COVID, OMS:"FORTE PROBABILITA’ NUOVE VARIANTI PERICOLOSE"

In Italia ulteriori 2.455 contagi e altri 9 morti - I dati dalle Regioni - Variante Delta, Ricciardi: "Bloccare voli da Gb"

16_7_2021_.jpg

cms_22528/covid_nel_mondo.jpg

cms_22528/2_OMS-logo.jpgCovid, Oms: "Forte probabilità nuove varianti più pericolose"

Non solo variante Delta: all’orizzonte, secondo l’Oms, potrebbe esserci infatti nuove varianti Covid più aggressive e più difficili da controllare. "Nonostante gli sforzi nazionali, regionali e globali, la pandemia" di coronavirus "non è affatto finita.

Continua a evolversi, con 4 varianti di preoccupazione che dominano l’epidemiologia globale". E viene riconosciuta come "forte" la "probabilità" che in futuro emergano e si diffondano globalmente "nuove varianti di preoccupazione, forse più pericolose e ancora più difficili da controllare",il monito lanciato dal Comitato di emergenza convocato dall’Organizzazione mondiale della sanità sotto le International Health Regulations (Ihr). E’ l’ottavo meeting del Comitato che si tiene da quando è iniziata l’emergenza Covid-19. L’incontro si è tenuto ieri e oggi ne sono stati diffusi i contenuti attraverso i canali Oms.

Nel mondo alle prese con la pandemia "i governi stanno prendendo decisioni sempre più divergenti rivolte ad affrontare bisogni nazionali ristretti", e questo "inibisce un approccio armonizzato alla risposta globale", ha osservato ancora il Comitato di emergenza. La pandemia, fa notare l’organismo al termine della riunione di ieri, "rimane una sfida a livello globale, con i Paesi alle prese con diverse esigenze sanitarie, economiche e sociali". Il Comitato ha osservato che "le differenze regionali ed economiche stanno influenzando l’accesso ai vaccini, alle terapie e alla diagnostica. I Paesi con accesso avanzato ai vaccini e sistemi sanitari ben dotati di risorse sono sotto pressione per riaprire completamente le loro società. I Paesi con accesso limitato ai vaccini stanno sperimentando nuove ondate di infezioni, affrontando un calo della fiducia pubblica e la crescente resistenza" a misure anti contagio e restrizioni, "crescenti difficoltà economiche e, in alcuni casi, crescenti disordini sociali".

Da qui le divergenze osservate nelle decisioni assunte dai vari Stati sulle politiche da adottare. Il Comitato ha espresso preoccupazione a questo proposito per "il finanziamento inadeguato del Piano strategico di preparazione e risposta dell’Oms", e ha chiesto "finanziamenti più flessibili e prevedibili per sostenere il ruolo di leadership" dell’Agenzia Onu per la salute nella risposta globale alla pandemia.

cms_22528/coronavirus_r29_3_2020p.jpg"MASCHERINE, DISTANZE E MISURE RESTANO FONDAMENTALI"

"L’uso delle mascherine, la distanza fisica, l’igiene delle mani e una migliore ventilazione degli spazi interni rimangono fondamentali per ridurre la trasmissione di Sars-CoV-2" in tutti i Paesi del mondo, i quali devono "continuare a utilizzare misure di sanità pubblica e sociali basandosi sul monitoraggio in tempo reale della situazione epidemiologica e delle capacità del sistema sanitario, e tenendo conto dei potenziali effetti cumulativi di queste misure", una delle raccomandazioni temporanee agli Stati diffuse dall’Organizzazione mondiale della sanità.

Queste indicazioni sono state ritenute cruciali per tutti i Paesi indipendentemente dalla situazione che stanno vivendo con Covid. Fra i temi toccati nel corso del meeting la lotta alla disinformazione che incide sull’esitanza a vaccinarsi contro Covid, l’equità nell’accesso ai vaccini, i viaggi internazionali, il rischio varianti. Secondo le raccomandazioni, "deve continuare a essere adattato al contesto epidemiologico e sociale ed a essere imposto l’uso di misure di sanità pubblica in risposta a singoli casi o focolai", compresi "la ricerca dei contatti, la quarantena e l’isolamento".

Viene ribadito il messaggio sulla richiesta di certificati vaccinali per i viaggi e si raccomanda di "non richiedere la prova della vaccinazione anti-Covid per i viaggi internazionali come unico percorso o condizione che consenta lo spostamento, dato l’accesso globale limitato e la distribuzione iniqua dei vaccini". Gli Stati "dovrebbero prendere in considerazione un approccio basato sul rischio per facilitare i viaggi internazionali revocando le misure, come i requisiti di test e/o quarantena quando appropriato, in conformità con la guida dell’Oms".

cms_22528/1.jpgOrigine del virus, Ghebreyesus: "Cina cooperi a indagine"

Il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus rinnova intanto l’appello alla Cina perché cooperi nell’indagine sulle origini del Covid. In una conferenza stampa a Ginevra ha detto: "Chiediamo alla Cina di essere aperta e trasparente e di cooperare. Sapere quello che è successo è qualcosa che dobbiamo ai milioni di persone che hanno sofferto e ai milioni di persone che sono morte".

La Cina ha sempre sostenuto di aver cooperato con l’Oms, che nei mesi scorsi ha mandato a Wuhan un team di esperti a indagare, ma a cui sarebbe stato impedito l’accesso a informazioni e siti fondamentali, e ha contestato i tentativi di "politicizzare" le indagini.

cms_22528/4.jpg

cms_22528/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 2.455 contagi e altri 9 morti

Sono 2.455 i contagi da coronavirus in Italia, secondo i dati - regione per regione - del bollettino della Protezione Civile.

Ieri, registrati altri 9 morti e sono stati eseguiti 190.922 tamponi. Il tasso di positività sale a 1,2%. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 153 (+2), con 11 ingressi nelle ultime 24 ore. Nel complesso sono 1.089 ricoverati (-19).

cms_22528/italia.jpg

I dati dalle Regioni

LOMBARDIA

Sono 381 i nuovi casi positivi di coronavirus. Non si registra alcun decesso.

EMILIA ROMAGNA

Sono 167 i nuovi contagi da coronavirus.Non si registra alcun decesso.

LAZIO

Sono 353 i contagi da coronavirus. Si registra 1 morto.

CAMPANIA

Sono 234 contagi da coronavirus. Si registra 1 decesso nelle ultime 48 ore.

PIEMONTE

Sono 68 i nuovi contagi da coronavirus.Non si registra alcun decesso.

CALABRIA

Sono 32 i contagi da coronavirus.

PUGLIA

Sono 42 i contagi da coronavirus. Si registrano 2 decessi.

FRIULI VENEZIA GIULIA

Sono 18 i contagi da coronavirus. Non si registrano ulteriori decessi.

ABRUZZO

Sono 50 (di età compresa tra 8 e 89 anni) i contagi da coronavirus. Si registra 1 decesso nelle ultime 24 ore.

SARDEGNA

Sono 112 i nuovi contagi da coronavirus. Si registra 1 morto.

TOSCANA

Sono 173 i contagi da coronavirus. Si registra 1 morto.

BASILICATA

Sono 5 i contagi da coronavirus. Non sono stati registrati morti.

VENETO

Sono 318 i contagi da coronavirus. Si registra 1 morto.

cms_22528/VARIANTE-DELTA-(B.jpg

cms_22528/Walter_Ricciardi.jpgVariante Delta, Ricciardi: "Bloccare voli da Gb"

Bloccare i voli dalla Gran Bretagna. E’ la misura da adottare per arginare la diffusione del coronavirus e in particolare la variante Delta. E’ il parere di Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza. "Il virus è insidiosissimo, ingannatore: lunedì ci sono 10 casi e sabato ce ne sono 1000. La Gran Bretagna in maniera scriteriata sta spalancando le porte al virus, in una settimana i casi sono triplicati. Da 50.000 passeranno a 100.000, 150.000. Domani alcuni scienziati chiederanno al governo britannico di tornare indietro" rispetto alla decisione che prevede l’eliminazione di ogni restrizione a partire dal 19 luglio, dice Ricciardi a In Onda su La7.

"Da Londra e dalla Gran Bretagna la gente si sposta. Bloccare i voli? Senza se e senza ma. L’ho consigliato al ministro Speranza, che è molto attento. La Gran Bretagna è completamente fuori controllo, alcuni paesi stanno riflettendo. Bisogna prendere misure interne, ma la circolazione tra paesi va limitata. Arrivano ogni giorno voli da Londra, è un paese che va bloccato. La Gran Bretagna ha fatto entrare la variante indiana in Europa, ha tenuto aperti i voli con l’India per due settimane", aggiunge.

"La variante Delta ha compromesso un po’ la protezione contro l’infezione. In questo momento i vaccini proteggono al 75% dall’infezione ma proteggono dalla malattia grave. Se facciamo circolare il virus, si stanno preparando varianti che possono farci correre il rischio" legato ad una protezione meno efficace. "La pandemia durerà ancora mesi, se non anni. Se non diamo vaccini all’Africa, la pandemia durerà fino al 2024. Questa fase durerà un altro anno in Italia e altri 3 anni nel mondo. Non lo eradicheremo questo virus ma dobbiamo ridurlo ai minimi termini", ribadisce. "Non è il momento di circolare per il mondo, soprattutto fuori dall’Unione Europea si corre il rischio di rimanere bloccati", afferma Ricciardi. In Italia si rischia un nuovo lockdown? "Credo che non succederà più, grazie ai vaccini"

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos