ALLA KERMESSE DI IVREA IL M5S HA PARLATO DI FUTURO

Davide Casaleggio ha organizzato un convegno nell’auditorium delle Officine Olivetti con esperti e giornalisti. I temi discussi: futuro, informazione, lavoro, ambiente, imprese e scienza

ALLA_KERMESSE_DI_IVREA_IL_M5S_HA_PARLATO_DI_FUTURO.jpg

Ieri, sabato 8 aprile, si è tenuto ad Ivrea un convegno, organizzato da Davide Casaleggio, per ricordare, ad un anno dalla scomparsa, suo padre, Gianroberto Casaleggio. L’ambiente è stato quello dell’Olivetti: Officina H. Il luogo in cui lo stesso Gianroberto aveva lavorato, quando quell’azienda rappresentava un punto di riferimento per tutti i progressisti italiani, vogliosi di scrutare i possibili orizzonti. Presenti Grillo e tutti i big, da Luigi Di Maio a Roberto Fico, da Chiara Appendino a Virginia Raggi.

cms_5981/2.jpeg

Davide Casaleggio,venerdì scorso, a Ottoemezzo, la trasmissione condotta da Lilli Gruber, aveva riassunto propositi e contenuti della kermesse. Il convegno dal titolo Sum #01 “Capire il Futuro” è dedicato al tema che, dicono, più stava a cuore a Casaleggio, il futuro. Sono dieci ore di interventi, con moderatori e presenze esterne e soprattutto non per forza affini al Movimento 5 stelle. Con un solo obiettivo: dare un segnale di apertura, farsi vedere credibili e adulti e soprattutto pronti a lavorare sulle idee.

cms_5981/3.jpg

Tutti hanno ribadito che non è un appuntamento per lanciare il M5S di governo ma è inevitabile che chi vuole contare nei prossimi mesi nel M5S, ieri era a Ivrea. Occhi puntati su Beppe Grillo, che, arrivato anche lui a Ivrea, ha detto scherzando: “Voglio Star Trek”. Battuta che fa chiaro riferimento all’atmosfera un po’ da Matrix e al tema principe del convegno: il futuro. Già il futuro. Perché al centro della riflessione è il futuro in rapporto a tecnologia, ricerca e medicina, informazione, potere, scienza, lavoro e ambiente. La formula è quella di far parlare più persone e in un periodo di tempo che non sia troppo lungo per favorire scambi e confronti.

cms_5981/4.jpg

Il primo ospite, e anche tra i più attesi, è stato Fabio Vaccarono, ceo di GoogleItalia.Uno spazio importante è stato dedicato al tema dell’informazione. La libertà dei media è da sempre una delle battaglie dei grillini, che però hanno avuto non pochi problemi di rapporto con i giornalisti dagli anni dell’arrivo in Parlamento in poi. Tra gli ospiti – tanti- Enrico Mentana, direttore del Tg La7, intervistato dal collega Gianluigi Nuzzi, e ancora, Carlo Freccero, il magistrato Sebastiano Ardita, la psicologa Maria Rita Parsi (unica donna) e Paolo Magri, direttore Ispi e segretario del gruppo italiano della Trilateral Commission – quella che il Movimento qualche anno fa definiva “sodalizio paramassonico” e che è già stata sdoganata da Luigi Di Maio.

cms_5981/5.jpg

Risulta davvero difficile non inquadrare l’appuntamento di ieri come il tentativo di archiviare definitivamente l’era dei Vaffa day per inaugurare una nuova era pentastellata, un’era che punta alla riflessione e che vede il movimento, in questo momento, prima forza politica in Italia e, quindi, pronto a governare. “Il M5S è pronto a governare il Paese”, ha detto Casaleggio intervistato da ‘Il Fatto Quotidiano’, “Se gli italiani ci affideranno questo compito, vuol dire che lo siamo. Il Movimento 5 Stelle presenterà la squadra di governo prima delle elezioni. I cittadini potranno scegliere se sostenere il nostro progetto o affidarsi di nuovo a chi ha trascinato l’Italia nella situazione in cui si trova oggi”. E ancora: “L’alleato del Movimento 5 Stelle – spiega – sono i cittadini. L’obiettivo è raggiungere il 40 per cento“.

cms_5981/6.jpg

E, allora, questo primo appuntamento serve al movimento, visti i tanti nomi e le tante presenze, proprio a tessere quei rapporti con il tanto - finora - vituperato establishment, ora però, in un’ottica di futuro governo, non più tanto vituperato, né tantomeno distante e nemico. Solo un appunto: chi anticipa troppo il futuro – come nella kermesse di ieri si è fatto - si comporta come uno strabico che crede di vedere lontano, ma rischia, ogni giorno, di cadere nel fosso che ha sotto i piedi.

Mary Divella

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram