IL CANADA RACCOGLIE ALLEATI MENTRE AUMENTANO LE TENSIONI CON LINDIA PER LOMICIDIO DEL LEADER SIKH

IL_CANADA_RACCOGLIE_ALLEATI_MENTRE_AUMENTANO_LE_TENSIONI_CON_INDIA_PER_OMICIDIO_DEL_LEADER_SIKH.jpg

Il Canada questa settimana ha divulgato di avere informazioni che potrebbero collegare gli agenti del governo indiano all’omicidio di un leader separatista Sikh. Il tipo di notizia che di solito scatena scalpore tra gli alleati democratici, ma non questa volta.

L’India è corteggiata dagli Stati Uniti e da altri stati come contrappeso alla Cina, e l’attacco da parte di Trudeau pochi giorni dopo che Nuova Delhi ha ospitato un vertice del G20 sta mettendo le nazioni occidentali in una posizione alquanto scomoda.

cms_31829/1.jpg

Il primo ministro Justin Trudeau ha annunciato lunedì che il Canada stava “attivamente perseguendo accuse credibili” che gli agenti indiani erano potenzialmente stati coinvolti nell’omicidio del cittadino canadese Hardeep Singh Nijjar avvenuto nel mese di giugno.

Ottawa aveva già discusso la questione con alleati chiave come l’alleanza di condivisione dei servizi segreti Five Eyes, che include anche Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia e Nuova Zelanda.

I risultati finora sono stati ridotti. La Gran Bretagna ha rifiutato di criticare pubblicamente l’India e ha detto che i colloqui commerciali bilaterali continueranno come previsto.

La Gran Bretagna si trova in una posizione difficile, tra il sostegno al Canada e l’antagonismo all’India, un paese che vuole come partner commerciale e alleato per aiutare a confrontarsi con la Cina, ha detto Chietigj Bajpaee, esperto indiano al think tank Chatham House di Londra. “A meno che non ci sia alcuna prova definitiva del coinvolgimento dell’India, penso che la risposta del Regno Unito rischia di rimanere muta. Un accordo di libero scambio sarebbe una grande vittoria politica sia per l’India e la Gran Bretagna”, ha affermato Bajpaee.

John Kirby, consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha detto che gli Stati Uniti sono “profondamente preoccupati” e hanno incoraggiato i funzionari indiani a cooperare in qualsiasi indagine. L’India rifiuta totalmente l’idea di essere coinvolta nell’omicidio.

cms_31829/2_1695347634.jpg

Fonti del governo canadese hanno indicato che avrebbero preferito aspettare più a lungo prima di fare una dichiarazione, ma sentivano di dover agire, dato che alcuni media nazionali stavano per rompere la storia.

Trudeau non avrebbe mai parlato “ad alta voce se non abbiamo le informazioni in fila in una base di fatto”, ha detto una fonte, aggiungendo che speravano più informazioni sarebbero venuti presto.

Il Canada non ha reso pubbliche le informazioni di cui dispone perché c’è un’indagine di omicidio attiva.

Tuttavia con gli alleati non disposti a contemplare qualsiasi tipo di condanna congiunta dell’India, le opzioni canadesi sembrano limitate, almeno fino a quando non potranno fornire prove incontrovertibili.

“Se non convinciamo i nostri alleati a sostenere questo, sia pubblicamente che privatamente, il Canada non sarà in grado di fare molto per spostare l’India”, ha detto Richard Fadden, ex capo del Servizio di Sicurezza Intelligence canadese.

Marlen Cirignaco

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram