FOCUS D-MONDO

Le biblioteche per non dimenticare

1642905642Le_biblioteche_per_non_dimenticare.jpg

La lettura condivisa come strumento di memoria. Un tempo certe iniziative erano sporadiche e sparse, ora invece, oltre a essere molto più diffuse, hanno imparato a dialogare tra loro e a fare rete.

cms_24540/1.jpg

“Dimentica, dimentica...” cantava Umberto Tozzi nel 1977, perché, si sa, a volte certi ricordi fanno male...Eppure, come si suol dire, l’esperienza insegna e sbagliando si impara…
Lo sanno bene gli storici, i giornalisti, gli insegnanti e tutti coloro che, su vari livelli, si ostinano ancora a utilizzare la memoria come strumento di conoscenza, di progresso e di sapere condiviso.
Recuperare, collezionare, documentare, tenere traccia è stato anche per me, durante i primi anni del mio lavoro, un’attività appassionante e centrale che ha permesso a me e a molti altri di dare vita, si potrebbe dire, a una vera e propria prima storia contemporanea della disabilità, confluita negli archivi della Biblioteca del Centro Documentazione Handicap di Bologna.

cms_24540/000.jpg

Un tempo certe iniziative erano sporadiche e piuttosto sparse, ora invece, oltre a essere molto più diffuse, hanno imparato a dialogare tra loro e a fare rete, grazie anche al lavoro di molti operatori socioculturali che credono nella specificità degli ambiti quanto nella commistione delle competenze e delle differenze.

cms_24540/3.jpgÈ quindi con grande piacere che oggi mi ritrovo a segnalarvi l’iniziativa promossa da “Specialmente in Biblioteca”, la rete di biblioteche specializzate del territorio bolognese che da lunedì 24 gennaio fino a giugno ha in serbo per noi una serie di appuntamenti dedicati alla lettura che avranno come tema centrale proprio l’attualità della memoria.

Ogni biblioteca aderente proporrà infatti un titolo su cui i partecipanti, invitati a leggere prima il libro indicato, potranno dialogare in un gruppo di lettura gratuito e aperto a tutti con l’idea di confrontarsi e arricchirsi reciprocamente.

I gruppi saranno aperti a un massimo di 25 persone e sarà possibile partecipare ai singoli incontri o all’intero percorso, a seconda dei gusti e delle esigenze di ciascuno.

cms_24540/4.jpg

Biografie, autobiografie, storie di vita e saggistica saranno al centro della proposta (tra le altre) di Biblioteca de Il Mulino, specializzata in scienze umane e sociali, Biblioteca Minguzzi-Gentili sulla salute mentale, Biblioteca Italiana delle donne impegnata con le differenze di genere, Biblioteca A. Cabral rivolta all’intercultura, e Biblioteca Fondazione Gramsci ER dal taglio storico-politico.
Al CDH, il 21 febbraio 2022, ci si è concentrati sul libro, Sirena (mezzo pesante in movimento), della nota scrittrice e blogger Barbara Garlaschelli, pubblicato dalla casa editrice, Laurana editore, nel 2014 .
Un racconto autobiografico nel quale l’autrice racconta, in maniera del tutto originale e ironica, del percorso riabilitativo in ospedale in seguito al suo incidente in mare avvenuto nel 1981, all’età di sedici, e quindi del rapporto con il suo corpo che cambia.
Ne approfitto per segnalarvi l’interessante presentazione del libro, Ci salveremo insieme. Una famiglia ebrea nella tempesta della guerra, di Ada Ottolenghi (Il Mulino 2020), che si terrà a Bologna in Vicolo Posterla, 1, DOMANI 24 gennaio.


In occasione di questo evento, sarà presente Guido Ottolenghi, imprenditore ebreo torinese, nipote dell’autrice e curatore del volume, che racconterà della terribile esperienza vissuta dalla sua famiglia durante la guerra, ma anche dell’aiuto e dell’accoglienza ricevuti da alcune famiglie della cittadina di Cotignola, in provincia di Ravenna .


Che ne dite, sono riuscito a incuriosirvi? Sperando di averlo fatto e di ascoltare le vostre opinioni intorno ai libri proposti, vi esorto a spulciare qui il programma e a scegliere il vostro gruppo preferito!

Mi raccomando, mettetelo in agenda!

(fon https://www.superabile.it/)

Claudio Imprudente

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos