AMIANTO E URANIO,IN GUERRA E IN PACE

La testimonianza della vedova del militare Domenico Sabbioni

AMIANTO_E_URANIO,IN_GUERRA_E_IN_PACE_Amianto_killer_nella_Marina_Militare_ITALIA_Bandiera.jpg

“Il suo desiderio era di invecchiare con me e vedere i suoi figli realizzarsi, ma purtroppo è rimasto solo un sogno perchè se n’è andato via a soli 58 anni per un mesotelioma pleurico

Nella divisa conservata in ricordo del marito le prove dell’esposizione all’amianto

cms_32549/NADIA_ZANDRELLI_CON_LA_FIGLIA_MARA_1700811838.jpg“Sono vedova da 11 anni, oggi sono qui a dare voce a mio marito, dopo anni di buio e profonda depressione” – è il racconto, interrotto più volte dall’emozione, di Nadia Zandrelli,vedova di Domenico Sabbioni, vittima dell’amianto, e madre degli orfani Matteo e Mara, che oggi ha voluto portare la sua testimonianza di vita all’incontro sul tema “Amianto e Uranio, in guerra e in pace”, promosso e organizzato dall’Osservatorio Nazionale Amianto e moderato da Franco Di Mare. “La nostra è una triste storia, ho conosciuto mio marito, appena adolescente e dopo 6 mesi lui partì per la leva nella Marina Militare e già a quei tempi lo Stato lo obbligò per ben 26 mesi alla lontananza dalla sua famiglia e di me. Dopo anni di sacrifici lavorativi, nel maggio 2011 Domenico raggiunse la tanto desiderata pensione ma appena 2 mesi dopo è iniziato il suo e il nostro calvario con la sentenza di morte: mesotelioma pleurico. Il desiderio di Domenico era quello di invecchiare con me e vedere i suoi figli realizzarsi, ma purtroppo è rimasto solo un sogno per lui se n’è andato via a soli 58 anni” – ha proseguito la donna, affiancata dai figli – “sono stati necessari numerosi e lunghi processi, seguiti con tenacia e determinazione supportati dall’Ona e dall’Avv. Bonanni per vederlo riconosciuto vittima del dovere.

cms_32549/NADIA_ZANDRELLI,_EZIO_BONANNI,_MARA_E_MATTEO_SABBIONI.jpg

Non posso non ricordare l’importanza e la drammaticità di uno dei momenti cruciali di questa nostra lunga battaglia legale: il mio romanticismo mi aveva portato a conservare la divisa e il cappello con cui Domenico svolgeva il servizio di leva nelle navi Mincio e Brenta, la cui analisi si è rivelata un potente elemento di prova della presenza di fibre di amianto. Sono stati anni emotivamente difficili per noi, - ha sottolineato - ma, grazie alla nostra forza, possiamo oggi dire di essere quasi riusciti ad ottenere la giustizia, nonostante lo Stato cerchi ancora di imporre ulteriori e inaccettabili lungaggini e insidie a questa nostra già dolorosa battaglia”. Purtroppo, il ritardo delle bonifiche e l’approccio solo giudiziario hanno determinato e determinano un continuo aumento di casi. Solo con lo smaltimento di tutto l’amianto sarà possibile una vera prevenzione. Ai tempi ordinari della bonifica, dobbiamo aggiungere anche la latenza che per il mesotelioma è in media di 48 anni. Pertanto il picco di malattie da amianto è atteso per il 2030”, dichiara l’avvocato Ezio Bonanni, Presidente dell’ONA. Non meno allarmante è la situazione legata all’uranio impoverito, o meglio ai proiettili utilizzati nei luoghi dove sono stati impiegati i nostri uomini in divisa ed anche dipendenti civili del Ministero della Difesa perché continua a mietere vittime tra gli appartenenti alle forze armate. L’impatto dell’uso dell’amianto nel settore difesa è pari ad oggi a 982 casi di mesotelioma e tenendo conto anche di tutte le altre patologie asbesto correlate, il numero dei decessi sfiora i 5 mila. Per il solo uso di proiettili ad uranio impoverito, sono stati censiti circa 400 decessi, e 8 mila casi di malattie professionali. Le più recenti sentenze hanno confermato il nesso causale.

cms_32549/ONA.jpgL’ONA chiede che la problematica sia affrontata e risolta con la bonifica dell’amianto e la tutela delle vittime e dei loro familiari, evitando lungaggini burocratiche e giudiziarie. Così per quanto riguarda l’uranio impoverito, ferma la necessità di un coinvolgimento delle istituzioni europee e NATO in chiave preventiva, evitando l’uso per il futuro dei proiettili ad uranio impoverito, anche in chiave risarcitoria” ha concluso Bonanni. Dopo i saluti istituzionali da parte dell’avvocato Paolo Nesta, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma (COA), sono intervenuti, tra gli altri il Consigliere presso la Suprema Corte di Cassazione, Nicola De Marinis, il Generale in congedo dell’Arma dei Carabinieri e componente del comitato tecnico scientifico dell’ONA, Giampiero Cardillo, il professore di Diritto del lavoro all’Università “La Sapienza” di Roma, Pasquale Montilla, oncologo, e Marcello Migliore, professore di chirurgia toracica e componente del comitato tecnico- scientifico dell’ONA.

Le vittime del dovere e dell’amianto o i loro familiari possono rivolgersi all’Osservatorio Nazionale Amianto per cercare di ottenere il riconoscimento dei propri diritti chiamando il numero verde 800.034.294 o sul sito https://www.osservatorioamianto.it/vittime-del-dovere

Donatella Gimigliano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram