FRANCESCO GELA LA COMUNICAZIONE VATICANA

“Tutto deve essere alla portata di tutti”

1621989196FRANCESCO_GELA_LA_COMUNICAZIONE_VATICANA.png

Bellissimi studi, ma senza audience sono soli buttati via”. Le dichiarazioni del pontefice fanno sempre notizia, soprattutto quando sono rivolte ai dipendenti vaticani. Questa volta è toccato al settore giornalistico, nello specifico l’Osservatore Romano e Radio Vaticana. Da un po’ di anni, la comunicazione vaticana stenta a crescere rimanendo ancorata al passato. La tecnologia è delle più avanzate, ma manca il pubblico o per lo meno coloro che possano valutare l’entità del lavoro svolto. Per questo, Francesco non usa mezzi termini per dare una scossa ad un settore che da troppi anni sembra distante dal popolo. Le dichiarazioni di Bergoglio sono specifiche e nette, dando un’idea sulla strada da intraprendere: “State attenti che sia una struttura funzionale, creativa, dove ognuno abbia la libertà sufficiente e la capacità per rischiare e non andare a chiedere sempre permesso”. Il suo discorso non fa una piega, bisogna sapersi mettere in gioco, rischiare tutto pur di arrivare ad annunciare il Vangelo. Il problema di fondo sta nel linguaggio, perché per riuscire a dialogare con i giovani occorre tanta creatività.

cms_21996/foto_1.jpg

La pandemia ci ha portato ad una nuova visione dialogica, dove la stessa chiesa si è dovuta cimentare per restare al passo con i tempi. A quanto pare, i primi risultati sono stati confortanti, ma non basta e questo Francesco lo sa bene. Tutto il suo pontificato si è basato su una rivoluzione silenziosa, con il prezioso obiettivo di una chiesa povera e per i poveri. Insomma, una chiesa ad immagine e somiglianza di Dio. Prima di tutto, l’intento del Papa sta nel ricostruire una credibilità perduta nel tempo. Troppi scandali e poche prese di posizione hanno spinto la gente a dubitare della chiesa come istituzione. Pertanto, una nuova forma di comunicazione può far solo del bene, ricordando i pilastri fondamentali del buon cristianesimo. Certamente, l’esempio lampante da seguire è lo stesso Francesco, che in questi anni oltre alle parole ha fatto parlare i fatti. Questo modo di fare piace alla gente, che in questo periodo ha bisogno di quotidianità/normalità.

Giuseppe Capano

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos