46th Festival della Valle d’Itria edition in Puglia

The myth of Ariadne celebrated within the walls of the Doge’s Palace (traduzione in lingua Italiana)

1595726592Festival_della_Valle_d’Itria,_al_via_la_46°_edizione_in_Puglia.jpg

Totally re-designed the calendar for the 46th Festival della Valle d’Itria in record time: in the space of only a few weeks, artistic director Alberto Triola and music director Fabio Luisi set up a brand new programme, focused on the myth of Ariadne. This will be the theme for our 46th edition, titled “Finding the thread”, which will open its doors on the 14th July and end on the 2nd August.

cms_18419/0.jpg

«Even in the toughest moments – says Franco Punzi, President of the Fondazione Paolo Grassi – we always believed that the lights of the Palazzo Ducale would shine on the 46th edition of the Festival: we have an obligation towards our territory, towards our artists, and especially towards our audience. It is in the gravest times that theatre, as Paolo Grassi taught us, must state its role, find a new lease of life and give it back to the community of which it is part. My warmest thanks goes therefore to the whole Festival staff, whose tireless work will give new oxygen to Martina Franca and the whole Valle d’Itria».

cms_18419/6.jpg

There are nineteen shows, between operas in concert performance, concerts, and special projects. For every performance we have taken extra care to conform to the health and safety measures required to fight the covid19 emergency, as we tour around some of Martina Franca’s most enchanting venues (from our beloved Palazzo Ducale, to the cloisters and churches scattered around the old town), the stately country houses in the surrounding area, and other spaces in Taranto and Polignano a Mare.

«Nobody knows for sure when – and if – we will be able to return to our customary way of working in the field of theatre and music – states Alberto Triola–like we did before the pandemic shook the whole world, shattering set schemes and habits. Just like in every life-changing crisis, those who emerge will be the ones who identified and managed innovative solutions, thus occupying new spaces of creativity, making the most of hitherto unimaginable resources, impulses, and strengths. There are many reasons to be pessimistic, but the energy which the Festival della Valle d’Itriahas put into play in almost half a century of history is able to react to resignation, and activate the necessary cultural and creative ‘antibodies’.

cms_18419/5.jpg

Our new project is an extraordinary festival for an extra-ordinary year: for our audience, who more than ever needs culture to revitalise the spirit and rediscover a community spirit; for our workers in the art field, those who have turned art into their daily bread: our artists, theatre workers, business partners. This festival unites the best of Italian excellence in a dramatic, troublesome year for our country. Now more than ever we feel the role of our festival as a cultural beacon for Southern Italy, and for our nation as a whole».

cms_18419/4.jpg

The seating of the Palazzo Ducale will be reorganised to accommodate the new health and safety measures. In this location we present two titles by Richard Strauss, performed in rare versions. Both works were conceived by the Bavarian composer for a 37-piece orchestra, which in Martina Franca will be made up of maestros of the Orchestra della Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari.

cms_18419/3.jpg

The Festival opens on the 14thJuly (with repeats on the 22nd, 25thJuly, and 1st August) with Molière’s Le Bourgeois Gentilhomme, re-written as a monologue by Stefano Massini; mise en espace by Davide Gasparro, and Strauss’ music conducted by Michele Spotti. The music written to accompany the commedia will follow the 1917 score, with a performing actor and dance, in the true spirit of Lully/Molière’s comédie ballet and recreating Strauss/Hofmannsthal’s idea. Massini, one of Italy’s top theatre playwrights and artistic advisor of Milan’s Piccolo Teatro, is behind the original dramaturgy, inspired by Molière to talk about issues of our time. The protagonist of the comedy, Monsieur Jourdain, aspires to become a nobleman (Gentilhomme) and be admitted into the court of the Sun King. This character is revisited in the role of today’s artist: a man of the stage who, on the eve of the third decade of the 21stcentury, needs to claim his status in contemporary Italian society. The charismatic and popular author will be a special guest on the stage of the opening evening, while director and actor Davide Gasparro will take his place in the repeats. Vittorio Prato is Monsieur Jourdain, while the Shepherd is Ana Victoria Pitts and the Shepherdess Barbara Massaro. Stage movements and action are by Fabrizio Di Franco, in collaboration with the Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto.

cms_18419/2.jpg

Ariadne auf Naxos (21st, 24th, 26thJuly, 2ndAugust) will be conducted by Fabio Luisi. Our staging is the 1912 edition, in a new version in Italian of Hugo von Hofmannsthal’s libretto by Quirino Principe and directed by Walter Pagliaro, with stage elements by Gianni Carluccio and costumes by Giuseppe Palella (who in the past received the Abbiati Prize for his work for our Festival).Carmela Remigio plays the lead role; this is her third consecutive year starring in our Festival, after her success in Rinaldo and Ecuba. Tenor Piero Pretti is Bacchus, soprano Jessica Pratt is Zerbinetta; Vittorio Prato is Harlequin.

cms_18419/7.jpg

The theme of the Festival moves from the highest poetical elaborations of the myth of Ariadne from the classical sources of Catullus’ LXIV century Carme, and Ovid’s Tenth Epistle from his Heroides. Their verses shed light on the shapes and places of many scenes and arias across the centuries, thus providing western culture with an inexhaustible source of material. They will provide inspiration for female characters such as Medea and Dido, and also Norma, Armida, Boleyn, and Donna Elvira. The theme of Ariadne, set between the Baroque world and a recuperation of classical culture, is not confined to the stage of the Palazzo Ducale: it fuels the whole programme. On the 27th July especially we have an original initiative moving across the monuments of old town Martina Franca, and across centuries of music. Its title is Omaggio a Martina FrancaLike Theseus: through the white maze, with Ariadne’s thread, it involves dozens of artists, and will be streamed for our audience all across the globe.

cms_18419/8.jpg

The icon of Ariadne in music naturally feeds the calendar withseveral concerts in the Palazzo Ducale, with top soloists: on the 29th July, contralto Sara Mingardo will be the protagonist if the “Concerto barocco”, during which she will also receive the Prize “Rodolfo Celletti” 2020. On the 30th July we have the “Recital di Belcanto” with soprano Jessica Pratt and tenor XabierAnduaga; on the 31stJuly Anna Caterina Antonacci and pianist Francesco Libetta will explore a repertoire spanning from Claudio Monteverdi to Francis Poulenc.

cms_18419/9.jpg

As per tradition, this year a number of our performances will be held in some of the most beautiful stately country houses of the area, for the series “Il canto degli ulivi”: first appointment is on the 16th July in Crispiano, with a recital by bassAlex Espositoand a programme featuring the most celebrated arias of his repertoire; on the 20th July in Cisternino we have another concert dedicated to the heroines of opera, the Ariadnes of our time, with Lidia Fridman and Leonora Bonilla; mezzo-soprano Veronica Simeoniwill be the protagonist on the 23th July at the Masseria Palesi in Martina Franca, with pages from the Baroque repertoire and all the way to Strauss.

We have also planned two dates by the sea: on the 15th July the Festival will beat the Museum of the Fondazione Pino Pascali in Polignano, for a concert with soprano Lidia Fridman (celebrated last year for her performance as Hecuba), the Trio Gioconda De Vito, and the Duo Gromoglasova with works which speak about the sea world. On the 28th July we will be in Taranto for a recital with tenor Francesco Meli and baritone Luca Salsi, with well-known pieces by Giuseppe Verdi.

cms_18419/10.jpg

Our two concert appointments at the Chiostro di San Domenico celebrate the genius of Ludwig van Beethoven on the occasion of the 250th anniversary of his birth: on the 17thJuly we have pianist Federico Colli – first prize in 2011 at Salzburg’s Mozart contest, and in 2012 at the Leeds International Piano Competition – and on the 18thJuly the duo with violinist Francesca Dego and conductor Daniele Rustioni wearing the pianist’s hat for Martina Fra

cms_18419/italfahne.jpgFestival della Valle d’Itria, al via la 46° edizione in Puglia

Celebrato tra le mura del Palazzo Ducale il mito di Ariadne

È stato ridisegnato in tempi record il calendario della 46a edizione del Festival della Valle d’Itria: il direttore artistico Alberto Triola e il direttore musicale Fabio Luisi hanno predisposto in poche settimane un nuovo cartellone costruito intorno al mito di Arianna, tema centrale per questa edizione intitolata “Per ritrovare il filo”, che si inaugurerà il 14 luglio per concludersi il 2 agosto.

«Abbiamo creduto – afferma Franco Punzi, presidente della Fondazione Paolo Grassi – anche nei momenti più difficili, che le luci di Palazzo Ducale dovessero accendersi sulla 46a edizione del Festival: il nostro è un impegno nei confronti del territorio, degli artisti ma soprattutto del nostro pubblico. È nel momento più grave che il teatro, così come ci insegna Paolo Grassi, deve essere in grado di affermare il proprio ruolo, di trovare nuova vitalità per restituirla alla comunità di cui fa parte. Il mio più sentito ringraziamento va quindi a tutto lo staff del Festival, il cui lavoro instancabile potrà ridare ossigeno a Martina Franca e a tutta la Valle d’Itria».

In totale saranno proposte diciannove serate fra opere in forma scenica, concerti vocali e progetti speciali che si svolgeranno, secondo le misure di sicurezza richieste dall’emergenza Covid-19, nei luoghi più suggestivi di Martina Franca (dall’imprescindibile Atrio di Palazzo Ducale, ai chiostri e alle chiese del centro storico), nelle masserie della zona e anche in altri spazi di Taranto e Polignano a Mare.

«Nessuno sa con certezza quando – e se – si potrà tornare a fare teatro e musica – dichiara Alberto Triola – come eravamo abituati prima che la pandemia sconvolgesse il mondo intero spazzando via schemi e consuetudini. Come in tutte le crisi epocali, anche in questa situazione emergeranno quanti sapranno individuare e gestire soluzioni innovative, per andare a occupare spazi inediti della creatività, mettendo in gioco forze, impulsi e risorse fino a qualche tempo fa nemmeno immaginabili.

Ci sono tante buone ragioni per far prevalere il pessimismo, ma le energie che il Festival della Valle d’Itria ha saputo mettere in gioco in quasi mezzo secolo di storia sono in grado di reagire alla rassegnazione e di azionare i necessari anticorpi culturali e creativi. Abbiamo pensato a un festival straordinario in un anno straordinario: per il pubblico, che oggi ha bisogno più che mai di occasioni culturali per rivitalizzare lo spirito e scoprirsi comunità; per aiutare concretamente chi dell’arte e con l’arte vive, gli artisti, i lavoratori dello spettacolo, le imprese dell’indotto. Un festival che mette insieme il meglio dell’eccellenza italiana in un anno drammatico e sconvolgente, soprattutto per il nostro Paese. Un festival che sempre di più gioca il suo ruolo di faro per il Mezzogiorno e per l’Italia dello spettacolo dal vivo».

Come già annunciato, nell’Atrio del Palazzo Ducale – la cui platea sarà rimodulata per ospitare il pubblico in sicurezza – saranno presentati due titoli di Richard Strauss, in versioni di rara esecuzione, entrambi concepiti dal compositore bavarese per un organico formato da una trentina di esecutori che, a Martina Franca, sarà composto dai professori dell’Orchestra della Fondazione Teatro Petruzzelli di Bari.

Il borghese gentiluomo

Ad inaugurare il Festival la sera del 14 luglio (repliche il 22, 25 luglio e l’1 agosto) sarà la commedia di Molière Il borghese gentiluomo ripensata come monologo da Stefano Massini, con la mise en espace curata da Davide Gasparro e le musiche di scena del compositore di Monaco di Baviera dirette da Michele Spotti.

La musica scritta per accompagnare la commedia sarà eseguita, secondo la partitura del 1917, con performance d’attore e di danza, nello spirito originale della comédie ballet di Lully/Molière e della ricreazione di Strauss/Hofmannsthal: a Massini, tra i massimi drammaturghi del teatro contemporaneo, nonché consulente artistico del Piccolo Teatro di Milano, il Festival ha commissionato una drammaturgia originale che prende le mosse da Molière per parlare del nostro tempo; il protagonista della commedia, Monsieur Jourdain, ambisce allo status di nobile (gentilhomme, appunto) e ad essere ammesso alla vita della corte di Re Sole, ripresentandosi nelle vesti dell’artista di oggi; dell’uomo di teatro che, alle soglie del terzo decennio del XXI secolo, è costretto a rivendicare il proprio ruolo nella società italiana contemporanea.

Il carismatico e popolare scrittore sarà ospite d’eccezione sul palco della serata inaugurale, mentre per tutte le repliche passerà il testimone al regista e attore Davide Gasparro. Nel cast le parti musicate di Monsieur Jourdain saranno affidate a Vittorio Prato, mentre il Pastore sarà Ana Victoria Pitts e la Pastorella Barbara Massaro. I movimenti scenici saranno ideati da Fabrizio Di Franco, in collaborazione con Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto.

Arianna a Nasso

Arianna a Nasso (21, 24, 26 luglio e 2 agosto), affidata alla bacchetta di Fabio Luisi, sarà proposta nella prima edizione del 1912, con una nuova versione in italiano del libretto di Hugo von Hofmannsthal a cura di Quirino Principe e la regia di Walter Pagliaro,gli elementi scenici di Gianni Carluccio e i costumi di Giuseppe Palella (già Premio Abbiati per suoi precedenti lavori al Festival). Nel ruolo della protagonista Carmela Remigio, al suo terzo titolo consecutivo al Festival dopo i successi in Rinaldo ed Ecuba; nei panni di Bacco ci sarà il tenore Piero Pretti, in quelli di Zerbinetta il soprano Jessica Pratt; Arlecchino sarà Vittorio Prato.

Il tema del Festival prende le mosse dalle somme elaborazioni poetiche del mito di Arianna delle fonti classiche del LXIV Carme di Catullo e della Decima Epistola delle Eroidi di Ovidio. I versi di entrambi i componimenti portano in nuce le forme e i luoghi topici di tante scene e arie d’opera dei secoli a seguire, consegnando alla cultura occidentale un’inesauribile fonte di materiale che sarà rielaborato in infiniti modi e dal quale saranno create le vicende di donne come Medea e Didone, ma anche Norma, Armida, Bolena e Donna Elvira. Così, mondo barocco e recupero della cultura classica, non si fermeranno al palcoscenico operistico di Palazzo Ducale ma animeranno l’intero programma musicale. In particolare il 27 luglio ci sarà un’originale iniziativa musicale in più tappe fra i monumenti del centro storico e attraverso i secoli della musica, intitolata Omaggio a Martina Franca “Come Teseo: nel labirinto bianco con il filo d’Arianna”, che coinvolgerà decine di artisti – fra i quali specialisti del repertorio barocco come il direttore Federico Maria Sardelli e il soprano Giulia Semenzato – e che potrà essere seguita in streaming dal pubblico di tutto il mondo.

Concerti

La figura di Arianna in musica nutre naturalmente i programmi di alcuni concerti nell’Atrio di Palazzo Ducale con solisti di assoluto rilievo: il 29 luglio il contralto Sara Mingardo sarà la protagonista del “Concerto barocco” durante il quale le sarà assegnato il Premio “Rodolfo Celletti” 2020. Il 30 luglio tornerà il “Recital di Belcanto” con il soprano Jessica Pratt con il tenore Xabier Anduaga; quindi il 31 luglio Anna Caterina Antonacci e il pianista Francesco Libetta saranno impegnati in brani che esplorano il repertorio da Claudio Monteverdi a Francis Poulenc.

Anche quest’anno, alcune serate del festival si svolgeranno nelle più belle masserie della zona, che ospiteranno il ciclo “Il canto degli ulivi”: primo appuntamento il 16 luglio a Crispiano con il recital del basso Alex Esposito che proporrà un programma con le arie più celebri del suo repertorio; il 20 luglio a Cisternino ancora un concerto dedicato alle eroine dell’opera, novelle Arianna, con Lidia Fridman e Leonora Bonilla; il mezzosoprano Veronica Simeoni sarà la protagonista dell’appuntamento del 23 luglio alla Masseria Palesi di Martina Franca con pagine dal repertorio barocco a Strauss.

Ci saranno quindi anche due appuntamenti in riva al mare: il 15 luglio il Festival sarà al Museo della Fondazione Pino Pascali di Polignano per un concerto con il soprano Lidia Fridman (acclamata Ecuba lo scorso anno), il Trio Gioconda De Vito e il Duo Gromoglasova e pagine musicali legate proprio al mondo marino; il 28 luglio invece tappa a Taranto per il recital del tenore Francesco Meli e del baritono Luca Salsi che proporranno l’ascolto di celebri pagine verdiane.

Due le date concertistiche al Chiostro di San Domenico per omaggiare il genio di Ludwig van Beethoven nel 250° anniversario della nascita: il 17 luglio con il pianista Federico Colli – vincitore del primo premio nel 2011 al concorso Mozart di Salisburgo e nel 2012 al Leeds International Piano Competition – e il 18 luglio con il duo formato dalla violinista Francesca Dego e dal direttore d’orchestra Daniele Rustioni, che a Martina Franca sarà nelle vesti di pianista.

Domenico Moramarco

Tags: Festival Itria Martina Franca Puglia

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App