BREVI DALL’ EUROPA

Brevi_dall_Europa_copertina.jpg

AFFARI GIURIDICI

Proteggere i minori nelle controversie internazionali in materia di divorzio

cms_8324/divorzio-foto.jpgIl Parlamento europeo ha proposto modifiche alle norme UE sulla risoluzione delle controversie internazionali in materia di divorzio.

Pur riconoscendo la qualità delle proposte della Commissione che mirano a migliorare il regolamento in vigore, i deputati propongono di rafforzare la tutela dei diritti dei minori durante l’intera procedura di risoluzione delle controversie tra le coppie divorziate. Ciò significherebbe in particolare garantire che il bambino abbia il diritto di esprimere la propria opinione, attraverso una procedura chiara, in cui non vengono esercitate pressioni sul bambino e l’intervistatore è un esperto appositamente formato.

Se un bambino viene sequestrato in un altro Paese dell’Unione europea da uno dei suoi genitori, i deputati propongono che la questione venga affrontata da giudici che esercitano la professione e hanno acquisito esperienza in tale ambito, per garantire la priorità dell’interesse superiore del bambino.

Secondo le stime della Commissione, nell’UE risiedono 16 milioni di famiglie internazionali e ogni anno ci sono circa 140 000 divorzi internazionali. I casi di rapimento di minori da parte dei genitori registrati nell’UE sono circa 1.800 l’anno.

COMMERCIO INTERNAZIONALE

Norme sul controllo di esportazioni di prodotti a duplice uso

cms_8324/dati-import-export-mise-2016-commercio-internazionale.jpgIl regime di controllo sulle esportazioni dell’UE dovrebbe essere esteso agli strumenti di cyber- monitoraggio che possono essere utilizzati per violare i diritti umani.

Il Parlamento europeo ha stabilito la sua posizione per i negoziati con i ministri dell’UE.

L’Unione europea sta attualmente aggiornando le norme sul controllo sulle esportazioni di prodotti a duplice uso (beni e le tecnologie destinati a scopo pacifico in circostanze civili, ma che possono essere utilizzati anche per la costruzione di armi di distruzione o attentati terroristici, dual-use in inglese), per tenere il passo con le nuove tecnologie e impedire ai regimi autoritari di spiare i propri cittadini con l’aiuto di prodotti europei.

Tali prodotti sono già soggetti al regime di controllo delle esportazioni dell’UE . Le nuove regole aggiungerebbero alcuni strumenti di cyber-monitoraggio all’elenco dei prodotti che devono essere approvati dalle autorità nazionali prima di essere esportati. Si tratta di dispositivi per intercettare telefoni cellulari, violare computer, bypassare password o identificare utenti di internet, utilizzati per spiare oppositori politici e attivisti in tutto il mondo.

Ivan Forte

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App