BRUCIANO LE HAWAI

BRUCIANO_ANCORA__LE_HAWAI.jpg

Sono almeno 36 le persone morte dopo gli incendi, alimentati dai venti dell’uragano Dora, che hanno devastato gran parte della città turistica Lahaina sull’isola Maui delle Hawaii.

Diversi quartieri sono stati bruciati, mentre il lato occidentale dell’isola e` stato quasi tagliato fuori. Con una sola autostrada aperta e migliaia di persone da evacuare, i funzionari raccontavano di una diffusa devastazione a Lahaina, il suo porto e le aree circostanti. Alcune persone sono state costrette a saltare nell’Oceano Pacifico per sfuggire al fumo e alle condizioni di fuoco, spingendo la U.S. Coast Guard a salvarli.

La Hawaii Emergency Management Agency ha detto in ritardo il Mercoledì che il National Weather Service ha annullato la "Bandiera Rossa Warning" e "Alto Vento Advisory" per tutte le isole Hawaii

Il Governatore delle Hawaii, Sylvia Luke, ha detto in una conferenza stampa che i funzionari stavano ancora valutando i danni e che “sarà una lunga strada per la ripresa”. Secondo rapporti ufficiali di sorvoli effettuati dalla US Civil Air Patrole dal Maui Fire Departement, circa 271 strutture sono state danneggiate o distrutte.

Gli incendi, che sono iniziati il martedì notte, hanno anche bruciato migliaia di ettari della Big Island delle Hawaii.

cms_31445/1.jpg

Ed Sniffen del Dipartimento dei Trasporti delle Hawaii ha detto che più di 11.000 viaggiatori sono stati evacuati da Maui. Anche se almeno 16 strade sono state chiuse, l’aeroporto di Maui era completamente in funzione e che le compagnie aeree hanno abbattuto le tariffe e offrendo deroghe per semplificare l’evacuazione dei turisti.

“La gente del posto ha perso tutto. Hanno perso la loro casa. Hanno perso i loro animali. È devastante”, ha dichiarato Jimmy Tokioka, direttore del Dipartimento di Stato per le Imprese, lo Sviluppo Economico e il Turismo.

Gli sforzi di evacuazione sono stati complicati da interruzioni di corrente e interruzione del servizio di telefonia cellulare, come la comunicazione con il lato ovest di Maui che era disponibile solo via satellite. Almeno 20 persone hanno subito gravi ustioni e sono stati trasportati in aereo a Oahu, Hawaii News Now.

La situazione alle Hawaii ha ricordato scene di devastazione in altre parti del mondo quest’estate, in quanto gli incendi causati dal caldo da record hanno costretto l’evacuazione di decine di migliaia di persone in Grecia, Spagna, Italia e in altre parti d’Europa, anche il Canada occidentale ha subito incendi insolitamente gravi.

Il cambiamento climatico causato dall’uomo, guidato dall’uso di combustibili fossili, sta aumentando la frequenza e l’intensità di tali eventi meteorologici estremi, dicono gli scienziati, dopo aver da tempo avvertito che i funzionari governativi devono ridurre le emissioni per prevenire la catastrofe climatica.

La causa a Maui doveva ancora essere determinata, ma il National Weather Service ha detto che gli incendi sono stati alimentati da un mix di vegetazione secca, forti venti e bassa umidità.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram