Facebook ora punta sulla realtà aumentata e lancia Spaces

Facebook_lancia_Spaces.jpg

La mission molto ambiziosa di Zuckerberg di connettere tutto il pianeta procede a grandi passi, anche grazie alle innovazioni future legate al più famoso dei social media. Facebook si può ormai considerare un mondo parallelo con i suoi quasi due miliardi di abitanti e le sue abitudini di vita apprezzate e molto condivise dei suoi nettadini. Sono numeri da capogiro quelli raggiunti da Facebook nel giro di poco più dieci anni dalla sua fondazione, numeri da azienda monopolistica. E i numeri non intendono fermarsi, anzi, dalle parole del suo padre fondatore sembra proprio che il monolite Facebook voglia crescere ancora di più, e diventare un golem tecnologico/informativo/comunicativo in grado di sbaragliare la già poco temibile concorrenza, per rendere sempre più reale la trama del romanzo (poco) distopico di Dave Eggers (Il cerchio). Il futuro preconizzato dalle parole di Zuckerberg nel corso della conferenza “F8 2017” organizzata al McEnery Convention Center di San Jose in California, sa già di presente, data la lunga lista di novità che gli utenti di Facebook si vedranno ben presto appalesare sui loro schermi. Tra le innovazioni vi è il ritorno di uno dei cavalli di battaglia delle nuove tecnologie, la “realtà aumentata” (augmented reality), ciò che il fondatore di Facebook ha definito come il saper “mixare digitale e reale in nuovi modi, rendendo le vite vere migliori”.

cms_6145/2.jpg

Grazie alla Camera Effects Platform, una piattaforma per creare effetti, animazioni, maschere, cornici e quant’altro, si potrà interagire con l’ambiente circostante in tempo reale. Facebook Spaces, questo il nome del nuovo prodotto/applicazione, sarà una specie di “Second Life”, un mondo virtuale vero e proprio e non un semplice videogioco alla “The Sims” per intenderci. Con Spaces si darà vita a un ambiente virtuale nel quale invitare, dopo essersi creati il proprio Avatar a propria immagine e somiglianza, i propri amici sfruttando le videochiamate di Messenger (la chat di Facebook), condividere con loro video o foto e disegnare qualsiasi cosa con un pennarello. Facebook inoltre cercherà di rendere Messenger, community all’interno di un’altra community, un servizio che possa mettere in contatto le persone con le aziende e che grazie all’introduzione degli Automated Insights si avrà la possibilità di potrà monitorare meglio il comportamento dei clienti in fatto di acquisti, accedendo a una potenzialmente infinita mole di dati. E non finisce qui. Con Places Graph, sarà disponibile una miniera di dati su oltre 140 milioni di luoghi in tutto il mondo, tra ristoranti, parchi e negozi locali con tanto di nomi dei luoghi, indirizzi, foto e recensioni dei clienti, tutto grazie alla gratuità delle informazioni regalate a Facebook dai suoi utenti sempre prodighi e pronti a condividere qualsiasi cosa. Perché allora aspettare sperare in un futuro migliore quando già Facebook pensa a tutto per noi e con grande anticipo?

Andrea Alessandrino

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos