ANIMATORE DIGITALE, FIGURA APICALE NELLA SCUOLA

1671253398COPERT_ANIMATORE_DIGITALE,_FIGURA_APICALE_NELLA_SCUOLA.jpg

cms_28722/0.jpgIstituito dalla Legge 107/2015, tale documento pone al centro dell’attenzione le opportunità dell’educazione digitale; gli obiettivi sono quelli del sistema educativo: le competenze degli studenti, i loro apprendimenti, i loro risultati, e l’impatto che avranno nella società come individui, cittadini e professionisti. Il mondo cambia rapidamente, è in continua evoluzione: serve più agilità mentale, competenze trasversali e un ruolo attivo dei giovani…”.

La descrizione dell’obiettivo di avere un animatore digitale è perfetta, ma l’attuazione non corrisponde, spesso, con quanto richiesto. L’animatore digitale è una figura apicale nella scuola che ha dei compiti “formativi” ben precisi: ma quanto interviene nei bisogni? Spesso viene confuso con il tecnico, con il risolutore di problemi legati ad un cavo HDMI che non va o per un modem che non si connette.

cms_28722/Foto_1.jpg

Ancora le scuole non hanno ben compreso che l’animatore digitale è una figura che deve avviare e coordinare assieme al Dirigente Scolastico, iniziative per far crescere tutta la comunità scolastica al fine di poter garantire l’acquisizione di un bagaglio minimo di competenze digitali, quelle che dovrebbero essere inserite nel Curriculum come competenze permanenti, e quelle stesse che oggi vengono svendute da enti di formazione a prezzi da Black Friday per aumentare la raccolta punti nelle graduatorie: è uno schiaffo a chi con in Digitale ci lavora, cresce, si sacrifica e dà il suo contributo a tantissime persone, se si pensa che per un istituto aventi 1000 iscritti, attorno ruotano 5000 unità (genitori, familiari, docenti, personale ata, cooperative, ecc.) che devono comunicare in modo rapido e sicuro.

Cosa impedisce alle scuole di avviare dei corsi finalizzati al conseguimento delle certificazioni? Forse solo la volontà di aver un focus centrato sui reali bisogni di tutta la comunità educante e non di un singolo docente o consiglio di classe.

La formazione deve essere ad ampio raggio e deve riguardare tutti: fino a quando realizzeremo progetti annuali limitati nelle nostre classi non daremo alcun contributo per i bisogni della scuola.

Ivano De Luca

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram