HONG KONG ESPORTA MICROCHIP VERSO MOSCA

Nessun controllo militare

CINA_RUSSIA_HONG_KONG_ESPORTA_MICROCHIP_VERSO__MOSCA.jpg

cms_30260/0.jpgIl gruppo di trasporto russo FESCO ha aperto una rotta aerea diretta per l’importazione di merci elettroniche da Hong Kong a Mosca, poiché le imprese russe cercano di porre fine alla loro dipendenza da catene di fornitura occidentali.

L’Occidente si è mosso per frenare le esportazioni di tecnologia in Russia dopo che Mosca ha inviato truppe in Ucraina l’anno scorso.

Diversi produttori leader sono usciti dal mercato russo, mettendo pressione sui consumatori nazionali di elettronica e fornitori di tecnologia. La principale catena di elettronica di consumo M.Video-Eldorado, per esempio, ha registrato un calo delle vendite nel 2022, colpito da prezzi in forte aumento e incertezza generale.

La grande società di trasporto e logistica privata della Russia, FESCO, ha confermato che la prima spedizione sotto la nuova rotta è stata spedita da Hong Kong alla fine di marzo.

Ci vogliono fino a tre giorni per la consegna delle merci da un magazzino di stoccaggio temporaneo a Hong Kong alla loro destinazione a Mosca, con due o tre spedizioni previste a settimana.

I rivenditori russi hanno aumentato i loro acquisti nel campo dell’elettronica da paesi che non hanno imposto sanzioni alla Russia, come Cina, Turchia e India.

Molte delle transazioni sono state effettuate da piccole o medie imprese, alcune delle quali sono state fondate dopo l’invasione dell’Ucraina.

cms_30260/foto_1.jpg

Il valore di queste operazioni è di 570 milioni. Per avere un metro di valutazione, nello stesso periodo del 2021, i funzionari di statistica hanno registrato 230 esportazioni di chip USA attraverso la regione amministrativa speciale della Cina, pari a soli 51 milioni di dollari.

Tra le varie operazioni ricordiamo la vendita di semiconduttori Intel e AMD da parte di DEXP International, con sede a Hong Kong.

L’ex colonia britannica non ha un sistema di controllo completo sulle esportazioni militari, sebbene applichi controlli sull’uso finale per oggetti utilizzabili in armi chimiche, nucleari o biologiche. Questo significa che “è possibile per le aziende di Hong Kong importare chip che non sono controllati da requisiti di licenza di esportazione, in Cina o anche in Russia, e poi riesportare quei chip”, il tutto senza la conoscenza dei giganti tecnologici americani.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram