione di”.

Lo facciamo tutti, spesso senza accorgercene, ma quando il corpo che sceglie è un corpo disabile tutto si complica, serve qualcuno che possa creare quella condizione e ogni passaggio diventa importante.

Coltivare la propria capacità di scelta non è certo un fatto immediato, è qualcosa che si conquista e che richiede una buona dose di allenamento

Fare in modo che il corpo agisca seguendo il pensiero è infatti difficilissimo per chiunque perché condizionati da numerosi fattori, di contesto e relazionali. Nel caso della disabilità, come nota Tonino, è proprio il contesto in cui ci si muove che non deve diventare “disabilizzante”, cioè non rendere capace la persona di esplicitare ed essere il suo pensiero perché ritenuta incapace o perché dipendente dalle azioni di chi ci aiuta ma la pensa diversamente.

Una bella contraddizione di termini, non sempre facile da digerire da entrambe le parti. Quando il deficit è prettamente motorio piano piano ci si fa la scorza e si impara, come mi piace dire, a “diventare padroni della situazione”. Quando il deficit è cognitivo è chiaro invece che le difficoltà crescono ma alcune autonomie, anche le più piccole, possono essere con il tempo conquistate.
Uscire la sera, decidere dove andare in vacanza e con chi, fare sport e via dicendo sono scelte che si fanno solo se vissute all’interno della relazione con l’altro.

cms_24015/3.jpg

“ Il corpo che vive in un contesto disabile può vivere la propria scelta? - si chiede allora Urgesi -. La può vivere solo a una condizione: se viene vissuto interamente fuori da quel contesto organico e se ogni scelta che il corpo vuole esaudire può essere realizzata estrapolandolo da quel suo contesto sociale disabilizzante”.
E poi ci sono le emozioni, l’amore e la sessualità e quello al di là del sesso, in cui “la sessualità è tutto il concetto di trovarsi nell’altro”…

E su questa splendida frase mi fermo, perché merita davvero una riflessione a parte.
Non mi resta che ringraziare il mio collega per gli spunti che ha scelto di condividere e i Pooh per farmi sempre canticchiare …

E voi, siete in grado di agire i vostri pensieri?

Claudio Imprudente

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos