IL VERO BOSS DELL’ALTA PASTICCERIA E’ PUGLIESE.

Boss_pasticceria_pugliese.jpeg

Da giornalista freelance, golosa e alla continua ricerca delle specialità dolciarie regionali, mi soffermo davanti ad una vetrina che espone un curioso babà al rum. Vengo attratta da una strana pipetta che sormonta questo dolce.

cms_5245/2.jpg

Mi accomodo, faccio l’ordinazione e, in quanto Veneta e degustatrice di alcolici, scopro che questa leccornia inventata dallo zar di Polonia Stanislas Leczinski, solitamente poco umida, mi consente grazie a questa pipetta di irrorarlo di rum a mio piacimento. Questo dolce, delizia dei palati, fu ottimizzata nel 1836 dal Napoletano “Mimì alla ferrovia” che lo rinominò “babbà”.Un vero peccato di gola secondo la Bibbia (proverbi 23:2)Curiosa come un gatto vorrei conoscere il màitre à penser o màitre chocolatier che ha avuto questa intuizione.

cms_5245/Gennaro_Manosperta.jpgMi raggiunge al tavolo Gennaro Manosperta, pugliese verace, nativo di Conversano (Ba) con alle spalle un’interessante esperienza pluriennale nel campo della pasticceria. Mi racconta che alcuni anni fa durante una sua tournèe dimostrativa tenutasi negli U.S.A. venne selezionato per preparare e far assaporare le sue specialità per le feste e per i meeting di diversi V.i.p. dello spettacolo e della politica Americana.Tanti impresari gli proposero di fermarsi negli States, ma lui, di carattere scevro da ogni forma di pubblicità e a causa dei legami familiari, decise di mollare le frequentazioni con il “beau monde” internazionale per tornare in Puglia. Attualmente collabora nella pasticceria di famiglia, frequentatissima, dove accoglie i clienti con le sue leccornie dai sapori ineguagliabili. Una location sobria ed elegante frequentata da veri intenditori del gusto. Sempre intento nella preparazione di ottime tazze di cioccolata calda che solitamente accompagna con eccellenti pasticcini di sua produzione.La sua panna fatta solo con latte fresco locale, i suoi cappuccini cremosi e profumati richiamano clienti da buona parte dell’hinterland Barese.Mi racconta dei successi ottenuti con le “sue” torte non solo a Miami quanto a Holliwood. Persino le attrici più importanti, sempre attente alla dieta, disattendevano i consigli dei loro curatori d’immagine per poter spiluccare quasi tutte le sue specialità.Cerco di tirargli fuori dei nomi ma, da ottimo e riservato padrone di casa, si rifiuta di fare nomi e a conferma di quanto mi stia raccontando, mi mostra alcune foto che lo immortalano con diversi big della musica internazionale, della moda e della politica Statunitense.

cms_5245/3.jpgQuando mi permetto chiedergli qualche suo piccolo segreto professionale mi guarda con aria compassionevole e ironica. Provo a stuzzicarlo chiedendogli le motivazioni per le quali ha sempre rifiutato di apparire o partecipare ai programmi televisivi nazionali. Con falsa modestia cerca di comunicarmi che ogni impasto o farcitura ha un suo piccolo segreto che preferirebbe condividere solamente con il suo unico collaboratore fidato: Domenico, il quale oltre che averlo avviato professionalmente sin dall’infanzia...è anche il suo papà.

cms_5245/Domenico_e_Gennaro.jpg

Una coppia fantastica.Persino la piccola pasticceria, i croissant i pasticciotti ripieni di cioccolato fondente e ricotta di bufala, le zeppole, i cannoli, le frappe, le crostate, le bavaresi o la torta sacher hanno dei particolari ingredienti, segretissimi, che gradirebbe non venissero divulgati. Come se non bastasse i suoi gelati e in particolar modo lo spumone, tipico gelato del sud, è insuperabile per la scelta di sapori e colori. Il suo locale andrebbe paragonato al celeberrimo “paese di bengodi” di Boccacciana memoria, luogo immaginario dove poter trovare benessere e piacere.

cms_5245/4.jpg

Non mi resta che ringraziarlo per l’involontaria intervista che mi ha rilasciato e, prima di lasciarmi andare, avverte con sguardo complice il papà Domenico che mi omaggia di una confezione di dolcetti di pasta di mandorla che sicuramente divorerò in albergo.Gli sussurro gaudente e sorridente:...Gennaro, grazie per il pomeriggio che mi ha fatto passare e ” ad maiora”...ma devo lasciarla per correre in chiesa a confessare i tanti peccati del corpo e della mente che mi ha fatto fare solo per aver visto e assaggiato le sue golosità!

Genny Predolin

Genny Predolin

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


Meteo


News by ADNkronos


Politica by ADNkronos


Salute by ADNkronos


App