ARRESTATO IL GENERALE CIENFUEGOS A LOS ANGELES

L’ex ministro della Difesa avrebbe avuto “un ruolo chiave” nel riciclaggio

1602886520Copertina.jpg

Los Angeles, California, Stati Uniti d’America: arrestato Salvador Cienfuegos, generale ed ex ministro della Difesa messicano, con l’accusa di riciclaggio. Conseguenza di un’operazione con pochi precedenti lanciata dalla DEA, l’antidroga statunitense. Una gloriosa carriera, quella del settantaduenne messicano, che termina come quella di un trafficante qualunque, anche se i dettagli delle accuse risultano ancora troppo esigui per poter delineare un quadro ben preciso. In questa sede, pertanto, verrà volutamente omesso qualunque dettaglio riguardante indagini portate avanti con ipotesi ancora da valutare e accertare. Come riporta il Corriere della Sera, rilanciando i media messicani, dal 1997 sono circa una dozzina i generali incarcerati in quanto impegnati nella stessa operazione di Cienfuegos. E tutti coinvolti in procedimenti giudiziari, che interessano figure di spicco di un Paese sconquassato dalla “narco-guerra”, come è stata definita.

cms_19534/Foto_1.jpg

Salvador Cienfuegos Zapeda nasce a Città del Messico il 14 giugno 1948. A partire dalla seconda elementare frequenta il College of Mixcoac Williams, ottenendo una borsa di studio dal governo per la prosecuzione del suo percorso formativo. All’età di quindici anni matura la decisione di entrare nell’esercito, quando ancora non aveva ancora terminato gli studi. Decisione influenzata dal padre, che Cienfuegos non ha mai conosciuto, anch’egli militare. Il 23 gennaio 1964 entra ufficialmente nell’esercito messicano. I suoi studi si concludono con il master in Amministrazione Militare per la Sicurezza e la Difesa Nazionale. Sarà, infatti, anche ministro della Difesa durante la presidenza di Enrique Nieto. Come generale di brigata è stato direttore dell’Heroico Colegio Militar dal 1997 al 2000. Come generale di divisione è stato comandate della Quinta Regione Militare, della Nona, della Prima e della Settima. Ha lavorato, inoltre, come addetto militare e areo presso le ambasciate messicane in Giappone e Corea del Sud, partecipando a visite diplomatiche in Cina e a Cuba. Si ritira l’1 dicembre 2018.

cms_19534/Foto_2.jpg

La DEA è un’agenzia federale antidroga statunitense parte del Dipartimento della Giustizia degli Stati Uniti. L’acronimo è scioglibile in Drug Enforcement Administration e traducibile liberamente in italiano in “Organo per l’amministrazione delle politiche sulle droghe”. Il suo compito principale è combattere il traffico di sostanze stupefacenti e far rispettare la Legge sulle Sostanze Controllate, il Controlled Substances Act del 1970. Fondata il 1° luglio 1973, conta attualmente più di 1800 dipendenti e 5500 agenti, con quartier generale ad Arlington, in Virginia. La sua nascita è dovuta alla proposta avanzata dall’allora vicepresidente di Nixon: la fusione del Bureau of Narcotics and Dangerous Drugs e dell’Office of Drug Abuse Law Enforcement diede vita all’attuale Drug Enforcement Administration. La DEA, comunque, non è l’unica agenzia federale a far rispettare le leggi antidroga. I suoi compiti e la sua giurisdizione, infatti, sono divisi con l’FBI. La DEA, inoltre, ha la responsabilità per condurre e perseguire indagini statunitensi all’estero.

Francesco Bulzis

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos