AIRBUS A320 CON 150 PASSEGGERI SI SCHIANTA NEL SUD DELLA FRANCIA

I disastri aerei degli ultimi anni. Anche se l’aereo rimane il mezzo più sicuro per viaggiare

I_disastri_aerei_.jpg

Barcelonette, Francia. Un Airbus A320 della compagnia tedesca Germanwings, partito da Barcellona e diretto a Dusseldorf, è precipitato nel Sud della Francia vicino a Digne-les-Bains per cause ancora sconosciute. A bordo c’erano 144 passeggeri e 6 membri dell’equipaggio. Secondo la stampa spagnola online, che cita la Moncloa, l’ufficio del premier Mariano Rajoy, 45 delle vittime dell’incidente sarebbero spagnole.

cms_1995/gcyka_aereo.jpg

Non sarebbero state le condizioni del tempo ad aver provocato la caduta dell’aereo. Questo almeno è quello che sostengono gli esperti, rilevando che al momento del volo non ci fosse un problema rilevante nelle condizioni meteo e che non ci fosse nebbia. "È una tragedia, le condizioni dell’incidente lasciano pensare che non ci sia alcun superstite”, ha detto il presidente francese Francoise Hollande, riferendo di essere in contatto con la cancelliera tedesca Angela Merkel e i reali di Spagna, che oggi, per una coincidenza di calendario, sono in visita a Parigi. “Faremo tutto il possibile per chiarire l’accaduto”, fa sapere la Germanwings in uno statement sull’aereo caduto, prima della conferenza stampa confermando l’incidente. E aggiunge “Ci dispiace infinitamente per quello che è successo”.

cms_1995/malaysia-700x352.jpg

Nonostante l’aereo resti il mezzo più sicuro per viaggiare, l’anno appena concluso, il 2014, si può annoverare come un annus horribilis per gli incidenti aerei. Esattamente un anno fa, nelle acque dell’Oceano indiano il volo Malaysia Airlines 370 faceva perdere le sue tracce radar, inabissandosi nelle acque dell’Oceano indiano. Morirono tutti i 239 passeggeri a bordo del Boeing 777 in viaggio tra Kuala Lumpur e Pechino. Apparteneva alla stessa compagnia un altro Boeing 777, precipitato il 17 luglio del 2014 in Ucraina, mentre viaggiava da Amsterdam, in Olanda, a Kuala Lumpur. Morirono tutti i 283 passeggeri e i 15 membri dell’equipaggio a bordo. In quel caso, si trattò di un abbattimento deliberato, di un episodio della guerra civile ucraina.

cms_1995/Air-Asia.jpg

Il volo Indonesia AirAsia 8501 del 28 dicembre 2014 era in volo tra l’Aeroporto Internazionale Juanda di Surabaya, in Indonesia, e l’Aeroporto di Singapore-Changi, quando precipitò causando la morte di 155 passeggeri e 7 membri dell’equipaggio. Eppure, nonostante i numeri, la sicurezza aerea ha fatto passi da gigante. Certo, ci sono aerei e aerei, compagnie e compagnie. Basti dare un’occhiata alle statistiche per accorgersi che volare in Europa, ad esempio, è più sicuro che farlo in certe zone dell’Asia o del Sud America.

cms_1995/IATA_LOGO.jpg

Secondo l’Associazione Internazionale di Trasporto Aereo (IATA), un passeggero dovrebbe effettuare una media di circa 5,3 milioni di voli commerciali prima di imbattersi in un incidente. Secondo l’IATA, la percentuale di incidenti è talmente bassa che, nel complesso, servirebbero circa 14 mila anni ad un individuo prima di trovarsi nel mezzo di una situazione spiacevole tra le nuvole. C’è da dire che anche se le statistiche dicono che viaggiare in aereo è circa 12 volte più sicuro che andare in treno e 60 volte più dell’automobile, si tratta comunque di cifre calcolate in base ai chilometri percorsi. Di fatto, oggi, nonostante l’aereo rimanga uno tra i mezzi più sicuri per viaggiare, siamo alle prese con un disastro che conta 150 vittime e (forse) nessun superstite.

Mary Divella

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram