AMIANTO NELLA MARINA MILITARE

Processo Marina Bis: Corte di Appello condanna di una parte degli gli imputati per omicidio colposo

1656040471AMIANTO_NELLA_MARINA_MILITARE_ITALIA_Bandiera.jpg

Oggi, dopo tre anni di battaglie processuali, si è concluso il processo di appello c.d. “Marina bis”, che ha visto imputati Guido Venturoni, Agostino Di Donna, Angelo Mariani, Sergio Natalicchio, Mario Di Martino e Umberto Guarnieri, accusati tutti di omicidio colposo per la morte di 11 appartenenti alla Marina Militare che, durante il servizio, hanno respirato amianto nelle unità navali.

cms_26541/1.jpgLa III Sezione della Corte di Appello di Venezia, presieduta dalla Dott.ssa Patrizia Vincenzina Montuori, ha riformato parzialmente la sentenza di assoluzione pronunciata dal Tribunale di Padova e ha riconosciuto la penale responsabilità in merito alla morte delle vittime dell’amianto in Marina. È stata emessa la condanna per il reato previsto di omicidio colposo in danno dei Sig.ri Tommaso Caserta e Francesco Paolo Sorgente, i cui eredi sono stati rappresentati e difesi dall’Avv. Ezio Bonanni. Di seguito le condanne erogate: Agostino di Donna è stato condannato alla pena di 2 anni di reclusione, Angelo Mariani alla pena di 1 anno e 6 mesi, Guido Venturoni a 1 anno e 6 mesi, Sergio Natalicchio a 1 anno di reclusione. Tutti, in solido al responsabile civile Ministero della Difesa, sono stato condannati al risarcimento dei danni a favore delle parti civili costituite, e al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva pari a €50.000,00 ad erede.

Decisiva, in questo processo, la super perizia disposta dalla stessa Corte di Appello, su richiesta delle parti civili, che ha confermato e ribadito la sussistenza di un rapporto causale tra l’esposizione patita da ogni singolo lavoratore e l’insorgenza della relativa malattia, nonché l’altissima concentrazione di polveri e fibre di amianto inalate dai Marinai.

cms_26541/2_EZIO_BONANNI_1.jpgGrandissima la soddisfazione di Bonanni, Presidente dell’Osservatorio Nazionale Amianto, che ha dichiarato: “giustizia è fatta, la Marina affonda sull’amianto! Continueremo a sollecitare le bonifiche, la messa in sicurezza delle nostre unità navali, e la tutela giuridica, anche con risarcimenti, senza necessità, speriamo, di dover sempre ricorrere all’Autorità giudiziaria”.

L’Ona attraverso il suo presidente è al fianco delle vittime dell’amianto e delle vittime del dovere, con un’assistenza legale gratuita e ha anche creato una app per le segnalazioni e per contribuire alla mappatura dei siti contaminati https://app.onanotiziarioamianto.it/ .

Per una consulenza gratuita, lo sportello on line https://onanotiziarioamianto.it/sportello-amianto-ona-nei-territori/ o il numero verde 800 034 294.

Donatella Gimigliano

Tags:

Commenti per questo articolo

[*COMMENTI*]

<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos