DEMNA GVASALIA PERDE IL PELO MA NON IL VIZIO

Fashion news

DEMNA_GVASALIA_PERDE_IL_PELO_MA_NON_IL_VIZIO_T_VELVET.jpg

Il designer di origine georgiana, direttore creativo della maison Balenciaga, Demna Gvasalia sembrava volesse rivedere le sue scelte stilistiche ed allinearsi con il nuovo corso del fashion system che vede l’ascesa di designers molto meno social-star e dall’indole meno provocatoria. Ahimè non sarà così, Demna è tornato! I suoi capi ed accessori provocatori hanno fatto molto discutere, oggi arriva sul mercato una gonna asciugamano venduta alla modica cifra di seicentonovantacinque euro, ma la cosa più grave è che sia sold-out già in pre-ordine.

cms_32486/foto_1.jpg

Dopo la borsa shopper che si ispirava alla busta del supermercato, dopo la pochette ispirata al sacchetto delle patatine, oggi arriva la gonna asciugamano per far parlare di sé in mancanza di una collezione solida che possa parlare da sola senza inutili provocazioni.

cms_32486/foto_1_bis.jpg

Ci ha pensato il colosso svedese del mobile Ikea a mettere le cose in chiaro con un post ironico proponendo una versione low cost della gonna asciugamano di Balenciaga. Si vede un modello ritratto in posa con l’asciugamano Virnan dal costo di circa dieci euro, una provocazione che risponde ad una provocazione, ma che ha fruttato grande visibilità ad entrambi.

cms_32486/05.jpg

Dopo Demna Gvasalia è arrivata Kim Kardashian con il lancio del suo nipple push-up bra, un reggiseno con capezzolo turgido incorporato. Il nuovo prodotto della linea di bodywear Skims, al costo di sessanta euro, è un reggiseno push-up con coppa preformata dal finish lucido con capezzolo perennemente turgido. Al netto delle provocazioni a cui la Kardashian ci ha abituato da tempo è il messaggio promozionale che lascia alquanto basiti. L’influencer ha tenuto a ribadire che il lancio di questo reggiseno è fatto a favore della lotta contro il cambiamento climatico con le seguenti e surreali parole: “non sono una scienziata, ma credo che ciascuno di noi possa fare la propria parte. E a differenza degli iceberg, questi capezzoli non vanno da nessuna parte”.

cms_32486/foto_3.jpg

In occasione del decimo anniversario dalla nascita del cappotto Teddy bear la maison Max Mara ha aperto, in Corso Venezia undici a Milano, una casa interamente ricoperta in tessuto teddy. La casa sarà visitabile sino al prossimo diciotto novembre e ci si potrà immergere in un quotidiano ricoperto di tessuto fluffy che invade libri, stoviglie, mobili, con la possibilità, grazie al magic mirror, di poter far vivere il vostro alter ego fluffy. La camera da letto è monopolizzata dal grande letto con una magnifica testiera a forma di orso e dove si potrà sperimentare tutta la morbidezza del tessuto fluffy che è la cifra del successo del cappotto Teddy bear della maison Max Mara nel mondo.

cms_32486/foto_4.jpg

Durante la scorsa fashion week di Parigi la sfilata del brand Coperni era apparsa una sfilata come le altre, una collezione di capi ready-to-wear, anche se agli addetti ai lavori più attenti non era passato inosservato quello strano dispositivo apparso, sotto le vesti di una spilla, sugli outfit delle modelle. L’oggetto misterioso è stato progettato dall’azienda Humane e “pretende” di prendere il posto del nostro inseparabile smartphone. L’Ai Pin, questo è il nome dell’oggetto misterioso, sarebbe capace di proiettare informazioni sul palmo della mano, d’interagire con il proprietario attraverso un altoparlante, di tradurre quello che sente nella lingua prescelta, di parlare con il possessore e trasmettere le informazioni che arrivano sullo smartphone, di scattare foto e di ricordare gli appuntamenti. Sul sito dell’azienda il gadget hi-tech basato sull’intelligenza artificiale è già acquistabile al costo di quasi mille dollari.

cms_32486/foto_4_bis.jpg

L’altro accessorio che è andato subito virale durante la sfilata di Coperni è stato la loro swipe cd bag, una borsa che è anche un vero lettore CD creata con una stampante in tre D. Per il brand Coperni la missione, lucidamente dichiarata, è quella di riportare in auge la moda Y2K, ovvero la moda degli anni 2000 fortemente caratterizzata dalla tecnologia. E quale miglior device può riportarci a quegli anni se non un lettore CD con cuffiette annesse?

cms_32486/foto_5.jpg

Dopo il suo debutto al timone creativo della maison Gucci, il designer Sabato De Sarno ha presentato nella città degli angeli, Los Angeles, la sua visione di vestire dopo il tramonto. In occasione del LACMA Art+ Film Gala ha presentato dodici abiti indossati da altrettante celeb che hanno raccontato e reinterpretato gli archivi della maison. La storia di Gucci viene raccontata attraverso le borse minudiere dal mood anni ’50, gli abiti in crepe, i mini dress in pizzo e frange, gli shorts, gli abiti con fiocco in cady, i long dress cut-out, le paillettes e gli outfit monocromatici. De Sarno continua a stupirci con le sue linee minimal, i suoi colori che stanno, via via, perdendo saturazione diventando sempre meno pop e sempre più glam, una storia che ci racconta come la maison stia andando verso la direzione giusta.

T. Velvet

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram