IL RICORDO DI GIOVANI ATLETI "TRA LE ONDE,NEL CIELO"

UN FILM A 50 ANNI DALLA TRAGEDIA DI BREMA 1966

TRA_LE_ONDE,_NEL_CIELO_.jpg
In ogni tempo, lo Sport agonistico ha costituito la palestra dove la gioventù, al culmine della sua fisicità, si è sempre cimentata; anche sulla strada dell’orgoglio nazionale, all’insegna di una competizione richiedente il rispetto di imprescindibili canoni legati a valori morali di correttezza e lealtà oltre a quell’alta professionalità che, nel perseguire i migliori risultati, sia capace di rinunce e sacrificio che, qualche volta, il destino ha voluto fosse quello estremo che, nell’Olimpo degli eroi, ha assunto atleti nel pieno della giovinezza, colti non solo sul campo del loro agonismo ma, altrettanto uniti, nella fatalità di un tragico incidente.
cms_3552/foto_2_.jpg
Così è stato a Superga per la gloriosa squadra calcistica del Torino; altrettanto, nell’aeroporto di Brema dove, a bordo del Convair Metropolitan aereo della Lufthansa proveniente da Francoforte schiantatosi il 28 gennaio 1966 in fase di atterraggio, fra le 46 vittime dirette ad un prestigioso meeting- stagione indoor, perirono 7 atleti della Nazionale Italiana di Nuoto che, accompagnata nel tragico destino dall’allenatore Paolo Costoli e dal cronista sportivo RAi Nico Sapio, annoverava le giovanissime promesse del nuoto italiano: il capitano Bruno Bianchi (il più anziano pur con i suoi verdissimi 23 anni), Amedeo Chimisso, Sergio De Gregorio, Carmen Longo, Luciana Massenzi, Chiaffredo Dino Rora e Daniela Samuele appena sedicenne.
cms_3552/foto_4_.jpgA 50 anni da quella tragedia, l’appena trascorso lunedì 7 marzo c.a., alla Casa del Cinema di Roma, con produzione della Modena Buk Festival 2016 in base alla volontà dell’Associazione ProgettArte patrocinata dalla FEDERNUOTO e coadiuvata dalla BPERBanca, è stato presentato il film documentario “TRA LE ONDE, NEL CIELO” il cui autore- regista, Francesco Zarzana, ha ricercato non solo una rievocazione ma anche un tentativo di dare una qualche risposta, ancora rimasta sospesa, sulle reali cause di quella tragedia che, all’epoca, furono ascritte alle avverse condizioni metereologiche; essendosi trascurato di rilevare le risultanze del cattivo funzionamento delle luci della pista di atterraggio, già segnalato con una telefonata registrata dal centralino dell’aeroporto, ma sempre negata dal presunto autore che il regista Zarzana ha ipotizzato nella persona di un istruttore di volo, atterrato a bordo di un piccolo apparecchio un’ora prima del tragico schianto del Convair Metropolitan che potrebbe essere stato indotto da una presumibile non ristabilita agibilità della pista, rispetto alla quale era stata segnalata la carenza di luci di riferimento.
cms_3552/foto_6_.jpg
La testimonianza di parenti e amici dei giovani atleti deceduti nella sciagura di Brema sarà parte integrante del film che, con le note della colonna sonora composta dalla pianista francese Valèrie Marie e con le parole della canzone “Among the waves in the sky” scritta dallo stesso regista Zarzana e affidata all’interpretazione della cantante Eleonora Mazzotti, riportando alla ribalta la professionalità dell’attrice Laura Efrikian (insieme con Lucia Bendia -Claudia Campagnola-ElenaPolic Greco-Marco Morandi); dopo la prima proiezione prevista a Riccione per il prossimo 24 Aprile come sfondo alla celebrazione Coppa Caduti di Brema 2016, approderà al Festival di Cannes 2016 dal 13 al 22 Maggio all’interno del Marchè du Film e sarà rappresentato nel Padiglione Europa sullaCroiset.

Rosa Cavallo

Tags:

Lascia un commento



Autorizzo il trattamento dei miei dati come indicato nell'informativa privacy.
NB: I commenti vengono approvati dalla redazione e in seguito pubblicati sul giornale, la tua email non verrà pubblicata.

International Web Post

Direttore responsabile: Attilio miani
Condirettore: Federica Marocchino
Condirettore: Antonina Giordano
Editore: Azzurro Image & Communication Srls - P.iva: 07470520722

Testata registrata presso il Tribunale di Bari al Nrº 17 del Registro della Stampa in data 30 Settembre 2013

info@internationalwebpost.org
Privacy Policy

Collabora con noi

Scrivi alla redazione per unirti ad un team internazionale di persone dinamiche ed appassionate!

Le collaborazioni con l’International Web Post sono a titolo gratuito, salvo articoli, contributi e studi commissionati dal Direttore responsabile sulla base di apposito incarico scritto secondo modalità e termini stabiliti dallo stesso.


Seguici sui social

Newsletter

Lascia la tua email per essere sempre aggiornato sui nostri contenuti!

Iscriviti al canale Telegram