IL DIAMANTE DI “ENOZO 3” NELLO SVILUPPO ECOLOGICO

Il ruolo dell’Ozono acquoso quale antibatterico e virucida

1631073276FIERA_VERONA_MONTINARI.jpg

cms_23094/1.jpgIl mondo va verso il biologico con la messa al bando dei contenitori di plastica altamente inquinanti l’ecoambiente e nella sanificazione ambientale sono giunte in Italia le prime proposte risolutive dall’Olanda presentate nella Fiera di Verona ISSA PULIRE : l’utilizzo dell’Ozono acquoso.

Una novità per l’Italia presentata al pubblico e alla stampa da Frank e Glenn Laurentius del Consensus Group di Rotterdam , Olanda, primi classificati su oltre 300 espositori internazionali.

Il futuro della sanificazione guarda al biologico e questo grazie al “diamante di Enozo 3”, sì un “diamante” che permette all’acqua di trasformarsi in Ozono liquido, non volatile e privo di tossicità, prodotto da una apparecchiatura portatile facilmente utilizzabile sia nei luoghi di lavoro, sia tra le pareti domestiche.

cms_23094/L_INTERVISTA.jpg

Lo chiediamo a Glenn Laurentius del Consensus Group per la prima volta presente in una fiera italiana.

cms_23094/3.jpg “La Enozo3 Aqueous Ozone Spray Bottle, con la produzione di Ozono acquoso (AO), rivoluziona il modo in cui le persone puliscono e detergono le superfici. L’ozono acquoso è prodotto in basse concentrazioni e l’associazione dell’acqua (H2O), con le proprietà delle piastre di diamante e di una piccola carica elettrica creano un detergente e disinfettante che non richiede stabilizzatori o sostanze chimiche sintetiche e non contiene profumi o coloranti.

Enozo3 Aqueous Ozone Spray Bottle incorpora una cella catalitica portatile a bassa tensione che produce Ozono acquoso, su richiesta, dall’acqua di rete ad una concentrazione di 0,5 – 2 ppm. L’impiego dell’Ozono acquoso è già diffuso in numerosi Stati, dagli USA, all’Olanda ai Paesi Arabi. In Italia stiamo presentando ufficialmente, per la prima volta in un contesto pubblico, il nostro metodo di detersione e battericida, nonché con funzioni virucide. Una vera rivoluzione del biologico che potrebbe entrare nei contesti sanitari e domestici.

In Italia, dove sono in vigore specifiche disposizioni di legge, la Enozo3 Aqueous Ozone Spray Bottle , è stata sottoposta a test presso un laboratorio indipendente accreditato dal Ministero della Salute Italiano per la determinazione della produzione di ozono acquoso di cui si riportano i seguenti rapporti : (N.5152/20) “Nebulizer Enozo3 PRO” MOD SB 100, e (N.6069/20), “Nebulizer Enozo3 PRO” MOD SB – 100 HD. Entrambi certificano la produzione di ozono acquoso in forma attiva”.

Sono stati condotti studi e sperimentazioni sull’utilizzo di tale apparecchio nei confronti di batteri e virus?

“ Certo, gli studi sono stati condotti in importanti laboratori inglesi e negli USA, e sono in corso studi anche in altri Stati che saranno resi pubblici a breve. I risultati sono entusiasmanti, particolarmente nel trattamento e prevenzione delle infezioni ospedaliere, infatti l’Ozono acquoso (AO) agisce sui seguenti ceppi, con l’inattivazione del 99,9% in 30 secondi dall’applicazione, E. coli , Stafilococco a., Salmonella, Klebsiella pneumoniae, Enterobacter aerogenes , Enterococcus faecalis.

cms_23094/2_1631073787.jpgLa bottiglia spray Enozo 3 è stata testata anche contro il surrogato 229E/ATCC VR-740† su superfici dure non porose utilizzando metodi di test scientificamente riconosciuti. la Enozo3 Aqueous Ozone Spray Bottle è registrata come un dispositivo detergente pesticida all’interno della struttura di classificazione EPA e ha determinato l’eliminazione del 99,9% del virus entro 30 secondi contro il surrogato del test commerciale per Human Coronavirus SARS-CoV-2 (il virus che causa la malattia di CoVid-19). La valutazione del contatto di AO e surrogato di Human Coronavirus SARS-CoV-2 ,Virus 229E/ATCC VR-740 , dopo 30 secondi, ha dato esito positivo nel 99.9% . Il virus surrogato 229E /ATCC VR-740 è un virus disponibile in mercato e che imita il virus SARS-CoV-2 (responsabile dello sviluppo della malattia COVID-19).

Il protocollo di prova si basa sullo standard ASTM E1052 con considerazioni per l’uso dell’ozono. La Enozo3 Aqueous Ozone Spray Bottle (anche etichettata O3waterworks™) è classificata come dispositivo detergente pesticida ai sensi delle normative EPA. In Italia - Il Ministero della Sanità con protocollo del 31 Luglio 1996 n°24482, ha riconosciuto l’utilizzo dell’ozono nel trattamento dell’aria e dell’acqua, come presidio naturale per la sterilizzazione di ambienti contaminati da batteri, virus, spore, muffe ed acari”.

In pratica si tratta di un “diamante” che trasforma l’acqua in Ozono acquoso, evitando le vaporizzazioni ed evitando alterazioni delle superfici con le quali viene in contatto. Una rivoluzione che potrebbe far modificare le consuete norme di detersione e disinfezione delle superfici inquinate, ma esistono anche altri campi di applicazione?

cms_23094/4.jpg“ Si, oltre l’impiego dell’Ozono acquoso nella disinfestazione ambientale per la sanificazione dell’acqua per uso alimentare, per piscine, docce, sistemi d’irrigazione ed impianti di depurazione idrica, può essere impiegato nel settore alimentare, in avicoltura , in particolarenella fase di accrescimento degli animali con la sanificazione dell’ambiente mantenuto esente da microrganismi patogeni, distruzione delle emanazioni ammoniacali, deodorazione dell’ambiente, maggiore ossigenazione del microclima ambientale, miglioramento del mangime con conseguente miglioramento della digestione ed incremento del peso dell’animale, minori rischi di contagio incrociato.

Da non sottovalutare è il suo impiego per il trattamento dei prodotti ittici; infatti, ghiaccio ozonizzato o combinazione di refrigerazione e ozono vengono utilizzati per la conservazione di prodotti ittici con i seguenti vantaggi quali la diminuzione della carica batterica sul prodotto, nel microclima e sulle pareti della cella, prolungamento dei tempi di conservazione del prodotto, riduzione dei costi per l’eliminazione di prodotti non più conformi alle norme igieniche. L’Ozono acquoso può essere impiegato sulle carni, infatti l’ozono controlla efficacemente la formazione di muffe e batteri nelle celle frigorifere destinate alla conservazione delle carni; in particolare, il tasso di umidità può essere mantenuto ad una gradazione più elevata, attenuando il calo di peso e la perdita di aroma; inoltre, distruggendo gli odori, evita il passaggio di aromi non graditi da un prodotto all’altro”.

Dalla documentazione scientifica che ci avete esibito non ci sono dubbi sull’efficacia dell’Ozono acquoso (AO) in tanti campi della sanificazione ambientale, ma esiste una vostra esperienza sull’impiego dell’Ozono acquoso in agricoltura?

cms_23094/5.jpg

“ In Italia, in particolare nelle regioni meridionali, avete il grave problema della Xylella che affligge l’olivicoltura, e di altri patogeni che sono diffusi nelle coltivazioni di uva alimentare o da vino. Già da anni utilizziamo l’Ozono acquoso per la prevenzione di contaminazioni di batteri e funghi in campo agricolo con risultati interessanti non solo per la salubrità delle piante, ma per ottenere un prodotto biologico più qualificato, in particolare nei vitigni da vino”.

Che sia questo un momento di svolta nel biologico? Lo speriamo tutti, affidandoci alla scienza che lo sta confermando e nella speranza di vivere in un pianeta meno inquinato.

Massimo Montinari

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos