CARPE DIEM, CON SELF-LOVE

CARPE_DIEM.jpg

La pace è quel momento di tranquillità che prende il sopravvento dopo un periodo fatto di tumulti e sconforto. La senti arrivare perché entra dalla porta all’improvviso. Ti rimette in ordine i capelli e sistema ogni cosa al proprio posto. Certo non giunge con pacatezza. Stare bene con se stessi è il punto d’arrivo di un lungo percorso ad ostacoli. Hai presente quando non ne puoi più della tempesta e vuoi vedere di nuovo il cielo azzurro? La vita si rimette in moto affinché tu possa scorgere i raggi del sole. Che poi, una volta baciato dalla luce, non ti ferma più nulla. Sei ritornato in pista per mano con il tuo entusiasmo e sai che puoi farcela. La burrasca è utile per completarsi e ritrovare l’IO perduto. Il più delle volte cerchiamo solo qualcosa che si trova dentro di noi, eppure vaghiamo per anni senza una meta precisa. Non sappiamo quel che vogliamo e quindi ci perdiamo. Ad un certo punto però l’antifona cambia. Siamo stanchi di girare a zonzo per le strade. Nasce il bisogno di una meta interiore, un obiettivo a lungo termine. Così tutto d’un colpo v’è il risveglio della coscienza. Capiamo che quello che abbiamo è sufficiente, non esiste alcun vuoto da colmare, solo un grande traboccare d’amore verso di noi. Sta di fatto che il dolore induce a riflettere parecchio. Fuori dal tunnel c’è abbondanza di felicità ovunque. Spesso siamo semplicemente prigionieri delle nostre convinzioni e affossati in una incolmabile sofferenza.

cms_6939/2.jpgE’ tutto lì il problema. Pensare di essere dei falliti non porta a grandi risultati, credere di potercela fare, invece, sì. Il pensiero influenza ogni angolo di questa vita. Il vincente si rialza con il carico dell’esperienza nel cuore e butta il passato alle spalle. Il perdente continua a lamentarsi guardandosi indietro. La convinzione che la felicità sia gioia perenne è l’illusione peggiore che ci hanno inculcato. Le stagioni dell’esistenza servono a farci comprendere la necessità del lato oscuro. La serenità è la fine di un tormentato incubo, quell’attimo in cui ti rendi conto che il tuo benessere dipende soprattutto da te e dai tuoi pensieri. Non star fermo, vivi perché tutto si sistema nel modo giusto. Carpe diem, con self-love.

Alessia Gerletti

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos