Covid, verso nuova stretta (Altre News)

Meloni: "Se ci sarà lockdown è colpa del governo" - Salvini: "Ospedali a rischio caos, governo sblocchi cure domiciliari" - Casaleggio:"Mi hanno offerto ministero ma non dico quale"

ITALIA_POLITICA.jpg

Covid, verso nuova stretta

cms_19636/PAlazzo_Chigi_tricolore_foto_chigi2.jpg

Si va verso una nuova stretta per fronteggiare l’emergenza Covid che avanza, con numeri in crescita e il timore di misure finora troppo timide che serpeggia nel governo. A Palazzo Chigi nessuno ne fa mistero, "l’aria è quella", ammettono, mentre un ministro M5S preannuncia all’Adnkronos "misure pesanti in arrivo". Per ora l’unica certezza è il protocollo voluto dal ministro allo Sport Vincenzo Spadafora, con una stretta per palestre e piscine.

Bocche cucite sulle altre misure, anche in Consiglio dei ministri non ci sarebbe stato alcun confronto in merito. Ma domani potrebbe essere una giornata decisiva, con il report dell’Iss e un possibile confronto nella maggioranza -al momento non ancora in agenda- sulle misure da adottare. Una fonte di primo livello assicura all’Adnkronos che al momento non sarebbe sul tavolo la possibilità di chiudere gli spostamenti tra le Regioni, così come appare escluso un lockdown, per quanto temporaneo, delle metropoli. Mentre continuano a rimbalzare voci di un coprifuoco che riguardi l’intero territorio nazionale, senza differenziazioni decise di volta in volta a livello regionale.

Intanto il Pd preme, convinto che l’unica strada sia quella di misure più stringenti, già chieste a gran voce la settimana scorsa prima del Dpcm che ha lasciato delusi molti. Sicuramente la questione sarà uno dei punti all’odg della direzione di domani del Pd. "Il nostro nemico è il Coronavirus. Non le regole per sconfiggerlo", scrive su Facebook il segretario dem Nicola Zingaretti.

Meloni: "Se ci sarà lockdown è colpa del governo"

cms_19636/meloni40_fg.jpg

’’L’Italia non è nella condizione di reggere un nuovo lockdown. E dobbiamo dirci che se quello spauracchio c’è, piaccia o no, non è semplicemente per il ritorno di numeri importanti sul Covid. Ma c’è soprattutto per non aver fatto nulla, pur prevedendo che quel contagio sarebbe tornato’’. Giorgia Meloni, ospite di ’Dritto e rovescio’, su Retequattro attacca il governo.

"Ho sentito Conte. Lui fa sempre questa telefonatina pro forma a 3 minuti dalle sue conferenze stampa - racconta la leader di Fratelli d’Italia - . La conferenza stampa, domenica scorsa, era convocata alle 21.30 e puntuale, come avevo previsto, la telefonata del premier è arrivata alle 21.27 e io gli ho risposto: guarda presidente, ti ringrazio, ma ti ascolto direttamente in tv, non mi fare queste telefonatine pro forma... Non siamo tutta gente che cade all’albero del pero’’.

"Ormai - prosegue Meloni - mi sono convinta che la ragione per la quale abbiamo un dpcm a settimana è perché Conte non vuole rinunciare al suo programma settimanale di domenica sera in prime time, alle 20.30, in cui lo guardano milioni di persone nella sua grandissima telenovela ’Il decreto’...’’, ironizza.

"Il coprifuoco? Mi pare che le priorità siano altre... Sono contrarissima - chiarisce Meloni - alla chiusura delle palestre, perché quella è gente, come tante altre realtà, che ha speso migliaia di euro. Ci sono attività che si possono portare avanti dentro le palestre con il normale distanziamento sociale e perché non è giusto che se tu hai dato delle prescrizioni a delle attività, poi dici no vi chiudo... Considero vergognoso - attacca - che il presidente Conte sia venuto in una conferenza stampa e abbia attaccato tutto il mondo delle palestre come se le norme non si rispettassero’’. ’ Lo ha detto Giorgia Meloni, a ’Dritto e rovescio’, su Retequattro. ’’Per la De Micheli -dice ironica la leader di Fdi- ’non c’è Coviddi’ sui trasporti pubblici, non c’è ’Coviddi’ dove lo vogliono vedere, è solo nella movida dei giovani...’’.

Ed è tranchant su Immuni: "Per aiutare il tracciamento dei contagi in violazione del codice degli appalti è stata predisposta la App immuni, che non serve a niente...".

Salvini: "Ospedali a rischio caos, governo sblocchi cure domiciliari"

cms_19636/salvini_bracciali_mano_fg_ipa.jpg

“Ennesima proposta concreta e costruttiva al governo: il rischio concreto è l’intasamento degli ospedali, per evitarlo l’Agenzia italiana del farmaco deve riattivare il protocollo di cura domiciliare con l’utilizzo di idrossiclorochina o antinfiammatori idonei sospeso il 26 maggio scorso". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini.

"Si tratta di farmaci - sostiene Salvini - che possono agire efficacemente contro il Covid, evitando il ricovero nella stragrande maggioranza dei casi. Il governo non può perdere più tempo”.

Casaleggio:"Mi hanno offerto ministero ma non dico quale"

cms_19636/casaleggio_Rousseau_Fg.jpg

Lei ha detto che le è stato offerto un ministero in questo governo. Chi le ha offerto un ministero e di quale ministero si tratta? "Preferisco non parlare per rispetto alla persona che oggi occupa questo ministero". Così Davide Casaleggio, presidente di Rousseau, intervistato da ’Omnibus’ su La7. Crede sia stata un’offerta per ottenere qualcosa in cambio? "Non penso", risponde il figlio del co-fondatore del M5S.

A quanto apprende l’Adnkronos da autorevoli fonti del M5S, a Casaleggio venne offerto il dicastero dello Sviluppo Economico nel primo governo Conte.

"Penso che il tema della partecipazione civica per un tempo limitato sia uno dei valori fondanti del Movimento 5 Stelle. Il primo V-Day aveva tra i punti fondamentali proprio i ’due mandati e poi a casa’. Credo che questa cosa sia condivisa dalla maggior parte delle persone all’interno del Movimento e anche dagli eletti", dice facendo riferimento ad uno degli elementi che caratterizzano il M5S.

Un organo collegiale nel M5S "già esiste, ha 200 persone e devo capire in che modo si deve evolvere quest’organo collegiale, anche perché il Movimento è l’organo politico con la maggiore collegialità", dice riferendosi al ’Team del Futuro’. "Mi dispiacerebbe - prosegue Casaleggio - se si concludesse con una sostituzione dell’assemblea collegiale che già c’è".

Di Maio dice che sui territori non arriva un euro? "Credo che il ministro Di Maio si sia già spiegato, perché alla fine ci sono dei soldi che arrivano al territorio. Mille euro che i singoli parlamentari sono obbligati a dedicare al territorio, oltre ai 300 euro dedicati all’organizzazione interna del M5S. Ai territori vanno 3 volte tanto le risorse che sono destinate all’organizzazione".

I rapporti con Grillo? "Ho visto Beppe Grillo questo weekend, sta benissimo. Spesso i giornali raccontano retroscena che faccio fatica a capire. Stati generali? Non abbiamo parlato di questo ma di tante cose".

Redazione

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos