IL PAPA SFIDA IL TERRORISMO

NESSUN MARTIRIO! SOLO MESSAGGIO DI PACE AI TERRORISTI

IL_PAPA__SFIDA__IL_TERRORISMO_E_VOLA_IN__AFRICA.jpg

Il viaggio di Papa Francesco in Africa ha tutta l’aria di una sfida! Con chi non possiamo saperlo. Potrebbe essere con se stesso, contro i terroristi o con il cielo che deciderà come questa incerta avventura nelle terre martoriate dal dolore e da morti violente potrà concludersi. Tuttavia, nonostante i timori che si annidano in tutto il clero e nei fedeli che lo seguono come il nuovo pastore dei poveri secondo l’esempio del cosiddetto ‘poverello di Assisi’, il Francesco del terzo millennio questa volta non sfiderà i saraceni come fece nel 1200 per portare il messaggio d’amore del Vangelo, ma un nemico ancora più insidioso che colpisce brutalmente in ogni parte del globo senza preavviso e che gli ha già inviato il suo messaggio di morte per colpire il cuore della Cristianità di cui egli è rappresentante supremo.

cms_3042/foto_2_.jpg

Francesco però ha già calcolato il rischio e in cuor suo sa che il suo spirito potenziato da una fede indistruttibile, si è già sintonizzato con quella più grande che abbraccia l’intero universo, l’unica in grado di avvolgerlo in quella invisibile corazza che nessun nemico potrebbe mai forare qualora questi volesse tentare di attaccarlo. Questo è il grande miracolo della fede, un tempo misterioso e impenetrabile alla mente umana e che oggi si rivela non solo a profeti ma anche alle menti della scienza. L’uomo porta dentro di se un seme indistruttibile che dopo la decomposizione fisica del corpo, sopravvive fino ‘alla fine dei tempi’.

cms_3042/foto_3_.jpg

Quel seme infinitesimo che sfida la materia, racchiude in se un potere immenso tramite il quale, come insegnava il maestro Gesù ai suoi discepoli “ voi farete cose più grandi di me’ , l’uomo potrà sollevare le montagne se solo lo chiederà. Qui è il segreto della forza che spinge papa Francesco a non tradire il suo messaggio di pace, la sua missione, i milioni di fedeli che lo seguono e credono nel suo operato. Lui sa che la mente non dovrà mai vacillare di fronte al dubbio o alla paura perché quella stabilità mentale e quella purezza d’animo non alterata nè inquinata da emozioni negative o turbamenti sempre in agguato sono la via per scalare anche le montagne più alte.

cms_3042/foto_4_.jpg

Il viaggio del papa in concomitanza con il’ultimo tragico avvenimento dell’abbattimento del Caccia russo che ancora una volta ha dato ai terroristi licenza di trucidare senza alcuna pietà chi cercava la salvezza con il paracadute , (uno dei quali ha raggiunto il suolo illeso) e il pilota dell’elicottero è segno di come lo stesso Papa di fronte ad un atto di deplorevole crudeltà tanto più grave in quanto in prossimità di un paese cosiddetto alleato della Nato, non possa indietreggiare nella sua missione dalle quale potrebbero dipendere anche benefiche e imprevedibili sorprese .

cms_3042/foto_5_.jpg

La certezza che nulla accadrà in questo viaggio del Papa nell’Africa Centrale dipende anche dal summenzionato episodio che ha rivelato al mondo un possibile scenario terroristico fino ad ora occulto dal quale si diramano le basi del terrore nel mondo. C’è sempre un momento per la resa dei conti e a scoprire le carte del male non sempre sono gli uomini , ma una forza misteriosa invisibile e tuttavia reale e provvidenziale che opera nel silenzio toccando questa o quella mente che indotta all’errore permette di svelare la verità. Chi ha in mano le redini del terrorismo ci penserà più a lungo prima di dare l’okay all’esecutore di turno per un attacco clamoroso nella terra africana che il Papa visiterà. Il mondo ha già compreso e tanto basta. A Papa Francesco l’augurio di un viaggio e un ritorno sereno.

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos