FESTA DELLA PASTA E DELLA CULTURA A CIVITA CASTELLANA

Dal 30 giugno al 2 luglio

FESTA_DELLA_PASTA_E_DELLA_CULTURA_A_CIVITA_CASTELLANA_2023_Turismo_Fuori_porta.jpg

Affascinante borgo di origine falisca Civita Castellana ti aspetta dal 30 giugno al 2 luglio per la ’Festa della Pasta e della cultura’. Siamo tra le profonde gole degli affluenti del Treja, ai piedi dei Monti Cimini, lungo la Via Flaminia pronti per partire alla ricerca di un incantevole itinerario tra storia e natura.

cms_30994/CIVICA_CASTELLAna.jpg

“Maccarone m’hai provocato e io ti distruggo adesso, io me te magno!”

cms_30994/sagra-della-pasta-civita-castellana-2022.jpg

Pappardelle al coniglio, mezzemaniche con salsiccia e piselli, farfallette all’amatriciana, suppli all’amatriciana e Frittelloni DOC una sfogliatina sottilissima condita con pecorino e pepe, fettuccine fatte a mano al ragù, pappardelle al lepre e pasta fresca ripiena. E tu che preferisci? Noi li prendiamo tutti!

Musica, esibizioni come “Pompieropoli” Dove fare il pompiere è un gioco da ragazzi a cura dei Vigili del Fuoco. Passeggiata con guida tra i monumenti del Centro Storico e delle forre del Treia. Stornellatori. Esibizione dell’Accademia Musicale Agrotuscia. Tombola. Spettacolo musicale del cantautore Edoardo Vianello. Raduno Vespe 50, Quad e Ferrari. La corsa degli asini.

cms_30994/0.jpg

Civita Castellana ha un passato affascinante che è possibile scoprirlo visitando il Museo nazionale dell’Agro Falisco, ospitato all’interno del Forte Sangallo che costituisce una delle più elevate realizzazioni dell’architettura militare dello Stato Pontificio nel XVI secolo; di grande interesse è anche il Museo della Ceramica, mentre gli amanti della natura non potranno che restare a bocca aperta davanti alle caratteristiche forre alte oltre 50 metri che circondano Civita Castellana, visitabili dal ponte che congiunge al centro storico della cittadina.

----------------------------------------------------------------------------------------

PROGRAMMA “FESTA DELLA PASTA”

  • VENERDI 30 GIUGNO 2023

Ore 18:00 Via Garibaldi – “MARDILOOP” Esibizione gruppo musicale civitonico

Ore 18:00 Apertura stand gastronomici

Ore 21:00 Piazza Matteotti, spettacolo ed esibizione della palestra “ASD Sinergy

  • SABATO 1 LUGLIO 2023

Ore 12:00 Apertura stand gastronomici

Ore 10:00 Giardini Baden Powell - (presso Forte Sangallo) “Pompieropoli” Dove fare il pompiere è un gioco da ragazzi a cura dei Vigili del Fuoco.

Ore 18:00 Piazza Matteotti - NORDIC WALKING passeggiata con guida tra i monumenti del Centro Storico e delle forre del Treia (è gradita la prenotazione anticipata)

Ore 18:00 Apertura stand gastronomici

Ore 18:00 Corso Bruno Buozzi “STORNELLATORE moderno"

Ore 18:30 Piazza Duomo esibizione Accademia Musicale Agrotuscia

Ore 20:00 Piazza Matteotti - Tombola

Ore 21:00 Piazza Matteotti - spettacolo musicale del cantautore “Edoardo Vianello”

  • DOMENICA 2 LUGLIO 2023

Ore 09:00 Belvedere Falerii II° parcheggio Raduno Vespe 50, Quad e Ferrari

Ore 10:00 Giardini Baden Powell - (presso Forte Sangallo), intera giornata Giochi per Bambini “Pompieropoli” a cura dei Vigili del Fuoco di Civita Castellana

Ore 10:00 Piazza Matteotti - Esibizione dei Bersaglieri

Ore 10:00 Piazza Duomo - VIA AMERINA passeggiata con guida

ore 10:00 Anfiteatro Falerii Veteres - Orto di Miretto semifinale “Corsa degli Asini”

Ore 12:00 Apertura stand gastronomici

ore 16:00 Anfiteatro Falerii Veteres Orto di Miretto finali “Corsa degli Asini” Ore 18:00 Apertura stand gastronomici “CIUCHI BY NIGHT”

Ore 18:00 Via Corso Bruno Buozzi “STORNELLATORE “ moderno ….. e poi ve faccio sogna……

----------------------------------------------------------------------------------------

Info:

Luogo – Civita Castellana
Data – 30 giugno al 2 luglio

Tel.:3408505381

Redazione

Tags:

Lascia un commento

Fausto

Si chiama così in ogni lingua del mondo: la pasta. Impensabile non dedicarle almeno un museo. Realizzato a Roma dalla Fondazione Agnesi, primo e unico al mondo nel suo genere,il Museo Nazionale dedicato alle paste alimentari rappresenta un allettante itinerario tra ghiotti, invitanti piatti…e non solo. E’ possibile così ripercorrere la storia di questo prodotto negli ultimi otto secoli, attraverso i vari macchinari usati nella filiera produttiva, le informazioni nutrizionali, le opere d’arte dedicate alla pasta, dall’antichità ai giorni nostri. Le undici sale del museo mostrano anche i procedimenti usati nell’impastatura e nell’essiccamento, sia nell’antico processo artigianale che nella moderna tecnologia industriale. Gli ambienti espositivi propongono in una forma dialettica, simpatica tutta la storia e la genesi di un alimento considerato anche nel suo aspetto sociale, economico, nutrizionale e… artistico. E’ spontaneo riflettere, tornando indietro nel tempo, a quando il pane era l’unico alimento presente sulle tavole o a quando doveva sfamare tante bocche: immagini e ricordi che la società dell’opulenza tende a rimuovere. Al pane, alla pasta è dedicata un’interessante sezione che rappresenta la “gramola” la mola di pietra che amalgamava gli ingredienti , semola e acqua, poi le possenti macine dei vecchi mulini sino alle più moderne impastatrici, realizzate dall’odierna tecnica che sembra un po’ uccidere la tradizione. Torna così alla mente, prepotentemente, il noto verso di una poesia di Renzo Pezzani : “Come sa di farina la casa”… una lode alle cose semplici di grande valore umano. E nella sala del grano fanno bella mostra i diversi tipi di pasta : penne, maccheroni, farfalle, fusilli, quadrucci, spaghetti … Una girandola di foto, filmati, poster, cartoline attrae lo sguardo incuriosito e divertito dei visitatori: testimonianze di personaggi celebri, di attori sorpresi dall’obiettivo nel rituale di assaggio o mentre assaporano con voluttà la buona, salutare pasta. Non guasta, poi, un simpatico cenno al folklore e al teatro comico napoletano e veneziano : le furbesche maschere di Pulcinella, di Arlecchino e di Colombina si cimentano (data la leggendaria fame) con traboccanti piatti di maccheroni. E’ senz’altro questo il museo dell’allegria, della gioia dello stare insieme, dello “spezzare insieme il pane”, del posto aggiunto a tavola, non soltanto per il valore dell’ospitalità, ma anche per una pausa tranquilla in tempi di fast-food e di relazioni improntate al “mordi e fuggi”. Il museo è tra l’altro in linea con il nostro tempo: attraverso la cultura della pasta, invita a riflettere sulle possibilità di contribuire alla flessione del livello di denutrizione nei Paesi sotto-sviluppati per raggiungere un traguardo socio-umanitario positivo e apprezzabile. Evviva, allora, il buon pane, la buona pasta per la gioia che questi semplici alimenti sanno recare sulle nostre tavole e per quella memoria di sane tradizioni che continuano a perpetuare!...
Commento del 10:45 27/06/2023 | Leggi articolo...



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram