Approvata legge per la sicurezza nazionale in Cina

1593548282Copertina.jpg

Dopo mesi di logoranti proteste, nel tentativo estremo di riportare l’ordine in città, Pechino ha approvato la tanto contestata legge per la sicurezza nazionale. Secondo quanto riportato dai media locali, i 162 membri del comitato permanente dell’Assemblea nazionale del popolo di Pechino hanno dato il via libera alla norma in totale unanimità. La legge punisce qualsiasi atto di sovversione, secessione, terrorismo o collusione con forze straniere e potrebbe rapidamente entrare a far parte della Basic Law di Hong Kong, risultando immediatamente in vigore. Il testo del provvedimento in questione non è tuttavia ancora noto.

cms_18103/Foto_1.jpg

Come si può leggere su la Repubblica, sembra che la bozza di legge sia circolata soltanto tra i delegati del parlamento cinese: persino la governatrice Carrie Lam non ha avuto la possibilità di accedere al testo della norma, a testimonianza di come le istituzioni locali, seppur vicine al fronte di Pechino, siano state del tutto scavalcate. Il governo centrale, infatti, avrebbe intenzione di creare una propria agenzia ad Hong Kong, incaricata di supervisionare la protezione della sicurezza nazionale, gestendo direttamente i casi più gravi.

cms_18103/Foto_2.jpg

Il versante democratico di Hong Kong si è pronunciato rivelandosi a sfavore della legge per la sicurezza nazionale in Cina, definendola un atto volto a privare la città della sua attuale autonomia. Conseguenza immediata post-approvazione è stata la rinuncia da parte di Joshua Wong del suo ruolo di leader del gruppo Demosisto, per timore di poter divenire il primissimo bersaglio della nuova legge. “È la fine della Hong Kong che il mondo conosceva” ha affermato Wong con un tweet, e ha aggiunto: “Con poteri spazzati via e una legge indefinita, la città diventerà uno Stato di polizia segreta”. Molti funzionari hanno assicurato che l’applicazione della legge rispetterà i diritti fondamentali garantiti ad Hong Kong, ma è inevitabile la paura insinuatasi nella mente e nel cuore dei cittadini cinesi: in nome di tale legge sarà soffocata ogni forma o espressione di dissenso?

Elena Indraccolo

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos