ANDAMENTO DELLE USCITE AL NETTO DEGLI INTERESSI E DELL’INDEBITAMENTO RISPETTO AL PIL

Cresce il valore delle uscite rispetto al PIL del 16% tra il Q1-2019 e il Q3-2020, quello dell l’indebitamento del 55,38%

1610573290Copertina.jpg

L’Istat calcola l’ammontare delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL e considera il valore dell’indebitamento rispetto al PIL https://www.istat.it/it/archivio/252350.

I dati mostrano un significativo peggioramento di entrambi gli indicatori nel corso dei trimestri del 2020.

Uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL. Il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL nel Q1-2019 è stato pari ad un valore pari a 44,4 ed è successivamente diminuito fino ad un valore di 43,9 unità ovvero pari ad un ammontare di -0,5 unità pari ad un valore di -1,13%. Nel passaggio tra il Q2-2019 ed il Q3-2019 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è diminuito da un valore pari a 43,9 unità fino ad un valore pari a 43,6 unità ovvero pari ad una riduzione di un ammontare pari a -0,68%. Nel passaggio tra il Q3 ed il Q4 2019 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è passato da un ammontare pari a 43,6 unità fino ad un valore pari a 45,3 unità ovvero pari ad una variazione di 1,7 unità ovvero pari ad una variazione di 3,90%. Nel passaggio tra il Q4-2019 ed il Q1-2020 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è cresciuto da un valore pari a 45,3 unità fino ad un valore pari a 48,4 unità ovvero pari ad una variazione di 3,1 unità pari ad un valore di 6,84%. Nel passaggio tra il Q1-2020 ed il Q2-2020 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è cresciuto da un ammontare pari a 48,4 unità fino ad un valore pari a 52,6 unità ovvero pari ad una variazione di 4,2 unità pari ad un valore di 8,68%. Nel passaggio tra il Q2-2020 ed il Q3-2020 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è diminuito da un ammontare pari a 52,6 unità fino ad un valore pari a 51,5 unità ovvero pari ad una variazione di -1,1 unità pari ad un ammontare di -2,09%. In media il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL nel trimestri tra il Q1-2019 e Q3-2020 è stato pari ad un valore di 47,10 unità. Complessivamente tra il Q3-2020 ed il Q1-2019 il valore delle uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL è diminuito di un ammontare pari a 7,1 unità in valore assoluto ovvero pari ad un ammontare di 15,99%.

cms_20624/Foto_1.jpg

Uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL. Fonte: Istat.

cms_20624/Foto_2.jpg

Uscite totali al netto degli interessi rispetto al PIL. Fonte: Istat.

Indebitamento/PIL. Il valore dell’indebitamento rispetto al PIL tra il Q1-2019 ed il Q2-2019 è diminuito da un valore pari a 6,5 unità fino ad un valore pari a 3,2 unità ovvero pari ad un ammontare di -3,3 unità pari ad una variazione del -50,77%. Il valore dell’indebitamento rispetto al PIL è diminuito da un ammontare pari a 3,2 unità fino ad un valore pari a 2,8 unità ovvero pari ad una variazione di -0,4 unità pari ad una variazione di -12,50%. Nel passaggio tra il Q3-2019 ed il Q4-2019 il valore dell’indebitamento rispetto al PIL è diminuito da un ammontare pari a 2,8 unità fino ad un valore pari a 1,6 unità ovvero pari ad una variazione di -1,2 unità pari ad una variazione di -42,86%. Nel corso del 2019 il valore dell’indebitamento rispetto al PIL era quindi in diminuzione nel passaggio dei vari trimestri del 2019. Tuttavia, a partire del primo trimestre del 2020 si verifica una crescita dell’indebitamento rispetto al PIL. Nello specifico nel passaggio tra il Q4-2019 ed il Q1-2020 il valore dell’indebitamento rispetto al PIL è cresciuto da un ammontare pari a 1,6 unità fino ad un ammontare pari a 9,8 unità ovvero pari ad una crescita di 8,2 unità pari ad un valore del 512,50%. Nel passaggio tra il Q1-2020 ed il Q2-2020 il valore dell’indebitamento rispetto al PIL è previsto in crescita da un ammontare pari a 9,8 unità fino ad un valore pari a 10,5 unità ovvero pari ad un valore di 0,7 unità pari ad un ammontare di 7,14%. Nel passaggio tra il Q2-2020 ed il Q3-2020 il valore dell’indebitamento rispetto al PIL è diminuito da un ammontare pari a 10,5 unità fino ad un valore pari a 10,1 unità ovvero pari ad una variazione di -0,4 unità fino ad un valore pari a -3,81%. Nel complesso il valore della variazione assoluta tra il Q3-2020 ed il Q1-2019 il valore dell’indebitamento è cresciuto di un ammontare pari a 3,6 unità ovvero pari ad un valore di 55,38%.

cms_20624/Foto_3.jpg

Andamento dell’indebitamento rispetto al PIL. Fonte: Istat.

cms_20624/Foto_4.jpg

Indebitamento rispetto al PIL. Fonte: Istat.

Conclusioni. Il valore delle uscite al netto degli interessi è cresciuto nel periodo tra il Q1-2019 ed il Q3-2020, tuttavia è assai più significativa la crescita dell’indebitamento rispetto al PIL. Infatti, tale indicatore era significativamente diminuito nel corso del 2019 raggiungendo il minimo nel corso del Q4-2019 pari a 1,6. In seguito, nel corso del 2020, il valore è cresciuto significativamente fino ad arrivare ad un valore di 10,1.

Angelo Leogrande

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos