DODICI MISSILI SU CONSOLATO USA AD ERBIL IN IRAQ

Iran rivendica il lancio: obiettivo le basi israeliane

1647309871DODICI_MISSILI_SU_CONSOLATO_USA_AD_ERBIL_IN_IRAQ_IRAN_RIVENDICA_IL_LANCIO.jpg

cms_25206/1.jpgDodici missili Fatih-110 di produzione iraniana sono stati lanciati contro l’area del consolato e della base Usa ad Erbil, nel Kurdistan iracheno.

Le Guardie rivoluzionarie dell’Iran hanno rivendicato l’attacco, senza però citare gli Stati Uniti: affermano di “aver preso di mira un centro di addestramento dei servizi d’intelligence israeliana del Mossad”.

Avevano promesso “vendetta” dopo che due Guardie, consiglieri presso il governo di Bashar Assad, erano state uccise da un attacco israeliano in Siria, vicino a Damasco.

Il governatore di Erbil, Omed Joshnaw, ha smentito come “priva di fondamento” la notizia della presenza di basi israeliane in città.

cms_25206/2_1647307625.jpg

Una dichiarazione pubblicata sul sito ufficiale delle Guardie sostiene che “un centro strategico per i complotti e il male dei sionisti è stato preso di mira da potenti missili di precisione” e che “grazie alla vigilanza delle forze di sicurezza le minacce sono state neutralizzate. L’Iran non riconosce Israele e la accusa di essere responsabile di atti di sabotaggio contro siti nucleari iraniani e dell’uccisione di scienziati che si occupavano del nucleare. Ogni aggressione del regime sionista di Israele riceverà una risposta dura, decisiva e distruttiva”, si conclude il comunicato.

cms_25206/3.jpgI missili, come ha subito spiegato Lawk Ghafuri, capo delle relazioni con i media internazionali del governo regionale curdo, non hanno colpito il consolato Usa pur avendo raggiunto l’area circostante.

Gli studi della stazione televisiva Kurdistsan24 sono invece stati danneggiati.

Il ministro della salute della provincia ha riferito che non ci sono state vittime né feriti.

cms_25206/4.jpg

Il governatore della regione Masrour Barzani in una breve dichiarazione ha “fortemente condannato gli attacchi multipli e chiesto ai civili di seguire le indicazione delle forze di sicurezza. Non ci inchineremo ai codardi”, ha aggiunto.

Il primo ministro iracheno, Mustafa al-Kazimi, ha parlato al telefono con Barzani e ha promesso un’indagine.

Il leader religioso sciita Muqtada al-Sadr ha twittato: “Erbil sotto tiro. Come se i curdi non fossero iracheni”

cms_25206/5.jpg"Ci mancava l’Iran, il mondo è impazzito", è stato il commento di Guido Crosetto, fondatore di Fratelli d’Italia.

Continua Sarebbe un dato inquietante, perché Russia e Iran hanno rapporti molto stretti e la notizia sarebbe da mettere in relazione alla guerra in atto in Ucraina.

Per ora, però, nessuna conferma in tal senso”.

Resta in ogni caso la sensazione di un nuovo focolaio anti-americano pronto a esplodere, mentre gli occhi di tutti sono concentrati su fronte di Kiev.

Antonio Conversano

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram