IN ITALIA ULTERIORI 10.544 CONTAGI E ALTRI 48 MORTI

I dati dalle Regioni - Covid Italia, Rt stabile ma sale incidenza

20_11_2021.jpg

cms_23882/4.jpg

cms_23882/Min_Sanita_ISS_Prot_Civ.jpgIn Italia ulteriori 10.544 contagi e altri 48 morti

Sono 10.544 i contagi da coronavirus in Italia, secondo numeri e dati covid - regione per regione - nel bollettino di Protezione Civile e ministero della Salute.

Registrati altri 48 morti da ieri. I nuovi contagi sono stati individuati su 534.690 tamponi, il tasso di positività è all’1,97%. I pazienti ricoverati con sintomi sono 4.145 ricoverati (+ 57). In terapia intensiva, 512 persone (+ 9).

cms_23882/italia.jpg

I dati dalle Regioni

(Bollettino Covid-19 delle ore 18,00 - 20 Novembre 2021)

LOMBARDIA - Sono 1.735 i contagi da coronavirus.I tamponi effettuati sono stati 105.057, per un indice di positività dell’1,6%. I morti sono stati 4, per un totale dall’inizio della pandemia di 34.273. I ricoverati negli ospedali lombardi sono 623 (+39) e in terapia intensiva 57 (+1).

Sono 633 i nuovi casi registrati nelle ultime 24 ore in provincia di Mlano, di cui 256 a Milano città. Secondo i dati di Regione, a Bergamo sono 92, a Brescia 178, a Como 85, a Cremona 58, a Lecco 35, a Lodi 31, a Mantova 65, a Monza e Brianza 196, a Pavia 52, a Sondrio 9 e a Varese 239.

LAZIO - Sono 1.229 i contagi da coronavirus. Registrati altri 4 morti. A Roma 598 nuovi casi. Su 45.242 tamponi (15.133 molecolari e 30.109 antigenici), si registrano 1.229 nuovi casi positivi (+140); 4 i decessi (-2), 611 i ricoverati (+5), 85 le terapie intensive (+4) e +709 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 2,7%. I casi a Roma città sono a quota 598.

Nelle ultime 24 ore nella Asl Roma 1 i casi sono stati 127 ed è stato registrato anche un decesso. Nella Asl Roma 2 i nuovi contagi sono stati 267 mentre nella Asl Roma 3 i nuovi casi sono sati 204. Nella Asl Roma 4 si registrano 68 contagi, nella Asl Roma 5 sono 118 con un decesso. Un morto anche nella Asl Roma 6 dove i casi sono 135. Nelle province si registrano in tutto 310 nuovi casi di cui 75 nella Asl di Frosinone; 147 nella Asl di Latina, dove si registra anche un morto; 35 nella Asl di Rieti e 53 nella Asl di Viterbo.

CAMPANIA - Sono 885 i contagi da coronavirus. I nuovi casi sono stati individuati sull’analisi di 29.048 test. Nel bollettino odierno è inserito un nuovo decesso. In Campania sono 24 i pazienti covid ricoverati in terapia intensiva e 298 i pazienti covid ricoverati nei reparti di degenza.

PIEMONTE - Sono 538 nuovi contagi da coronavirus. Eseguiti 52.757 tamponi, di cui 45.407 antigenici. Quattro i decessi. I ricoverati in terapia intensiva sono 29 (-1). I ricoverati non in terapia intensiva sono 310 (+14). Le persone in isolamento domiciliare sono 6.782.

BASILICATA - Sono 22 i nuovi contagi da Coronavirus.Eseguiti 980 tamponi molecolari e non si registrano decessi. I lucani guariti o negativizzati nella giornata di ieri sono 15. I ricoverati negli ospedali di Potenza e di Matera sono 23 (-1) e di questi 2 sono in terapia intensiva mentre gli attuali positivi residenti in Basilicata sono in tutto 976 (+4). Per la vaccinazione, ieri sono state effettuate 2.512 somministrazioni di cui 2.000 sono terze dosi. Finora 435.454 lucani hanno ricevuto la prima dose del vaccino (78,7% del totale della popolazione residente), 399.969 hanno completato il ciclo vaccinale (72,3%) e 23.395 sono le terze dosi, per un totale di 858.818 somministrazioni effettuate.

ABRUZZO - Sono 181 i nuovi contagi da coronavirus. Si registra un altro decesso. I nuovi casi di positività portano il totale dall’inizio dell’emergenza a 85661. Il bilancio dei pazienti deceduti sale a 2574. Nel numero dei casi positivi sono compresi anche 79789 dimessi/guariti (+111).

Gli attualmente positivi (calcolati sottraendo al totale dei positivi, il numero dei dimessi/guariti e dei deceduti) sono 3298 (+69), nel totale sono ricompresi anche 621 casi riguardanti pazienti persi al follow up dall’inizio dell’emergenza, sui quali sono in corso verifiche. Sono 84 i pazienti (-6) ricoverati in ospedale in area medica; 11 (=) in terapia intensiva, mentre gli altri 3203 (+102) sono in isolamento domiciliare con sorveglianza attiva da parte delle Asl.

Nelle ultime 24 ore sono stati eseguiti 4297 tamponi molecolari (1544574 in totale dall’inizio dell’emergenza) e 9937 test antigenici (1231044). Il tasso di positività, calcolato sulla somma tra tamponi molecolari e test antigenici del giorno, è pari a 1.27 per cento. Del totale dei casi positivi, 22035 sono residenti o domiciliati in provincia dell’Aquila (+51), 21523 in provincia di Chieti (+46), 20336 in provincia di Pescara (+37), 20945 in provincia di Teramo (+48), 693 fuori regione (=) e 129 (-1) per i quali sono in corso verifiche sulla provenienza.

SARDEGNA - Sono 140 i nuovi contagi da coronavirus. Si registra inoltre un altro morto. 2.462 le persone testate. Sono stati processati in totale, fra molecolari e antigenici, 7.676 test. I pazienti ricoverati nei reparti di terapia intensiva sono 10 (=). I pazienti ricoverati in area medica sono 44 (+2). Sono 2.079 i casi di isolamento domiciliare (+67).

EMILIA ROMAGNA - Sono 1.014 i nuovi contagi, su un totale di 33.128 tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore. La percentuale dei nuovi positivi sul numero di tamponi fatti è del 3,06%.

Si registrano 7 decessi: uno a Piacenza (una donna di 68 anni), uno a Reggio Emilia (una donna di 79 anni), uno a Bologna (una donna di 89 anni), due in provincia di Ferrara (2 uomini di 76 e 70 anni) e due in provincia di Forlì-Cesena (2 donne di 91 e 90 anni). In totale, dall’inizio dell’epidemia, i decessi in regione sono stati 13.696. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 49 (+4), 468 quelli negli altri reparti Covid (+12).

FRIULI VENEZIA GIULIA - Sono 533 i contagi da coronavirus.Registrati altri 5 morti. Nel dettaglio, su 8.313 tamponi molecolari sono stati rilevati 494 nuovi contagi con una percentuale di positività del 5,94%. Sono inoltre 14.985 i test rapidi antigenici realizzati, dai quali sono stati rilevati 39 casi (0,26%).

5 i decessi (un uomo di 87 anni e uno di 64 entrambi di Trieste deceduti in ospedale, una donna di 80 anni di Trieste deceduta in ospedale, una donna di 94 anni di Udine deceduta in ospedale e un uomo di 91 anni di Gorizia deceduto nel proprio domicilio). Le persone ricoverate in terapia intensiva sono 25, mentre i pazienti in altri reparti risultano essere 194.

VENETO - Sono 1.283 i contagi da coronavirus. I pazienti ricoverati sono 421 (+ 8): in area non critica 357 persone (+ 6), in terapia intensiva 64 pazienti (+ 2). Non si registrano morti nelle ultime 24 ore. Da ieri dimesse 26 persone dagli ospedali.

PUGLIA - Sono 284 i nuovi contagi da coronavirus.I nuovi casi di positività sono stati rilevati su 20.720 test giornalieri. Sono 3.811 le persone attualmente positive nella Regione, 149 quelle ricoverate in area non critica, 16 in terapia intensiva.

Da inizio emergenza, in Puglia sono stati registrati 277.005 casi totali, 4.558.197 i test eseguiti, sono 266.321 le persone guarite e 6.873 i decessi.

TOSCANA - Sono 518 i contagi da coronavirus, rilevati su 10.191 tamponi molecolari e 19.446 tamponi antigenici rapidi, di questi l’1,7% è risultato positivo. Sono invece 9.038 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 5,7% è risultato positivo.

Gli attualmente positivi sono 7.746 (+2,7%). I ricoverati sono 301 (-8), di cui 38 in terapia intensiva (-3). Oggi si registrano 3 nuovi decessi: un uomo e 2 donne con un’età media di 80,3 anni. Sono state effettuate complessivamente 6.131.738 vaccinazioni (+17.565).

VALLE D’AOSTA - Sono 48 i contagi da coronavirus. I positivi attuali sono 328 di cui 319 in isolamento domiciliare, 8 ricoverati in ospedale e 1 in terapia intensiva.i guariti complessivamente sono 11.852 (+5).I casi complessivamente testati sono 95.234, i tamponi fino ad oggi testati sono 263.660. I decessi di persone risultate positive al virus da inizio epidemia ad oggi sono 477.

cms_23882/CORONAVIRUS-_NOTIZIE_E_PROVVEDIMENTI.jpg

cms_23882/COVID_BANDIERA_ITALIANA.jpgCovid Italia, Rt stabile ma sale incidenza

Situazione coronavirus in Italia, Rt nazionale stabile a 1,21 mentre l’incidenza è ancora in aumento con 98 contagi su 100mila abitanti. Questi i dati del report settimanale Iss, che segnala anche un lieve calo ospedaliero a 1,09 mentre crescono i ricoveri: terapie intensive al 5,3% e aree mediche al 7,1%. Tutta Italia a rischio moderato, con una regione - il Friuli Venezia Giulia - verso il rischio alto. Forte l’aumento dei casi non associati a catene trasmissione.

INCIDENZA IN AUMENTO

Continua ad aumentare l’incidenza nazionale di Covid in Italia: secondo i dati principali del monitoraggio della Cabina di Regia, comunicati dall’Istituto superiore di sanità (Iss), si sale a quota 98 nuovi casi per 100mila abitanti (periodo 12-18 novembre) contro la rilevazione precedente di 78 per 100mila abitanti (periodo 5-11 novembre). I dati a cui si fa riferimento sono del flusso ministero Salute.

RT STABILE SOPRA SOGLIA EPIDEMICA

Rispetto alla settimana precedente in Italia risulta stabile a 1,21 l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici (periodo 27 ottobre-9 novembre). L’Rt è comunque al di sopra della soglia epidemica (range 1,14-1,26).

"E’ invece in leggera diminuzione, ma ancora sopra la soglia epidemica - rileva ancora l’Iss - l’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero", pari questa settimana a 1,09 (range 1,04-1,14) secondo la rilevazione al 9 novembre. Era a quota 1,14 la settimana precedente (rilevazione al 2 novembre).

CRESCONO RICOVERI IN TERAPIA INTENSIVA

Continuano a salire i ricoveri e i pazienti Covid nelle terapie intensive d’Italia. Il tasso di occupazione di posti letto in terapia intensiva è al 5,3% a livello nazionale, secondo la rilevazione giornaliera del ministero della Salute al 18 novembre. La settimana prevedente era del 4,4% (dato all’11 novembre). Il tasso di occupazione posti letto nelle aree mediche a livello nazionale sale al 7,1% (rilevazione ministero Salute al 18 novembre), contro il dato precedente del 6,1%.

TUTTA ITALIA A RISCHIO MODERATO, FVG VERSO RISCHIO ALTO

Tutte le 21 regioni/province autonome d’Italia risultano classificate a rischio moderato. Ma tra queste, "una Regione è ad alta probabilità di progressione a rischio alto secondo il DM del 20 aprile 2020". Dalla bozza del monitoraggio emerge che è il Friuli Venezia Giulia ad essere classificato "ad alta probabilità di progressione" verso un rischio più elevato. La probabilità di una escalation nei prossimi 30 giorni, del rischio di superare soglie critiche nell’occupazione di posti letto da parte di pazienti Covid, viene data come superiore al 50% sia per le terapie intensive che per le aree mediche. Sono 11, spiega l’Iss sintetizzando i dati del monitoraggio, le regioni che riportano una singola allerta di resilienza. Nessuna riporta invece molteplici allerte di resilienza.

FORTE AUMENTO CASI NON ASSOCIATI A CATENE TRASMISSIONE

E’ in forte aumento in Italia il numero di nuovi casi Covid non associati a catene di trasmissione note: 15.773 contro 11.001 della settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è stabile (34%, come la scorsa settimana), mentre è in diminuzione la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (45%, contro 48%). Aumenta invece la percentuale di casi diagnosticati attraverso attività di screening (21%, contro 18%).

International Web Post

Tags:

Lascia un commento



<<Pagina Precedente | Stampa | Torna Su


News by ADNkronos


Salute by ADNkronos