AMIANTO:"CONDANNA ALTI UFFICIALI MARINA MILITARE"

Depositate le motivazioni della sentenza della Corte di Appello di Venezia

Condanna_degli_alti_ufficiali_della_Marina_Militare_Amianto_killer_nella_Marina_Militare_ITALIA_Bandiera.jpg

cms_28910/0.jpgLa III sezione penale della Corte di Appello di Venezia ha depositato le motivazioni della sentenza n. 2512/2022 sulla condanna degli alti ufficiali della Marina Militare che hanno provocato la morte di decine e decine di militari, personale civile, e di impiegati nelle unità navali e a terra.

In primo grado, il Tribunale di Padova aveva assolto tutti gli imputati, assumendo l’incertezza della diagnosi e del nesso causale, e ancora scusando il comportamento degli ufficiali e responsabili per presunta carenza dei fondi per la bonifica, un vero e proprio colpo di spugna non condiviso sia dall’Avv. Ezio Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che dallo stesso Procuratore Generale di Venezia, Federico Prato, che hanno impugnato l’assoluzione.

Il giudizio si è celebrato presso la Corte di Appello di Venezia con il rinnovo dell’istruttoria dibattimentale, con una c.d. Super Perizia che ha smascherato la Marina Militare rispetto alle precise responsabilità legate alla vera e propria epidemia di malattie asbesto correlate. Nel giugno 2022 viene quindi disposta la condanna gli ex ammiragli della Marina Militare per la presenza di amianto sulle navi. Fondamentale è risultata poi la perizia che il giudice di primo grado ha negato. Il collegio per questo ha nominato Dario Consonni e Bruno Murer, massimi esperti della materia che, nella loro relazione, hanno evidenziato le errate conclusioni cui era pervenuto il primo giudice ritenendo che soltanto tre parti lese fossero decedute a causa di mesotelioma.

cms_28910/EZIO_BONANNI_1.jpgIl Presidente ONA, legale dei familiari del maresciallo Tommaso Caserta che, in Marina Militare era stato infermiere, successivamente anche insignito della Croce d’Argento, del motorista navale e ufficiale di sala macchine, Francesco Paolo Sorgente, e dell’elettricista Giovanni Gallo, è riuscito, insieme agli altri legali di parte civile, a scardinare il primo giudizio, in primo luogo perché basato su un dubbio relativo al nesso causale tra amianto e malattia, insinuato dalla teoria del Prof. Pira, che non ha alcuna specializzazione in anatomopatologia, utilizzata “per pervenire alla pronuncia assolutoria, senza verificare che le sue tesi fossero condivise dalla comunità scientifica e senza accertare il grado di indipendenza dell’esperto”. Nelle motivazioni della sentenza del Tribunale di Appello si legge che: “il campione indicato è francamente esiguo, l’analisi non ha alle spalle uno studio più analitico, né un caso controllo, né una coorte. Prova solo che non vi è una dose soglia in grado di assicurare l’assoluta certezza del rischio, ma questo è un dato pacifico in letteratura”. Viene sottolineato, inoltre che: “se il mesotelioma fosse veramente dose indipendente, la curva storica della sua incidenza sarebbe stata pressocché piatta. Invece la stessa si è impennata proprio in funzione del progressivo utilizzo dell’amianto nei diversi comparti produttivi, a partire dalla cantieristica navale”.

cms_28910/amianto.jpegAltro errore del giudice di primo grado, sempre secondo i giudici di Appello, è l’assoluzione degli imputati perché non avrebbero avuto il denaro necessario per le bonifiche. In realtà, fa presente il collegio: “piuttosto la loro responsabilità starebbe nella mancata informazione dei rischi, nel mancato utilizzo dei dispositivi di protezione e di misure volte a limitare le esposizioni. Tutti comportamenti che potevano essere attuati a costo zero e che erano un esatto dovere dei responsabili”. I ritardi dei vertici della Marina Militare sono palesi se si pensa che il primo opuscolo informativo sull’amianto è stato stampato e diffuso nel 2007, quando quella inglese lo aveva predisposto già dal 1970, e quella americana l’aveva distribuito sin dal 1943. “Sapevano - sottolinea il collegio - della pericolosità dell’asbesto ed erano già a disposizione dispositivi di protezione quali mascherine e sistemi di aereazione mai utilizzati”. Per tutti questi motivi, ricordiamo, Agostino di Donna è stato condannato a 2 anni di reclusione, Angelo Mariani e Guido Venturoni alla pena di 1 anno e 6 mesi, e Sergio Natalicchio a 1 anno di reclusione. Tutti, in solido al responsabile civile Ministero della Difesa, sono stati condannati al risarcimento dei danni a favore delle parti civili costituite, e al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva pari a 50mila euro ad erede.

cms_28910/ONA.jpg

L’Osservatorio Nazionale Amianto, già da tempo, ha costituito il dipartimento di assistenza di tutte queste vittime e dei loro familiari, perché ottengano la equiparazione a vittime del dovere. Questi diritti si sommano a quelli al risarcimento del danno. Tutte le vittime, e i loro familiari, possono rivolgersi all’Ona (https://www.osservatorioamianto.it/vittime-del-dovere/)

Donatella Gimigliano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram