COVID-19

Uno sguardo sul mondo

1618108434COVID-19_UNO_SGUARDO_SUL_MONDO.jpg

GRAN BRETAGNA

cms_21544/1.jpg

Il MHRA relativamente all’Oxford/AstraZeneca ribadisce che i benefici superano i rischi. Quasi 1 adulto su 10 ha ricevuto entrambe le dosi. L’Università di Oxford ha sospeso una sperimentazione del vaccino nei bambini. Nel frattempo, il vaccino Moderna ha iniziato ad essere distribuito. I nuovi casi, i ricoveri ospedalieri e i decessi continuano a diminuire ma, dopo l’allentamento di alcune misure restrittive, i dati vengono monitorati con attenzione e a tutti vengono effettuati test rapidi a cadenza bisettimanale.

GERMANIA

cms_21544/2.jpg

In Germania, anche i medici di famiglia hanno iniziato a vaccinare ma l’offerta di vaccinazione è limitata. Il numero di casi di COVID-19 è ancora alto.

SPAGNA

cms_21544/3.jpg

Il governo spagnolo ha deciso di interrompere temporaneamente la somministrazione del vaccino di AstraZeneca alle persone sotto i 60 anni, dopo l’annuncio dell’EMA. Il governo regionale di Madrid ha iniziato conversazioni con intermediari per la produzione e distribuzione del vaccino russo Sputnik V, anche se non è stato ancora approvato dall’EMA. Alla data di mercoledì scorso, l’incidenza della pandemia si è rivelata elevatissima: 3.326.736 persone sono state infettate e 76.037 sono morte dall’inizio della pandemia.

PORTOGALLO

cms_21544/4.jpg

Il 5 aprile il Portogallo ha iniziato la fase di riapertura, con la ripresa delle lezioni in classe e delle attività per gli studenti. Nel settore della ristorazione si possono riaprire gli spazi all’aperto, ma con gruppi limitati a quattro persone.
Secondo l’agenzia di stampa Lusa, l’indice di trasmissibilità della SARS-CoV-2, in aumento da metà febbraio, è più alto nella regione dell’Algarve.
Il Portogallo riporta un totale di 825.031 casi confermati di infezione da SARS-CoV-2 e 16.890 morti per COVID-19 dall’inizio della pandemia. Fino a mercoledì (7), 1.346.317 persone hanno ricevuto la prima dose di vaccino contro COVID-19, e 560.871 la seconda dose.

FRANCIA

cms_21544/5.jpg

In Francia, l’epidemia è in netto peggioramento con 433 nuovi decessi in 24 ore e 2.189 nuovi ricoveri in terapia intensiva negli ultimi 7 giorni. Le unità di terapia intensiva in molte zone sono sature nonostante il coinvolgimento degli ospedali privati. Allo stesso tempo, la campagna di vaccinazione si sta intensificando. Dall’inizio della di vaccinazione in Francia, il 18,7% della popolazione adulta ha ricevuto una dose di vaccino e il 6,4% due dosi. La Francia sta anche iniziando la produzione di vaccini. La Delpharm di Saint-Rémy-sur-Arve (Eure-et-Loir) ha iniziato a infialare il vaccino Comirnaty. A metà aprile, il subappaltatore Recipharm produrrà il vaccino Moderna nel suo stabilimento di Monts (Indre-et-Loire).

STATI UNITI

cms_21544/6.jpg

Gli Stati Uniti sono attualmente terzi nel mondo in termini di ritmo di vaccinazione (le persone di età superiore ai 16 anni possono essere vaccinate in 36 Stati), con una media di circa 3 milioni di dosi al giorno dietro la Cina (4,5 milioni di dosi giornaliere) e l’India (3,4 milioni di dosi al giorno). Sono in abbondante anticipo sulla dirittura d’arrivo (la scadenza del 1° maggio) ma sono alle prese con la virulenza esponenziale delle varianti. La variante B.1.1.7 risulta essere quella più preoccupante.

BRASILE

cms_21544/7.jpg

Il Brasile ha raggiunto il triste record di 4.229 morti in un giorno. I ricercatori chiedono l’adozione di misure rigorose e avvertono che il tasso di letalità è salito dal 3,3 al 4,2% nell’ultima settimana mentre la città di San Paolo, la più grande del paese, sta prendendo in considerazione la necessità di avviare la costruzione di nuovi cimiteri. Ad oggi, sono state somministrate altre 26,7 milioni di dosi. Le capitali e le città dell’interno del paese stanno interrompendo la vaccinazione per mancanza di dosi.

INDIA

cms_21544/8.jpg

La seconda ondata di infezioni da COVID-19 continua a devastare l’India, con 126.789 casi giornalieri riportati giovedì. Alcuni Stati denunciano una carenza di forniture di vaccino. L’India ha finora somministrato più di 86 milioni di dosi di vaccino.

BHUTAN

cms_21544/9.jpg

È stato vaccinato il 62% della sua popolazione in appena una settimana. Entro il 6 aprile, l’85% della popolazione adulta aveva ricevuto una singola dose di vaccino.

IRAN

cms_21544/10.jpg

La situazione è veramente drammatica. In questa settimana è stato raggiunto il record di 20.954 infezioni giornaliere.

COREA DEL SUD

cms_21544/11.jpg

La Corea del Sud ha autorizzato il vaccino COVID-19 di Johnson & Johnson, in aggiunta ad AstraZeneca e Pfizer-BioNTech.

NUOVA ZELANDA E AUSTRALIA

cms_21544/12.jpg

Entrambi i Paesi hanno annunciato la "bolla di viaggio" senza quarantena e senza test COVID-19 dal 19 aprile.

(Fonti Univadis, Medscape, Coliquio e Mediquality)

Francesco Leccese

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram