DONALD TRUMP FA CAUSA AL SUO AVVOCATO

L’accusa è di aver violato un accordo di riservatezza

DONALD_TRUMP_FA_CAUSA_AL_SUO_AVVOCATO_AMERICA.jpg

Donald Trump ha citato in giudizio il suo ex avvocato Micheal Cohen chiedendo 500 milioni di dollari di danni.

In una denuncia presentata al tribunale federale di Miami, Trump ha accusato Cohen di non aver mantenuto private le comunicazioni riservate avvocato-cliente e di aver approfittato della “diffusione di falsità” su di lui in libri e podcast.

Lanny Davis, un avvocato di Cohen, ha definito la causa di Trump “frivola”. “Il signor Trump sta ancora una volta usando e abusando del sistema giudiziario come forma di molestia e intimidazione contro Michael Cohen”, ha detto.

La causa arriva mentre Cohen, che una volta avrebbe fatto qualsiasi cosa per proteggere Trump, sembra pronto a diventare un testimone chiave contro di lui in un possibile processo penale a New York sulle accuse svelate la scorsa settimana.

Trump, che è in corsa per la nomina presidenziale repubblicana del 2024, si è dichiarato non colpevole di falsificazione di documenti aziendali. È la prima volta che un ex presidente degli Stati Uniti viene stato accusato di un crimine.

Cohen era un alto dirigente della società immobiliare di Trump, per poi lavorare come suo legale personale quando è diventato presidente nel 2017.

Il procedimento penale è uno dei numerosi problemi legali che Trump deve affrontare, comprese le indagini sui tentativi di ribaltare la sconfitta elettorale del 2020 e sulla rimozione di documenti governativi dalla Casa Bianca dopo aver lasciato l’incarico.

cms_30109/foto_1.jpg

Il procuratore generale dello Stato di New York, Letitia James, lo scorso anno ha intentato una causa civile contro Trump e i suoi tre figli maggiori per frode, accusandoli di aver dichiarato erroneamente i valori delle proprietà immobiliari per ottenere prestiti agevolati e agevolazioni fiscali. Trump ha anche citato in giudizio James dopo che lei ha archiviato quel caso.

L’ex presidente la scorsa settimana ha affermato che Cohen non si è presentato per una deposizione da parte del suo team legale come parte di quella causa, che dovrebbe essere processata il 2 ottobre. Il giudice Arthur Engoron ha fissato un’udienza per il 21 aprile per valutare se ordinare a Cohen di testimoniare.

Trump ha intentato una causa contro James cercando di interrompere la sua causa civile, ma un giudice l’ha archiviata, scrivendo che non c’erano "prove" che l’indagine fosse stata intrapresa in malafede.

In un altro caso, un giudice a gennaio ha ordinato a Trump e ai suoi avvocati di pagare quasi 1 milione di dollari per aver intentato una causa “completamente vana” accusando Hillary Clinton e altri democratici di aver tentato di truccare le elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram