CHIESA CATTOLICA CONTRO TUTTI

Nuove polemiche sul Ddl Zan

1624409720CHIESA_CATTOLICA_CONTRO_TUTTI.jpg

Mai come adesso il Vaticano si è espresso su una legge, tanto da scrivere una lettera per sottolineare la presunta incongruenza con il concordato. Per questo, i vertici del Vaticano chiedono di fermare ddl Zan. Il disegno di legge contro l’omotransfobia sta facendo molto discutere da diversi mesi, occupando una posizione privilegiata nell’opinione pubblica. Pertanto, la vera sfida non si muove solo nel versante politico, ma anche e soprattutto sulla sfera religiosa. La frangia più conservatrice della chiesa non vede di buon occhio il ddl Zan soprattutto perché (a loro dire) mina le basi della credibilità delle tradizioni. Certamente, la sfida è ardua, ma occorre osservare questa vicenda sotto diversi punti di vista, senza lasciarsi travolgere dall’onda mediatica. La chiesa nel suo lento processo evolutivo non è ancora pronta per tutto questo, ma nello stesso tempo deve ricordarsi che l’Italia è uno stato laico. Questa sottile ma non banale distinzione ha fatto infuriare molti personaggi noti. Tornando nello specifico, il primo ad alzare la voce per conto della chiesa è monsignor, Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati della Segreteria di Stato.

cms_22283/FOTO_1.jpg

Il prelato attraverso una lettera del 17 giugno, consegnata all’ambasciata italiana presso la Santa Sede dichiara: “ Alcuni contenuti attuali della proposta legislativa riducono la libertà garantita alla chiesa cattolica”. In realtà, l’oggetto della forte opposizione della chiesa è racchiusa nell’articolo 7, che non esenterebbe le scuole private dall’organizzare attività in occasione della Giornata nazionale contro l’omofobia. Tutto questo ha fatto infuriare e non poco le alte sfere vaticane anche per una loro libertà negata. Indubbiamente, occorre arrivare ad un punto d’incontro, cercando in tutti i modi di dialogare tenendo fede alle esigenze di tutti. L’errore che si sta commettendo in questi mesi è quello di accettare tutto per partito preso, perché magari qualche cantante ha lanciato una affermazione provocatoria. La vicenda non si chiuderà con questa lettera anche perché l’opposizione della chiesa va avanti dal 2020, quando il presidente della Cei Bassetti lanciò una provocazione: “Una legge che intende combattere la discriminazione non può e non deve perseguire l’obiettivo con l’intolleranza”.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos