Covid, "Russia approverà vaccino tra due settimane"

Salgono a 35.124 l3 vittime in Italia. Zangrillo e Bassetti: "Noi medici sinceri, non negazionisti"

covid_29_7_5_2020.jpg

cms_18461/russia.jpg

La Russia sostiene di essere pronta in meno di due settimane ad approvare il primo vaccino per il Covid-19. Lo riporta la Cnn, citando le dichiarazioni di funzionari russi che sostengono di lavorare alla data del 10 agosto, o anche prima, per l’approvazione del vaccino, sviluppato dall’Istituto Gamaleya di Mosca.

"E’ un momento Sputnik", sostiene Kirill Dmitriev, a capo del fondo sovrano russo che finanzia le ricerche per il vaccino, riferendosi al lancio del primo satellite al mondo nel 1957 da parte dell’allora Unione Sovietica. "Gli americani rimasero sorpresi quando sentirono i bip dello Sputnik. E’ lo stesso col vaccino. La Russia ci arriverà per prima". La Russia, sottolinea la Cnn, non ha però diffuso alcun dato scientifico sui test effettuati per il vaccino ed è impossibile al momento verificare in maniera indipendente la sicurezza o l’efficacia del farmaco.

cms_18461/4.jpg

Altri 12 morti per coronavirus in Italia. I decessi dall’inizio dell’emergenza, secondo i dati del ministero della Salute, sono 35.124. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 181 casi. In totale, dall’inizio dell’emergenza, sono 246.488. Sono 12.609 le persone attualmente positive al coronavirus in Italia, 28 in più rispetto a ieri. Nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 163 guariti che portano il totale a 198.756. Sono 40 le persone positive al coronavirus ricoverate in terapia intensiva in Italia, cinque in meno rispetto a ieri. Di queste, 13 sono negli ospedali della Lombardia. Sono sette le regioni italiane in cui non si sono registrati nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore: Basilicata, Molise, Valle d’Aosta, Umbria, Trentino Alto Adige, Sicilia e Friuli Venezia Giulia.

cms_18461/bilancio_2807.jpg

cms_18461/Zangrillo_Alberto_Fg.jpg

(Lucia Scopelliti e Margherita Lopes)- "Essere definito negazionista dopo aver visto personalmente ognuno dei circa 1.200 malati" di Covid-19 "curati al San Raffaele, dopo aver lavorato notte e giorno fino al 18 aprile nelle 5 rianimazioni dell’ospedale e dopo aver personalmente trasportato malati gravissimi nel mio reparto, mi porta a considerare gli autori delle accuse quali persone in malafede, che si espongono al rischio di querela per diffamazione". Usa parole dure Alberto Zangrillo, prorettore dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, dopo l’evento in Senato di ieri definito da più parti convegno dei negazionisti. E non è il solo. Con lui anche Massimo Clementi, virologo dell’ateneo di via Olgettina, e Matteo Bassetti, direttore della Clinica Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova e presidente della Società italiana di terapia antinfettiva (Sita).

Non siamo negazionisti, ma medici, professori universitari, ricercatori, replicano. "Il medico - dice Zangrillo - cura, dice la verità, si preoccupa responsabilmente, infonde coraggio e, se sostenuto dalle evidenze, esprime fiducia e ottimismo. Il medico ha una visione completa della complessa situazione sanitaria, che impone di dare risposte anche alle patologie che non si prevengono con la mascherina e il lavaggio frequente delle mani. Chi continua a scuotere la testa e allargare le braccia di fronte alle evidenze ha evidentemente altri interessi e farà presto una pessima figura".

cms_18461/Massimo_Clementi.jpg

A bruciare sono alcune dichiarazioni pronunciate da colleghi, aggiunge Clementi che, riferendosi per esempio all’infettivologo Massimo Galli, si dice "sorpreso, ma non più di tanto" per le sue parole riguardo ai partecipanti al convegno delle polemiche. "Ad interpretarle alla lettera - osserva Clementi - le dichiarazioni suonano realmente offensive verso alcuni colleghi che si impegnano scientificamente in questa pandemia quanto lui e forse più. Su che base ha titolo per dire chi può esprimere opinioni di tipo scientifico? C’è chi sta pensando ad un’azione legale. Per me queste parole scivolano via e, come dicevo, non mi sorprendono".

cms_18461/Matteo_Bassetti,Infettirologo.jpg

"Sono molto amareggiato - confida Bassetti - dopo tutto il lavoro fatto in corsia contro Covid-19, sentirmi dire che sono un negazionista, dopo aver fatto una relazione di 8 minuti su Covid-19 nella mia realtà. Mi sono limitato a intervenire ad un convegno in Senato e a raccontare in pochi minuti la mia esperienza. E alcune affermazioni fatte in quel congresso non le condivido. Ma sono schifato dalla macchina del fango. Sono un professore universitario, faccio ricerca e non ci sto a farmi dare del negazionista da colleghi che, piuttosto, farebbero bene a leggere i miei lavori su questa malattia. E’ negazionista, piuttosto, chi nega il lavoro altrui".

"Quanto alla ricerca prodotta - incalza Zangrillo - l’ospedale San Raffaele e l’università Vita-Salute rispondono come sempre coi numeri, altro che pseudoscienza". E’ da un po’ che si è creata una frattura. In particolare, da quando i 3 esperti insieme ad altri colleghi hanno messo nero su bianco, circa un mese fa, la loro posizione in un documento. Proprio al riguardo, a Clementi non è piaciuta neanche la "risposta stizzita che Galli diede" proprio "al manifesto dei dieci che fotografavano la migliorata situazione clinico-epidemiologica italiana. C’è, da parte sua, un testardo perseverare nel mantra ’il virus non è cambiato’, affermazione che non significa nulla se non la si contestualizza - attacca - Caro Massimo Galli, come sai benissimo, i virus che cambiano non avvisano".

Per Bassetti "a questo punto la macchina del fango ha raggiunto livelli inaccettabili. Ci deve essere un pensiero unico nella scienza? Non mi piace un Paese così: la medicina ha bisogno di pluralità e fermento di idee", conclude.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su