AMNESTY INTERNATIONAL A FAVORE DELLA PROTEZIONE DEI DIRITTI UMANI DELLE SEX WORKERS

prost_2.jpg

Continua a suscitare polemiche la decisione con cui Amnesty International si è dichiarata a favore della decriminalizzazione della prostituzione a tutela dei diritti umani dei/delle sex workers. La risoluzione approvata l’11 agosto a Dublino durante l’assemblea internazionale dell’organizzazione deriva dalla constatazione che le donne sono più a rischio di discriminazioni e violenze in un clima di illegalità.

cms_2612/Salil_Shetty,_segretario_generale_di_Amnesty_International.jpg

"Le sex workers sono uno dei gruppi più marginalizzati del mondo e nella maggior parte dei casi sono in costante pericolo di subire discriminazione, violenza e abusi. Il nostro movimento globale ha ora aperto la strada verso l’adozione di politiche per la protezione dei loro diritti umani. Queste politiche aiuteranno Amnesty International a lavorare in futuro su questo importante tema" - ha dichiarato Salil Shetty, segretario generale di Amnesty International. La risoluzione adottata a Dublino raccomanda che Amnesty International sviluppi politiche a sostegno della piena decriminalizzazione di ogni aspetto relativo al sex work di natura consensuale. Le politiche chiederanno agli stati di assicurare che i/le sex workers abbiano completa e uguale protezione dallo sfruttamento, dal traffico di esseri umani e dalla violenza.

cms_2612/meryl-kate-jpg.jpg

Prevedibili le reazioni. Non appena il documento è stato diffuso si è scatenato un aspro dibattito diviso su due fronti. Da una parte c’è chi si è scagliato contro la mozione, tra cui alcune attrici come Emma Thompson, Kate Winslet, Meryl Streep, Lena Dunham e Anne Hathaway. Al loro fianco anche costole della stessa organizzazione, come Amnesty Svezia, e altre associazioni che si proclamano femministe, come la European Women’s Lobby, che ha lanciato un duro appello contro la mozione affermando che “eliminando le dinamiche di potere nel sistema prostituzione, Amnesty International mette in pericolo la sua visione sui diritti umani”. Sull’altro fronte, invece, c’è chi sostiene che decriminalizzare la prostituzione contribuisca a rendere più sicura la professione riducendo i rischi per le sex workers e permettendo un maggior controllo.

cms_2612/decriminalizzazione_della_prostituzione_.jpg

La sicurezza dei/delle sex workers si ottiene decriminalizzando, sostiene Amnesty e lo specifica nel documento a pagina 10, “Amnesty International riconosce la necessità della regolamentazione della prostituzione”. Decriminalizzare vuol dire contrastare la violenza fisica e sessuale, gli arresti arbitrari, le detenzioni arbitrarie, le estorsioni, le intimidazioni, il traffico di esseri umani. Decriminalizzare vuol dire anche evitare che siano perseguiti i clienti perché è dimostrato come il modello svedese, con la penalizzazione dei clienti, abbia invece portato le prostitute a occupare ulteriori spazi di marginalizzazione e ad accettare clienti con minor sicurezza e maggiore rischio. Decriminalizzare insomma non vuol dire dare una regola di gestione della prostituzione. Significa impedire che la vendita e l’acquisto dei servizi sessuali siano considerati un crimine perché tante, nel mondo, sono le prostitute che vivono la repressione, la persecuzione e il carcere per quello che fanno.

cms_2612/prostitute.jpg

Punti su cui concordano anche l’Organizzazione Mondiale della Sanità, la Unaids, il Referente Speciale delle Nazioni Unite per il Diritto alla Salute e altre agenzie delle Nazioni Unite in consultazione costante con Amnesty assieme a Un Women, l’Internazionale anti/tratta. Inoltre Amnesty anticipa che durante il prossimo incontro, che si svolgerà in ottobre, si deciderà il tipo di impegno che l’organizzazione appunto dovrà sostenere a tutela dei diritti umani dei/delle sex workers.

Mary Divella

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

Email: redazione@internationalwebpost.org

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram